• 0 Commenti

Keijo!!!!!!!!: Conclusione e spiegazioni dell’autore

Qualche giorno fa sui principali siti di news del genere è comparsa la notizia del finale di una serie shonen-ecchi che ultimamente era molto in voga, al punto da ottenere un adattamento animato, ovvero Keijo!!!!!!!!.

Il mangaka Daichi Sorayomi ha postato alcuni dettagli sulla conclusione della serie sul suo blog, partendo che gli era già stato preannunciato prima dell’inizio della trasmissione dell’anime che avrebbe dovuto concludere il manga dopo la conclusione della serie animata. Ha negato le voci per cui il suo manga viene cancellato a causa delle scarse vendite del’anime, visto che quando ha sentito quelle voci che asserivano che il primo volume avesse venduto solo 715 unità, ha immediatamente contattato lo staff dell’anime, che l’ha rincuorato, affermando che erano cifre inesatte e che persino il numero delle cifre era sbagliato.

Ha ammesso che la cancellazione del manga è causata dalla sua mancanza di abilità ed alcune circostanze tra lui e la casa editrice, la Shogakukan, che in diverse occasioni ha mancato completamente la volontà di offrirgli il supporto morale di cui necessitava, in particolare facendo riferimento a un periodo di tempo di più di un anno e mezzo in cui aveva insistito con la casa editrice per avere più assistenti, e vistoc he la Shogakukan non era riuscita a trovargliene, ha lavorato sul manga con un solo assistente, finendo per svenire per la fatica del troppo lavoro e stress per più di un’ora.

Gli era stato anche comunicato che se l’anime avesse avuto un altro sponsor, sarebbe stato rtasmesso anche nel Giappone occidentale, aggiungendo che la Shogakukan stessa non ha voluto sponsorizzare la serie.

Sorayomi inoltre ha rimpianto che il manga veniva piazzato alla fine di Weekly Shonen Sunday persino mentre l’anime era ancora in trasmissione, visto che generalmente è lì che vengono relegati i capitoli delle serie meno popolari nelle classifiche delle riviste settimanali. Avrebbe voluto ritrarre di più delle storia che aveva pianificato, ed ha ammesso di aver velocizzato la storia e che sei mesi di tempo non gli sono bastati. Ha aggiunto inoltre che inserirà capitoli extra nel 16°, 17° e 18° volume del manga, ringraziando comunque alla fine Weekly Shonen Sunday, per avergli dato l’opportunità di serializzare il manga, i lettori, lo staff della serie televisiva, chi si occupava del marketing, e le doppiatrici della serie.

Ha affermato che il loro duro lavoro è riuscito a dargli la carica per portare a termine il manga per questi sei mesi che gli sono stati dati di tempo dopo la notizia di cancellazione. Weekly Shonen Sunday ha pubblicato l’ultimo capitolo del manga nel numero doppio uscito giusto ieri. Il 16° volume verrà pubblicato a Maggio,il 17° volume a Giugno, ed il 18° volume a Luglio.

Sorayomi ha dato il via alla serializzazione del manga su Weekly Shonen Sunday nel 2013, e la Shogakukan ha pubblicato il 15° volume il 31 Marzo.

Il manga ha luogo in un Giappone alternativo dove è molto popolare uno sport chiamato “Keijo”, divenuto dal 2003 uno sport legale in cui è possibile scommettere come le corse di cavalli, le gare di barche o il ciclismo. In questo sport, le contendenti si trovano su una piattaforma (che puo’ avere diverse dimensioni e forme) galleggiante sull’acqua e devono cercare di gettare ai pesci le proprie avversarie solo con l’ausilio dei loro seni e del loro sedere. Nozomi Kaminashi, è una liceale che mira a diventare una professionista di questo sport una volta diplomata, e viste le sue umili origini spera di fare un mucchio di soldi diventando una professionista di Keijo. Grazie alla ginnastica che ha praticato sin da piccola, ha buoni riflessi, flessibilità e senso dell’equilibrio. Una volta conclusa la scuola, Nozomi entra a far parte della scuola di addestramento che la inserirà nel mondo del Keijo.

Il manga ha ispirato una serie animata di 12 episodi che è stata trasmessa da Ottobre, anche su Crunchyroll. Sia il manga che la serie animata sono tutt’ora inediti in Italia.

Fonte: ANN

Autore: Shinji Kakaroth

Scritto da Shinji Kakaroth il nelle categorie: Nanoda News