• 7 Commenti

Intervista a Sì: Costume’s Tricks

Credevate che le interviste fossero finite? Vi sbagliavate!

A Lucca ho incontrato per strada due carinissime donzelle che sfoggiavano delle accattivanti felpe con cappuccio fatte su modello dei plug suit dei piloti di Evangelion. Dopo averle fermate incuriosito, ho chiesto loro dove avessero reperito quelle belle felpine e loro mi hanno risposto che le avevano fatte con le loro manine sante, consegnandomi un volantino.

Ecco l’intervista derivata dal contatto postumo con questo gruppo talentuoso.


Shinji Kakaroth: Ciao, potreste presentarvi ai nostri lettori?

Simona: Salve a tutti lettori di Nanodà! Sono Simona, mente e cuore di Sì: Costume’s Tricks! Sulla carta sono stilista o, per stare al passo coi tempi, “fashion designer“, la figura che disegna una collezione di abiti: i miei studi si sono infatti basati sul design della moda e sul fashion styling.

Mi piacciono i vestiti e gli accessori legati al mondo della moda, ma mi esalta e galvanizza ancora di più parlare e sentir parlare di costumi: storici, teatrali, cinematografici o cosplay che siano! Uno dei miei primi ricordi riguarda me che confeziono vestitini alle Barbie per trasformarle in fate, amazzoni, dee greche o astronaute utilizzando i nastrini e i toulle che recuperavo dalla bomboniera di qualche battesimo o matrimonio!

Shinji Kakaroth: Come si è formato il vostro gruppo?

Simona: Per il momento ufficialmente sono da sola, ma vengo supportata e aiutata da amici e amiche di vecchia data e dal mio ragazzo. Pur dovendoci dividere tra diverse attività, siamo un bel gruppetto affiatato: crediamo molto in questo progetto e ognuno dà il proprio contributo per la sua realizzazione!

Shinji Kakaroth: Sono un fan di Evangelion e vi ho viste a Lucca girare con delle felpe a cappuccio di Asuka e Mari, ci puoi dire com’è nata l’idea di aprire la Si’ Costume’s Tricks?

Simona: Ho sempre amato ideare, creare e costruire con le mie mani quello che mi passava per la testa, se mi figuravo nella mente qualcosa dovevo solo trovare il modo migliore per realizzarlo! Questo è di base lo spirito di ogni “cosplayer” che si rispetti! Ed è anche da lì che è cominciato tutto.
Da quando ho finito l’università, mi sono accorta che non sapevo ancora rispondere bene alla domanda “cosa vuoi fare da grande?“… Mi sono detta che quello che mi piace è dividermi tra lavori nell’ambito della moda e del costume teatrale e sono sempre stata accompagnata da un grande interesse per il mondo del cosplay… ma non riuscivo a trovare quel qualcosa che potesse fondere tutte queste mie passioni.
Ero stanca di mandare CV e stare ad aspettare risposte sempre deludenti o quasi e, in questo periodo di particolare magra lavorativa (moltissimi neo-laureati sanno cosa significhi!), è arrivata l’idea: diventare “costume e cosplay maker” a tutti gli effetti e creare una linea di abbigliamento ispirata in tutto e per tutto al mondo dei costumi e del cosplay, la mia linea OTAKool!

Shinji Kakaroth: Sul vostro profilo facebook ho notato degli schizzi per dei nuovi modelli. Ci potreste parlare della parte tecnica del vostro lavoro?

Simona: Come ho detto prima, sono io che principalmente mi occupo di tutto! Parto dai figurini dei nuovi modelli: li realizzo in base a idee e desideri miei, consigli di amici e richieste da parte dei fan della pagina! I bozzetti sono utili anche per avere un’accurata visione d’insieme. Successivamente comincio a pensare alla parte produttiva: studio i metodi migliori per confezionare il capo e cerco tra i diversi fornitori i tessuti e i materiali per le applicazioni, puntando sempre al miglior rapporto qualità/prezzo!

Simona: A questo punto disegno i cartamodelli e procedo a cucire: in questa fase vengo supportata maggiormente da chi ha deciso di collaborare con me. Federica (trascinata da me nel mondo dei cosplayer ormai da un sacco di anni) è un po’ la mia “factotum“, quando non si dedica alla sua tesi di laurea,  mi aiuta facendo un po’ di tutto: dalle questioni amministrative alla lavorazione sui capi!
Riccardo invece, scenografo di professione, mi aiuta nella realizzazione di tutti i “props” cioè le parti rigide applicate al capo: nel caso delle felpe di Evangelion parliamo di tutte le viti, le valvole e le clip per i capelli tipiche delle plugsuit! Dopo aver ottenuto i prototipi con la stampante 3D, realizza i calchi in silicone da cui ricava i prodotti finali in resina che vengono tutti colorati e lucidati a mano con tecniche elaborate e smalti. Infine Roberto scatta le foto da pubblicare sulla pagina e sul nostro negozio Etsy.

Shinji Kakaroth: Sul volantino che mi avete dato e che mi ha permesso di contattarvi, ci sono diversi capi d’abbigliamento oltre le felpe, e tutto più o meno a tema Eva. Come mai avete deciso di puntare principalmente su Evangelion per la sponsorizzazione?

Simona: Io amo Evangelion! Il mio primissimo cosplay è stato proprio quello della plugsuit di Asuka: per farla mi sono comprata la mia prima macchina da cucire ed è da allora che ho capito che nella mia vita avrei trovato il modo di rendere questo il mio lavoro oltre che il mio passatempo preferito! Sull’onda dell’uscita nelle nostre sale dell’ultimo film della nuova saga cinematografica, ho deciso di puntare su Evangelion per il lancio della mia linea: è il mio anime preferito da sempre e so che come piace a me piace anche a tantissime altre persone!

Shinji Kakaroth: Sul volantino si parla anche di “Cosplay e costumi su misura“, lavorate anche alla creazione di cosplay integrali su commissione?

Simona: Assolutamente si! Sia cosplay che costumi per carnevale, feste e spettacoli! Sono realizzati su misura con materiali e tecniche decise insieme al cosplayer!

Shinji Kakaroth: Oltre alle felpe di Eva sul vostro sito ho anche visto una felpa di Totoro molto carina, avete intenzione di aggiungere altri personaggi famosi al vostro menage?

Simona: Certamente: l’idea è di voler proporre i nostri modelli e di ascoltare ogni richiesta! Se qualcuno desidera la felpa di Goku, Finn, Madoka e chi più ne ha più ne metta, deve solo chiedercelo e insieme studieremo il progetto!

Shinji Kakaroth: Inoltre sul vostro profilo facebook ho visto gli schizzi delle prossime felpe in versione Kaworu e Misato. Avete in cantiere anche felpe a tema Eva anche della versione Rebuild 3.0 di Asuka, Shinji, Rei e Mari?

Simona: Non vedo l’ora di disegnare il figurino della felpa ispirata a Mari nella versione rosa! Per il resto, sarò contenta di ascoltare ogni richiesta e suggerimento!

Shinji Kakaroth: Idee come la tua di mini-imprese artigianali sono una valida risposta alla profonda crisi italiana. Cosa consigli a tutti i giovani che ancora non hanno trovato lavoro o una buona idea su cui gettarsi?

Simona: Penso che sia importante capire il prima possibile quali siano le proprie aspirazioni e impegnarsi per sviluppare le qualità per riuscire a realizzarle. Piuttosto che essere mal pagati e infelici lavorando in una grande azienda siate mal pagati ma felici coltivando i vostri sogni!

Shinji Kakaroth: Come si può entrare in contatto con voi per fare un ordine o una richiesta personalizzata?

Simona: È semplicissimo: potete sempre trovarci sulla nostra pagina facebook e contattarci senza impegno per esporre le vostre idee e proposte. Potete scrivermi un messaggio privato sulla pagina o, in alternativa, una email a sicostumestricks@gmail.com.
Per ordinare le felpe già in vendita andate direttamente al nostro negozio online!

Shinji Kakaroth: Qual è il vostro sogno per il futuro?

Simona: Ci piacerebbe avere una linea che spazi tra più anime, manga e videogiochi possibili perché vorremmo riuscire a soddisfare tutti! Per fare questo però l’altra cosa fondamentale sarebbe ampliare il numero di membri del lab per produrre i capi più velocemente: tanto quanto basta per riuscire ad accontentare velocemente tutti i nostri fan! Creare una felpa è abbastanza lungo e laborioso e, in un mese, ora come ora, riusciamo a realizzarne un numero limitato: mi piacerebbe tantissimo trovare qualcuno che possa aiutarmi a tempo pieno, qualcuno che, come me, abbia la passione per il cosplay, la moda e il cucito!

Un sogno nel cassetto? Sarebbe fantastico riuscire ad aprire un nostro negozio vero e proprio, oltre a quello online!


Shinji Kakaroth: Ti ringrazio della disponibilità e spero proprio che il tuo sogno si avveri!

Simona: Grazie di tutto, è stato davvero emozionante essere intervistata da te! A presto!!

Autore: Shinji Kakaroth

Scritto da Shinji Kakaroth il nelle categorie: Cosplay, Gadget Giapponesi, Intervista