• 0 Commenti

Drifting Dragons

Drifting Dragons Manga

Questa volta vi parlerò di uno dei titoli che nel corso di questi ultimi anni ha suscitato la mia attenzione. Uno stile che sicuramente piacerà a chi già legge Dungeon Food e con uno stile di disegno che mi ha ricordato un po’ i primi lavori dello studio Ghibli, come Nausicaa.

Drifting Dragons Trama

Ci troviamo in un mondo a metà tra la prima rivoluzione industriale e il classico medioevo fantasy. In questo mondo i cieli non sono ancora diventati parte del dominio umano, e sono popolati di misteriose creature che gli esseri umani chiamano “Draghi“. Protagonista di questa storia è la ciurma della Queen Zaza, un’aeronave Caccia-Drago, che viaggia tra le correnti aeree alla caccia di avvistamenti.

Mika è uno dei protagonisti, con il suo finissimo fiuto e sesto senso, riesce a percepire nell’aria la presenza di draghi, mettendo tutto se stesso nella loro cattura all’unico scopo di poterne divorare le carni prelibate in modi sempre nuovi e appetitosi, e col sorriso sulle labbra si lancia sugli esemplari di drago arpionati per dare loro il colpo di grazia, a sprezzo del pericolo.

Assieme ai vari membri dell’equipaggio, tra cui la bella Vanabelle, la giovane e ingenua Takita, Mika solcherà diversi cieli e farà tanti incontri, continuando sempre a cacciare draghi per mettere il piatto in tavola col sorriso sulle labbra.

Drifting Dragons Valutazione

Come si sarà capito dal breve riassunto, questa serie non ha un vero e proprio scopo. Tra un incontro e l’altro con i draghi, l’autore ci fa conoscere i personaggi e ci introduce lentamente al mondo in cui abitano, incorniciati da splendidi disegni a volte molto caratteristici e folcloistici. Il protagonista assoluto del manga è decisamente Mika, e almeno inizialmente tutto ruota sul suo entusiasmo e sesto senso, affascinando anche gli altri membri del gruppo che lo circondano, che nonostante capiscano che questa sua ossessione sia un po’ fuori dagli schemi, finiscono per amarlo e seguirlo, e spesso aiutarlo quando si trova nei guai a causa della sua testa cocciutaggine.

Il tema più interessante trattato dalla serie è sicuramente quello della libertà dei cacciatori, che solcano i cieli, nonostante siano oppressi dalla realtà dei loro fondi, che si assottigliano di volta in volta tra riparazioni e rifornimento tra un viaggio e l’altro. Il mistero principale resta comunque avvolto all’esistenza delle creature che cacciano, visto che ogni volta incontrano draghi dalle forme strane, di cui non sanno nulla. Come degli antichi balenieri, i nostri si avventano su giganteschi mostri, capaci di affondare la loro aeronave, mettendo a rischio la propria vita per trarne un profitto.

Il tratto è davvero aggraziato e gradevole alla vista, con vignette sempre piene di chine, ombreggiature, panorami o effetti. L’aspetto un po’ steampunk e un po’ bucolico mi ha fatto ricordare parecchio ambientazioni alla Nausicaa nella Valle del Vento.

L’adattamento è ottimo (almeno nel primo volume) e devo ammettere che la cosa mi ha un po’ stupito piacevolmente. A fine di ogni capitolo, viene inserita una breve spiegazione di come cucinare il piatto nel capitolo stesso.

Il manga è pubblicato da Planet Manga nel classico formato deluxe con sovracopertina in carta patinata al prezzo di 7 €. Un vero peccato l’assenza delle pagine a colori a inizio volume, visto il prezzo un tantino alto rispetto al solito.

Consigliato agli amanti delle serie un po’ fantasy e disegnate bene.

Autore: Shinji Kakaroth

Scritto da Shinji Kakaroth il nelle categorie: