• 2 Commenti

Yoshiyuki Tomino a Romics 2017 – 6-9 Aprile

Ebbene sì, appena son tornato dal lavoro mi ritrovo questa bella news direttamente dal sito ufficiale del Romics!

Dopo un pezzo grosso come Go Nagai il padre di Mazinga Z, Goldrake e Devilman, ospite alla scorsa edizione, quest’anno come ospite d’onore a per ricevere il Romics d’Oro è stato invitato il papà di un’altra serie storica come Mobile Suit Gundam, Yoshiyuki Tomino.


Yoshiyuki Tomino sarà l’ospite d’onore di Romics, racconterà la storia della creazione di Mobile Suit Gundam, una delle serie robotiche più amate al mondo e incontrerà i suoi fan. Accanto a lui Naohiro Ogata, producer della serie Mobile Suite Gundam Thunderbolt. Appuntamento a Romics, 6 – 9 aprile.


Come forse anche i più smemorati dovrebbero sapere, il sensei Tomino ha colorato per anni le basi di serie robotiche di rilevanza storica, come Raideen, Vultus V, Zambot 3, Daitarn 3, Xabungle, Dunbine, Ideon, ed ovviamente la serie che ha creato un impero saldo e ancora vivo tutt’ora, ovvero Mobile Suit Gundam. La serie non solo nel corso di quasi 40 anni è riuscita ad evolversi, cambiando di continuo faccia e temi, per poter essere fruibile anche a diverse generazioni e fasce di pubblico, tra cui l’ultima serie legata all’UC Mobile Suit Gundam Thunderbolt, di cui sarà presente il produttore Naohiro Ogata, ma la cui saga storica principale è attualmente ancora soggetto di animazione, attraverso gli OVA Gundam Origini, che ci mostrano il triste passato di Casval/Char Aznable.

L’ultima serie di Gundam a cui Tomino ha legato il suo nome è intitolata Gundam Reconguista in G, ed è stata trasmessa dalle reti nipponiche nel 2014. Con una regia rocambolesca che non spiega sfacciatamente le trame, ma costringe lo spettatore a capirle dai dialoghi dei personaggi, Tomino è riuscito per l’ennesima volta a mostrarci che è ancora pronto a mettersi in gioco.

Abbiamo intervistato già un paio di volte il sensei Tomino, e sepriamo di poter ripetere la cosa anche questa volta.

Autore: Shinji Kakaroth

Scritto da Shinji Kakaroth il nelle categorie: Convention