• 0 Commenti

Takeshi Kitano: Akiretsu to Kame premiato al Festival del Cinema greco di Salonicco

Takeshi Kitano, attore e regista di opere famose come Dolls e il nuovo Battle Royale, è stato insignito del Golden Alexander per il suo ultimo capolavoro, Akiresu to Kame presentato durante la quarantanovesima edizione del Festival internazionale del Cinema di Salonicco, Grecia.

takeshi-kitano-film-festival

Il Festival di Salonicco (14-23 Novembre 2008) è giunto alla sua quarantanovesima edizione. E’ ormai considerato nei Balcani come la principale vetrina per i nuovi registi emergenti, come pure per i principali festival del cinema nella regione.
Presenta film internazionali, un vasto panorama di film greci e numerose retrospettive ed omaggi a personalità di spicco nel mondo del cinema.

In questo panorama, Takeshi Kitano presenta Akiresu to Kame. Il titolo, in italiano, può essere letto come “Akiresu e la Tartaruga”. Un film che vede il Maestro impegnato nell’interpretazione di un pittore privo di talento e una moglie gravemente malata. Akiresu si ostina a perseguire il suo cammino artistico nonostante non riesca a vendere le sue opere; questo lo condurrà a profonde riflessioni psicologiche.

Akiresu to Kame

Takeshi Kitano ha dichiarato, molto modestamente: “Sono felice di ricevere il premio da parte di persone in questo paese con una lunga storia. Ho veramente apprezzato. Nel contempo, mi sento un po’ imbarazzato per aver ricevuto un premio tanto prestigioso”.

Il premio è stato consegnato a Kitano da George Corraface, presidente del Festival e da Despina Mouzaki, la direttrice.

Takeshi Kitano Award

“Mi sento incentivato a migliorare il mio lavoro, grazie a questo premio. Spero in futuro di tornare a Salonicco con un nuovo film, che mi faccia vincere un altro premio! Cercherò di fare del mio meglio per diventare un regista che si migliora ogni giorno. Grazie”.

Fonte: Mainichi Japan
Per maggiori informazioni sul Film, sito ufficiale del Festival del Cinema Greco di Salonicco

AP Photo: Nikolas Giakoumidis

Autore: Ryuichi

Scritto da Ryuichi il nelle categorie: Editoriali