• 7 Commenti

Berserk

In un mondo medioevale Gatsu, il guerriero nero con un cannone al posto del braccio e una gigantesca spada Ammazzadraghi dietro la schiena, viaggia per il mondo uccidendo mostri di città in città.

Una volta introdotto il personaggio, la sua rabbia, ferocia e il suo enorme rancore per chi l’ha ridotto in quello stato (senza un braccio, un occhio e marchiato come preda dei mostri) avviene un flashback che durerà diversi volumi e parlerà del protagonista, dalla sua nascita dal cadavere di una donna impiccata, fino all’adolescenza e alla sua entrata nella Squadra dei Falchi di Griffith, un giovane capitano mercenario con grandi propositi di vittorie e di conquiste. Inizialmente Gatsu è recalcitrante ad entrare nella squadra, ma dopo aver perso uno scontro con Griffith, viene costretto ad acconsentire e ben presto la sua forza spaventosa, accresciuta negli anni grazie all’uso di armi molto pesanti sin da quand’era ancora un moccioso, lo farà diventare comandante della squadra d’assalto, la prima linea di guerrieri.

La Squadra dei Falchi continua ad accumulare vittorie ovunque l’esercito regolare alzi le spalle e si da per vinto, attirando così la simpatia del re dell Midlands e il rancore degli altri generali e dei nobili. Griffith, attraverso la sua squadra di mercenari, ha intenzione di farsi investire capo di una nazione e anche per questo si introduce nelle grazie della giovane principessa delle Midlands. Durante una battaglia Gatsu e Griffith incroceranno la strada di Zodd, l’immortale, un guerriero noto per la sua forza e scoprono che in realtà si tratta di un mostro. Sopravvissuti all’evento, Gatsu comincia a mettere in dubbio la sua presenza nei Falchi, fino a quando non prende la sua decisione di lasciare la squadra, e dopo aver vinto l’ennesima sfida contro Griffith, lo saluta e abbandona la squadra. Il giovane generale, sconvolto dalla perdita, si introduce nelle stanze della principessa e fa l’amore con lei, purtroppo scoperto e arrestato. Dopo diverso tempo Gatsu incrocia ancora una volta la squadra dei falchi, ora ridotti a briganti in fuga, dopo la cattura di Griffith, ha Caska, la giovane comandante che ha sempre avversato Gatsu, fino ad innamorarsene una volta che questo le ebbe salvato la vita. Assieme decidono di salvare Griffith, tenuto per un anno nelle segrete del castello sotto tortura.

La fortuna sorride ai nostri, che riescono a trarre in salvo il loro bel falco, ormai le cui ali sono state tagliate. Il dolore profondo provato da Griffith toccherà il Bejelith, uno strano talismano datogli da una strega e che è tornato in suo possesso, e farà avverare un Eclisse che evocherà la Mano di Dio, dei mostri che si definiscono angeli, e che faranno di Griffith uno di loro, a patto di sacrificare loro tutto quello che ha di più chiaro. Griffith accetta e tutti i membri della Squadra dei Falchi viene marchiata e poi divorata dai mostri che appaiono a circondarli. Gatsu, salvatosi miracolosamente grazie alla sua furia, al suo rancore e all’aiuto di un misterioso individuo dall’armatura a forma di teschio, giura vendetta dopo aver constatato che Caska è impazzita a causa dell’evento.

Da qui parte la crociata di Gatsu contro la Mano di Dio narrata all’inizio della serie, continuando per diversi saghe quasi sempre slegate tra loro, ma con l’unico scopo di vendicarsi sui mostri che hanno divorato la squadra, gli Apostoli, per trovare un modo per vendicarsi di Griffith.

Kentaro Miura ha creato una splendida saga dark/fantasy, con un background davvero considerevole e una profonda attenzione alla psicologia dei personaggi, Gatsu e Griffith su tutti! Molti sono i temi trattati in questa serie, l’amore, l’odio, la rabbia, il rancore, l’amicizia, la perdita di persone care e la vendetta. E’ sulla vendetta che inizialmente basa la sua vita Gatsu, la speranza di poter far passare a chi l’ha ridotto in quello stato, lo stesso inferno che ha passato lui. L’autore senza mezzi termini ci offre un mondo crudo dove la violenza è all’ordine del giorno, i deboli schiacciati e solo i forti sopravvivono.

Già dai primi volumi il tratto ha un sostanziale miglioramento, fino a diventare assurdamente bello durante i volumi flashback e continuare sempre in crescendo, fino ai volumi attuali.

Il problema è la confezione proposta da Panini, ovvero un manga ribaltato e in formato “sottiletta” (che vengono poi raccolte in un volumetto di Collection) e alcune parti che all’inizio della pubblicazione erano censurate, visto che la casa utilizzava l’edizione spagnola che aveva delle parti anatomiche visibilmente censurate con l’effetto sbianchetto (come i capezzoli) grazie al cielo si sono accorti della cosa e nei volumi della collection hanno ovviato a questo grosso errore censorio.

Che altro dire… Una serie per stomaci duri!!! ^_-

Berserk, 4.6 out of 5 based on 58 ratings

Autore: Shinji Kakaroth

Scritto da Shinji Kakaroth il nelle categorie: