• 8 Commenti

The Record of Fallen Vampire

Hai perso il tuo regno mille anni fa. La tua sposa è imprigionata in un mondo segreto. Una maledizione ti insegue dovunque tu vada. Braccato dai Dhampir senza sosta. La razza umana brama il tuo potere per fronteggiare una pericolosa minaccia. Il tuo nome è STRAUSS, il Re Vampiro e sarai condannato a vagare nelle tenebre… Sono queste le parole di apertura di uno dei manga più appassionanti legati al tema del Vampiro. Dopo il grande successo di Twilight, The Record of Fallen Vampire vi farà sognare e rabbrividire. Dal 29 Gennaio su TURN OVER in edicola e fumetteria.

Questa è la presentazione di Star Comics per questo interessante gothic manga.

The Record of Fallen Vampire (Vampire Juujikai) ci fa tornare nelle cupe atmosfere dove regnano vampiri e dhampir (mezzo sangue uomini/vampiri). Se oggi il cinema e la letteratura godono del fenomeno Twilight, il panorama manga italiano apre le porte al Re Strauss, essere millenario che vaga per lande desolate in cerca del luogo in cui la sua regina è stata imprigionata, seguito da creature che bramano il suo sangue. Egli dovrà combattere contro il tempo scandagliato da una maledizione.

Esisteva un tempo in cui i vampiri avevano un proprio regno, quello della notte; Strauss Rosa Rossa ne era il re. Il suo immenso potere fu visto dagli umani e dagli stessi altri vampiri come una minaccia e fu deciso di eliminarlo. Quando il re si trovò in serio pericolo la sua regina Raggio di Luna Corrosivo scatenò tutta la sua potenza magica che neppure ella sapeva controllare, che causò la devastazione del mondo. Così fu deciso di imprigionarla sigillandola: per evitare che Strauss la liberasse furono creati innumerevoli sigilli falsi e sparsi per il mondo, tanto che ora nemmeno gli umani e i damphir sanno più qual è quello vero. Perso il suo regno il re dedicò la sua esistenza alla ricerca della sua amata consorte e ancora oggi dopo più di mille anni non è ancora riuscito a trovarla.

Se da un lato i mezzosangue che tentano di ostacolarlo non rappresentano una grossa minaccia per lui, esiste un essere immortale chiamato Cigno Nero che potrebbe farlo; questa è un essenza che si impadronisce di corpi prescelti donando loro il potere di annullare le magie vampiresche e che vuole nativamente uccidere il re della stirpe maledetta. Qualora il corpo dovesse perire il combattimento Cigno Nero ne cercherebbe un altro per reincarnarsi diventando ogni volta più potente, uno scontro eterno che obbliga Strauss a dover combattere contro il tempo poiché prima o poi quell’aumento di forza magica a ogni resurrezione dello spirito porterà alla sua sconfitta, inevitabile.

Se non vi bastasse questa epopea, sappiate che la storia principale, il vero filone narrativo, è un altro… c’è un motivo per cui gli umani braccano il re vampiro… c’è un perché, una minaccia, che necessita, per essere contrastata, di un grande potere, quello celato nella linfa vitale di Strauss…

Trama a parte, la cosa più interessante è lo stile narrativo improntato da Kyo Shirodaira: durante la lettura, infatti, ci saranno numerosi flashback che lo sceneggiatore sfrutta per mostrare differenti punti di vista, differenti verità a spiegare la realtà e la situazione contingente, del presente. Non è detto che chi inizialmente sembra malvagio lo sia veramente, una volta scoperte le suo motivazioni…

L’opera è illustrato da Yuri Kimura con un stile molto moderno. I disegni sono curati, specialmente nell’estetica dei volti: creature dal volto angelico che si combattono trucidandosi sotto il segno del destino, un po’ come avviene anche in X-1999 (questa è l’unica somiglianza con quel titolo badate bene).

L’edizione italiana è a cura della Star Comics: l’edizione si presenta come curata e godibile. La lettura è oramai come di consueto mantenuta come da originale, la stampa e la rilegatura resistono bene alla lettura e ai maltrattamenti :)

L’edizione è nel classico formato da edicola.

2004 Kyo Shiroadira, Yuki Kimura / SQUARE ENIX

The Record of Fallen Vampire, 4.4 out of 5 based on 26 ratings

Autore: Pufferbacco

Scritto da Pufferbacco il nelle categorie: