• 0 Commenti

Vorrei Leggere: Fire Punch

Carissime amiche e amici nanodiani, bentornati ancora una volta in questa rubrica di recensioni e previsioni di acquisti di serie che potrebbero venire licenziate in futuro da case editrici italiane.

L’ultima volta che ci siamo sentiti in questa rubrica vi avevo parlato di Monster Musume, che è poi stata annunciata da J-Pop e attualmente siamo tutti in attesa dell’uscita del primo volume.

Questa volta cambiamo radicalmente genere, per cui dall’harem facciamo un salto di fede verso la fantascienza condita di poteri soprannaturali, in questa serie truculentissima intitolata Fire Punch.

ATTENZIONE: Consigliato ad un pubblico maturo

Fire Punch Manga

Se vi aspettate dal titolo un manga di boxe, rimarrete di sasso, idem se cercavate una serie di lotta demenziale come One Punch-Man.

Fire Punch Trama

Ci troviamo in un mondo del futuro, scampato a una tragedia causata dalla Strega dei Ghiacci che ha portato sul mondo una nuova era glaciale e ha quasi fatto estinguere la razza umana, che come sempre è riuscita a sopravvivere in un modo o nell’altro. La Strega altri non è se non una “benedetta”, una nuova razza di individui che è nata non si sa bene come e quando, ma chi nasce “benedetto” ha un qualche potere speciale, che sia quello di creare dal nulla ghiaccio, fiamme, elettricità o anche la rigenerazione cellulare. Agni e Luna sono fratello e sorella, entrambi dotati della benedizione della rigenerazione, che dopo essere scampati a diverse persecuzioni a causa delle loro doti, sono stati accolti in un piccolo villaggio in cui ora vivono felici in questo freddo mondo.

Nonostante tutto, cercano di aiutare la gente, cacciando o offrendo loro la propria carne, tagliandosi a turno le braccia, visto che comunque poi a loro ricrescono in poco tempo. Purtroppo non tutti sono d’accordo con questa scelta e per non diventare “cannibali” decidono di lasciarsi morire, mentre altri sono disposti a venire a patti con la propria coscienza pur di sopravvivere. Un giorno nel loro villaggio giunge dal cielo un aereo, al cui interno si trovano dei soldati di Behemdorg, che cercando razioni e carburante. Doma, quello che pare il loro comandante, sembra essere quello con maggior rispetto e contegno, eppure quando uno dei soldati scopre resti umani all’interno di una delle case, l’uomo con il suo potere da benedetto, da’ fuoco a tutte quelle persone marchiate come cannibali, asserendo che la sua fiamma non si spegnerà mai finché non consumerà ciò su cui si è posato.

Agni si riprende dopo la partenza dell’aereo, e attorno a lui tutto è in cenere eppure lui, a causa della sua benedizione non riesce a morire. La fiamma di Doma lo brucia, eppure la rigenerazione lo tiene in vita, alternando un ciclo continuo di distruzione e rigenerazione che gli causa ovviamente una straziante agonia. L’unico pensiero che gli passa per la testa è che vuole morire, mentre l’altro va a sua sorella, chiedendosi se la ragazza sia ancora viva. Purtroppo anche Luna è stata colpita dalle fiamme di Doma, ma a causa del fatto che la sua rigenerazione non possiede la stessa velocità di quella del fratello, pian piano la ragazza inizia a tramutarsi in cenere. Sarà con l’ultimo respiro che ha in gola che la ragazza chiederà uno straziante favore al fratello, “Vivi!

Passano gli anni e pian piano Agni inizia ad imparare a sopportare il dolore, fino a riuscire a muoversi nuovamente come una normale persona ed ora l’unica cosa che gli brucia nel petto è l’odio e il desiderio di vendetta contro Doma, che l’ha condannato a una sorte simile. L’uomo lambito da lingue di fuoco perenni inizia a vagare alla ricerca della città natale di Doma, bruciando qualsiasi bastardo osi mettersi sulla sua strada.

Fire Punch Valutazione

Quello che vi ho raccontato è tipo il primo capitolo della serie ed è qualcosa di veramente fantastico, visto che per riassumere ho dovuto saltare qualche particolare qui e là che aggiunge del pepe a tutto. Quando ho letto il fatidico primo capitolo ho subito pensato sia per temi che per design dei personaggi a Tsutomu Nihei, ma poi ho scoperto che il disegnatore di questo manga si chiama Tatsuki Fujimoto. I personaggi sono davvero fuori dagli schemi, mostrandoci in che baratro di follia sia potuta cadere questa nuova umanità, pronta a fare salti indietro ricadendo nella schiavitù e nelle esecuzioni sommarie.

Sia la storia che il tratto sono molto curati, sia dal punto di vista stilistico che vignettistico, riuscendo ad alternare come si deve momenti più chiari a tinte più fosche e scure. Non si risparmiano neanche le scene truculente, splendidamente ideate e disegnate.

Il manga è pubblicato da Shueisha sulla rivista digitale Shonen Jump+ a cadenza settimanale, è giunto al volume 2  ed è ancora in corso.

Consigliato ai fan delle serie alla Tsutomu Nihei, piene di morti, violenza e sentimenti.

Autore: Shinji Kakaroth

Scritto da Shinji Kakaroth il nelle categorie: Vorrei Leggere