• 13 Commenti

D.Gray-Man

Il Bene e il Male. Il bianco e il nero. Dal genio di un’artista misteriosa come Katsura Oshino ecco scaturire una storia piena di fascino e di significato, capace di catapultare il lettore in uno scenario ottocentesco fatto di Esorcisti e forze del Male, di scontri all’ultimo sangue e di sentimenti, di misericordia e perdizione. Un mondo mistico che rapisce chi sfoglia le pagine di D.Gray-man.

Tutto ha inizio quando a fare la sua comparsa è un ragazzino dal viso innocente e i capelli bianchi: Allen Walker, un ragazzino maledetto dalla famiglia anti-Cristo per eccellenza, i Noah. Questa maledizione ha la forma di uno strano tatuaggio sul suo occhio sinistro e, oltre che a progredire inesorabilmente, gli permette di individuare i cosiddetti Akuma, le anime diaboliche prodotte dal Conte del Millennio, il nemico numero uno di Dio.

Il Conte sfrutta i dolori e le sofferenze dell’essere umano per colmare i cuori delle persone di odio, rancore e desiderio di vendetta, al fine di poter produrre soldati spietati al suo servizio, pronti a morire per un ideale di cui neanche sono a conoscenza. L’obbiettivo del Conte è provocare un secondo Diluvio Universale, questa volta in grado di eliminare completamente la feccia umana da un mondo vivibile solo da esseri devoti al demonio. Per impedire ciò esiste l’Ordine Oscuro, un’organizzazione alle dipendenze del Creatore che si avvale di soldati prescelti, gli Esorcisti, capaci di combattere sfruttando il potere dell’Innocence. E’ infatti quest’ultima l’oggetto principale dello scontro fra le due opposte fazioni: un cubo diviso in innumerevoli frammenti dispersi nel mondo, che una volta assimilati da esseri umani compatibili si trasformano in potere bianco capace di cancellare le sofferenze degli Akuma e mandare le loro anime in Cielo. Di questi frammenti ne esiste però uno speciale, chiamato il Cuore, con il quale è possibile distruggere tutti gli altri. Nessuno sa dove si trovi o che forma abbia, ma l’obbiettivo del Conte e dell’intera famiglia Noah è di impossessarsene per distruggere l’Armata Divina, unico ostacolo per il conseguimento dei loro scopi.

Allen, oltre a possedere un’occhio particolare, dispone di un’arma anti-Akuma di tipo parassita. I tipi di arma esistenti sono due: parassita ed equipaggiamento. Nel caso di Allen, quest’arma consiste in un braccio dalla forma mostruosa, capace di mutare e svilupparsi con un adeguato allenamento. Una volta scoperta la presenza dell’Innocence nel suo corpo, Allen è ormai costretto a entrare a far parte dell’Ordine Oscuro. Una volta dentro, gli viene illustrata per la prima volta la situazione attuale e la terribile spada di Damocle che incombe sul mondo. Allen capisce che quello è un punto di non ritorno, tutto dipende dall’esito della guerra di cui sarà uno dei protagonisti.

Uno shounen frenetico e avvincente, caratterizzato da temi e ambientazioni inusuali per un manga, che lo rendono una lettura intrigante e assolutamente originale. Uno stile nei disegni in continuo movimento, leggendolo vi accorgerete del repentino cambio di stile dell’autrice tra un volume e l’altro, che, anche se inizialmente vi potrebbe far storcere il naso, renderà l’insieme più piacevole (alle volte vi sembrerà di leggere un altro manga rispetto a quello che avrete visto fino a quel momento).

Consigliato a chi ama la contrapposizione perfetta fra ironia e tematiche profonde, il tutto condito da una discreta caratterizzazione dei numerosi personaggi e dalle ambientazioni “vampiresche” che lo contraddistinguono.

Recensione a cura di Silvio Andreoli

D.Gray-Man, 4.4 out of 5 based on 69 ratings

Autore: Pufferbacco

Scritto da Pufferbacco il nelle categorie: