• 1 Commenti

The Seven Deadly Sins: Knights of Britannia

The Seven Deadly Sins: Knights of Britannia

Mentre in patria sta andando in onda la seconda stagione animata, Bandai ci riesce a stupire con questo nuovo titolo, il primo dedicato alla serie The Seven Deadly Sins (Nanatsu no Taizai).

The Seven Deadly Sins: Knights of Britannia Gameplay

The Seven Deadly Sins: Knights of Britannia Trama

C’era una volta, in un paese molto lontano chiamato Britannia, uno scontro epocale tra Demoni, Divinità, Fate, Giganti e Umani! Una volta concluso quello scontro la razza umana ha prosperato e ha preso possesso della regione, mentre l’idea degli esseri fatati scemava quanto i loro avvistamenti. Gli esseri umani più potenti venivano chiamati Cavalieri Sacri, erano temuti e godevano di grandissimo rispetto… tra loro spiccava una squadra di cavalieri reietti, la squadra di cavalieri più potenti mai esistita, ed erano tanto temuti che ognuno di essi portava il marchio e il nome del peccato capitale che avevano commesso in passato, i Seven Deadly Sins. A causa di un incidente di cui erano stati incolpati, questi potenti cavalieri svanirono dalla scena, finendo per vivere in latitanza, ricercati con delle taglie altissime sulla propria testa.

Un giorno al Boar Hat compare una ragazza in un’enorme armatura, Elizabeth. Il proprietario della locanda e il suo maiale parlante Hawk, la accolgono e scoprono che i Cavalieri Sacri la stanno cercando, infatti lei è la principessa del regno di Liones, dove i Cavalieri Sacri hanno appena fatto un colpo di stato. Per riuscire a riprendere il regno dalle mani dei cavalieri, Elizabeth è alla ricerca dei Seven Deadly Sins, visto che anche il re, suo padre, le aveva sempre detto che se si fosse trovata nei guai avrebbe dovuto rivolversi a loro. Messa alle strette da un Cavaliere Sacro la ragazza però verrà aiutata dal proprietario della locanda, che si rivelerà essere il Capitano dei Seven Deadly Sins, Meliodas Dragon’s Sin of Wrath.

Sconfitti i nemici, Meliodas deciderà di aiutare la principessa, visto che al momento anche lui aveva intenzion di radunare la sua vecchia squadra per capire cosa fosse successo dieci anni prima, quando il gruppo venne falsamente accusato di aver ucciso il Gran Cavaliere Sacro Zaratras. Avrà così inizio il viaggio di Meliodas ed Elizabeth in giro per città e villaggi ad aiutare la gente, allo stesso tempo raccogliendo informazioni sulla locazione degli altri Seven Deadly Sins, che man mano si aggiungeranno al loro gruppo.

The Seven Deadly Sins: Knights of Britannia Valutazione

La trama è praticamente quella del manga/anime. Il gioco funziona in modalità missioni, come un Musou, ovvero utilizzi un personaggio in terza persona che combatte contro più nemici allo stesso tempo. Man mano che si prosegue, si sbloccano le nuove missioni e si aggiungono personaggi al proprio gruppo.

Molto carina la grafica che riproduce in CG la storia della serie, con mosse speciali molto fighe (anche se non siamo ai livelli di Dragon Ball FighterZ XD).

Come ho già detto prima, ci sono principalmente due tipi di gioco, ovvero la Modalità Avventura, in cui si compiono missioni seguendo la storia della serie, e la Modalità Duello, che trasforma il gioco in un picchiaduro 1 vs 1. Durante la storia, si possono scegliere, finché possibile, diverse avventure opzionali per aumentare esperienza o oggetti dei personaggi equipaggiabili.

Oltre ai normali scontri che sbloccheranno a fine missione ulteriori quest, ci sono delle piccole quest in cui si vestiranno i panni di Elizabeth e Hawk, che gironzoleranno per la foresta alla ricerca di particolari oggetti sparpagliati in giro, e mentre con Elizabeth dovrete raccoglierli, con Hawk dovrete ovviamente proteggere la principessa. Con queste particolari quest, e distruggendo palazzi o alberi durante gli scontri più accesi, è possibile ottenere oggetti con cui creare oggetti magici all’interno di una dettagliata mappa, che possono essere equipaggiati ai personaggi per aumentare dei bonus di vita o di attacco.

Nella modalità storia, proseguendo la storia e le quest, si aggiungono nuove quest, in base alle dicerie che si raccolgono a fine missione, e dopo i primi scontri tutorial è possibile usare la madre di Hawk per girare allegramente per la mappa e scegliere di dirigersi liberamente verso la missione che si preferisce. A fine missione si ottengono un grado e dei punti in base ai risultati e i danni fatti in battaglia.

La colonna sonora è davvero carina e ritmata, con canzoni veloci e rockeggianti durante gli scontri, oltre ai temi tipicamente fantasy di cui la serie è piena.

Ottimo adattamento, con sottotitoli in italiano sul parlato giapponese originale. Certe volte delle traduzioni sembrano adattate un po’ alla larga rispetto al parlato giapponese, ma nulla di troppo assurdo.

Il videogioco è pubblicato da Bandai e potete acquistarlo in diverse versioni a partire da 50 €.

Consigliato ai fan della serie.


The Seven Deadly Sins: Knights of Britannia Voti

Trama: 4,5/5

Gameplay: 4/5

Musiche: 4,5/5

Animazioni: 4,5/5

Adattamento: 4,5/5

Autore: Shinji Kakaroth

Scritto da Shinji Kakaroth il nelle categorie: Games