• 0 Commenti

MPD Psycho

MPD Psycho

inizia così MPD Psycho (in cui MPD sta per Multiple Personality Detective). Un giovane profiler che lavora nella polizia giapponese, Yosuke Kobayashi, mentre si occupa del caso di un serial killer che uccide le sue vittime mutilandole vede recapitarsi dallo stesso assassino la sua fidanzata priva di arti in uno scatolone per trasporto merci. Dopo esser riuscito a mettere alle strette il serial killer in seguito ad un inseguimento, lo uccide. Così nella sua mente si risvegliano personalità in lui sopite da moliti anni. Shinji Nishizono, l’assassino impulsivo, e Kazuhiko Amamiya, l’eccezionale profiler estremamente razionale… ma presto anche altre personalità inizieranno a riffiorare, insime ai ricordi di un terribile esperimento.

Kazuhiko Amamiya, la personalità ormai predominante, dopo aver scontato la pena per l’omicidio viene assunto da una sua ex collega, Machi Isono, con la quale lavorerà per risolvere casi apparentemente legati tra loro da un filo sottilissimo: la presenza di un codice a barre nell’occhio. Ma questa è solo la punta dell’iceberg: i casi si succedono e portano con se nuovi elementi che aiuteranno i nostri detective a risalire a delle inquietanti scoperte in campo politico e scinetifico.

MPD Psycho manga:

Se inizialmente il manga può sembrare basato su singoli episodi che sembrano essere legati solo dall’elemento del codice a barre, pian piano, con il procedere della narrazione vediamo comporsi davanti ai nosti occhi un quadro generale estremamente inquietante. Alcune tematiche trattate nei volumi successivi del manga possono portarci a riflettere circa la realtà quotidiana, se quel che accade in questo scenario immaginario possa definirsi molto lontano dalla realtà dei giorni nostri.

Le psicologie dei personaggi (che vanno aggiungendosi e sottraendosi con naturalezza all’interno della trama) sono perfettamente delineate con tutte le loro sfaccettature. In questa lettura incontriamo personaggi con paure, sogni, desideri, perversioni, sentimenti umani, in grado di mutare, crescere e ricredersi come fanno le persone quotidianamente. Nella storia non ci si imbatterà mai negli stereotipi del buono e del cattivo, di quello che ha torto o ragione, ma semplicemente in persone con pregi e difetti che tentano in tutti i modi di raggiungere il proprio fine.

I disegni di Sho-u Tajima si sposano ad arte con la storia e i personaggi ideati dalla geniale mente di Eiji Otsuka. Il tratto dell’autore è estremamente pulito, tagliente, freddo. Le fisionomie dei personaggi sono tracciate in modo tale che ad una prima vista ci si possa fare un’idea del loro profilo psicologico. Basti pensare che grazie al semplice cambio di espressione possiamo capire se ci troviamo dinnanzi a Kazuhiko Amamiya, Shinji Nishizono, Yosuke Kobayashi o qualsiasi altra personalità. Ovviamente, dato che quest opera è in corso da più di 10 anni, c’è anche un’evidente crescita del disegnatore. Le sue grandi capacità emergono anche nelle frequenti scene splatter, giudicate da alcuni sin troppo realistiche, ma l’intento degli autori è proprio quello di proporre un manga che mostri la natura umana, la bellezza e la violenza in tutte le sue forme. Senza censure.

MPD Psycho edizione italiana:

L’edizione della Planet Manga ci offre i primi 10 numeri a 4,00 € a volume con sovraccopera e 3 pagine a colori. Dall’11 in poi c’è un incremento del prezzo che arriva fino a 5,90 €.

L’edizione nel complesso è buona, la carta usata non è di quelle con trasparenze o troppo bianca, la traduzione eccetto piccoli errori è soddisfacente. Unica pecca è la difficile reperibilità del primo volume.

Nel complesso, MPD Psycho, è una lettura in grado di sorprendere e catturare l’attenzione del lettore senza cadere nel paradossale. Un manga ricco di riferimenti, che ti porta a voler conoscere semrpe qualcosa di più sulle vittime e sui carnefici, insomma, che sa come coinvolgere il lettore. Riesce a far nascere la curiosità di cercare le canzoni dell’enigmatico e carismatico Lucy Monostone a quella di indagare circa la sua reale esitenza. In pratica un’opera che oltre ad indagare nei labirinti della mente dei protagonisti, cerca di fare breccia anche in quella del suo pubblico di lettori.

MPD Psycho, 4.4 out of 5 based on 5 ratings

Autore: Buono Tomato

Scritto da Buono Tomato il nelle categorie: