• 0 Commenti

Vorrei Leggere: Fumetsu no Anata e

Salve a tutti nanodiani e nanodiane e bentornati su questa rubrica di serie che vorrei tanto vedere pubblicate dai nostri editori italiani!

L’ultimo appuntamento con questa rubrica risale a Gennaio, quando vi ho parlato di Yakusoku no Neverland, una serie tra il thriller e il dark-fantasy attualmente ancora pubblicata su Shonen Jump.

Questa volta invece vorrei parlarvi sempre di un titolo che sto seguendo dall’inizio della sua pubblicazione, un’opera dalle tinte fantasy, con un protagonista un po’ sui generis, ovvero Fumetsu no Anata e (Per la tua Immortalità).


Fumetsu no Anata e Manga

Questa interessantissima serie ha iniziato la sua pubblicazione il 9 Novembre 2016, sulle pagine di Weekley Shonen Magazine, ed in poco tempo è riuscito a catturare il pubblico, sfruttando anche l’elemento di sorpresa creato dal protagonista e situazioni spesso strappalacrime.

Fumetsu no Anata e Trama

Un essere misterioso rilascia una sfera sul pianeta. La sfera una volta giunta sulla superficie viene in contatto con un sasso e ne prende la forma. Passa del tempo e arriva l’inverno, ed un lupo ferito si avvicina al sasso e muore su di esso. Sotto la carcassa dell’animale il sasso si tramuta nel lupo ferito, che in pochi secondi rigenera la ferita e inizia a vagare in cerca di nuove sensazioni e odori. Vagando in mezzo alla neve senza alcuna meta precisa, il lupo giunge a quella che sembra una piccola baita. Qui un ragazzo lo accoglie, chiamandolo Johann, lo accoglie al caldo della capanna facendogli provare altre sensazioni e gli da del cibo per la prima volta. Sembra che il ragazzo sia stato abbandonato dal resto del villaggio che aveva lasciato lui e i suoi nonni in questi luoghi per partire in viaggio e cercare una terra migliore, promettendo di tornare con dei souvenir una volta trovata la nuova terra dei sogni.

Spronato dalla disperazione il ragazzo senza nome dopo qualche giorno decide di mettersi in viaggio, seguendo poco alla volta la direzione verso la quale si erano recati gli altri, trovando via via lungo la strada delle tracce del loro passaggio come frecce dipinte su dei sassi. Assieme a Johann, il ragazzo prosegue il suo viaggio avventuroso arrivando a un lago ghiacciado dove si ferisce, proseguendo il viaggio fino a giungere a quello che sembra un vicolo cieco. Stanco e demoralizzato, oltre che ferito, il ragazzo si pente d’aver scoperto che tutto il resto del villaggio era giunto sin lì, solo per morire, e decide di tornare a casa. Qui purtroppo la ferita sembra essersi infettata e in poco tempo lo porta alla morte. Prima di morire il ragazzo chiede al suo lupo di non dimenticarsi mai di lui. Spinto da sensazioni e sentimenti provati per la prima volta, il lupo si trasforma nel ragazzo senza nome, e lasciando il cadavere a riposare sulla sua sedia, esce dalla porta intraprendendo un nuovo viaggio da solo.

Camminando, alla ricerca di nuove sensazioni ed emozioni, il suo destino si intreccerà con quello della piccola March, una bimba che è stata prescelta come sacrificio al dio della montagna, e che per la prima volta gli darà il nome Fushi, avendo compreso che il ragazzo/lupo è immortale (infatti immortale si dice “fujimi“), spalancando un nuovo mondo dinnanzi al ragazzo immortale, che lo porterà a conoscere sentimenti positivi e negativi.

Fumetsu no Anata e Valutazione

Il solo primo capitolo è stato in grado in una settantina di pagine di farmi commuovere fino alle lacrime, e questo per una serie appena nata devo ammettere che è un gran traguardo. Il tratto e l’ambientazione mi ha ricordato un po’ Vinland Saga e mi è piaciuto molto come le vicende nei capitolo successivi si evolvono, con il protagonista che pian piano apprende nuove cose e diventa un essere senziente in tutto e per tutto, combattendo per la propria sopravvivenza e per quella delle persone a lui care, prendendo la forma delle persone che finiscono per lasciarlo lungo la strada, morendo. Una serie profonda, che tratta argomenti come la morte, l’accettazione della stessa e il combattere il proprio destino.

Il tratto di Yoshitoki Ōima è davvero aggraziato, con vignette sempre piene di chine, retinature o fondali.

Il manga è pubblicato da Kodansha su Weekley Shonen Magazine, è giunto al 4° volume ed è ancora in corso.

Consigliato ai fan dei manga fantasy low magic.


Autore: Shinji Kakaroth

Scritto da Shinji Kakaroth il nelle categorie: Vorrei Leggere