• 16 Commenti

Wasabi: curiosità e utilizzi della radice giapponese.

Il Wasabi non si utilizza solamente per Sushi e Sashimi, è usato in molti altri modi.

waasabi

Per esempio quando si prepara la Soba (tagliatelle di grano saraceno), si puo addizionare del Wasabi nella salsa del condimento, c’è chi la mischia alla maionese e cosi via, l’importante è avere fantasia in cucina e trovare sempre il modo di usare tutti gli ingredienti e metterli nel posto giusto!

È ampiamente conosciuto e usato come condimento per il Sushi, ma come detto sopra può essere usato in molti altri cibi. Fa parte della famiglia delle Brassicacee di cui fanno parte il cavolo, ravanello e la senape.

utilizzi del wasabi

La sua radice è usata come spezia e ha un fortissimo sapore, cresce spontaneamente lungo i ruscelli di montagna nelle valli del giappone.

Una curiosità è quella del Gelato al Wasabi, molto amato in Giappone e lo si trova in molti ristoranti e gelaterie, servito a volte con scaglie di cioccolato sopra, se vedete una cosa verde sopra ad un cono vi consiglio di chiedere prima se il gusto sia, Tè verde o Wasabi per non incorrere in orecchie sputa fuoco e occhi rossi lacrimanti XD.

gelato al wasabi

gelato wasabi

ll wasabi è una pasta di colore verde che si ottiene dal rizoma (cioè una parte della radice) di una pianta, la Wasabia japonica, della famiglia delle Brassicacee di cui fanno parte il cavolo, ravanello e la senape.

E’ molto utilizzato nella cucina orientale, soprattutto quella Giapponese; ha un aroma molto particolare, diverso da quelli dei cibi occidentali a cui siamo abituati. Il suo sapore è molto forte, piccante: non è però la lingua a percepire il suo gusto, ma piuttosto la gola e la parte superiore del palato. (IO DIREI IL CERVELLO XD Spike ndr).

Viene usato per accompagnare il pesce crudo, ad esempio il sushi o il sashimi, oppure può essere aggiunto alla salsa di soia. Può anche essere usato per condire le insalate o le verdure.

Può essere venduto sia sotto forma di pasta che sotto forma di polvere: tra le due è però preferibile la pasta, poiché il wasabi essiccato, da cui si ricava poi la polvere, perde molto del suo aroma.

Il wasabi migliore è in realtà quello fresco, difficile da trovare anche nella sua patria, dove è venduto di solito in tubetti. Quando lo si acquista, bisogna stare attenti che non si tratti di un’imitazione: il wasabi infatti è molto costoso e quindi soggetto ad essere sostituito, ad esempio, con polveri di rafano.

Il wasabi originale in Giappone è chiamato hon-wasabi.

tubo wasabi

Solitamente viene servito in ciotoline a parte ed in quantità molto ridotte.

In Giappone viene grattuggiato con un’apposito attrezzo chiamato Oroshigane, ricoperto dalla pelle di Samè, cioè di razza (L’animale simile alla manta eh!)

grattugia wasabi samè wasabi

Con la polvere di wasabi è possibile preparare degli snack o dei biscotti, oppure può essere aggiunto a preparazioni salate per aromatizzare pesce o carni.

Wasabi ha anche dato il nome ad un film, “Wasabi“, appunto, in cui l’attore Jean Reno visita per la prima volta Tokyo, dove scopre questo ingrediente e lo mangia in grandi quantità con disinvoltura.

Autore: spikemet

Scritto da spikemet il nelle categorie: Cucina Giapponese