• 1 Commenti

Intervista a FlashBook su Katsu!

Breve ma ricca intervista fatta a FlashBook incentrata sul famoso manga di Mitsuru Adachi ‘Katsu!’, poco prima che questo inizi la sua avventura in fumetteria.

katsu interview

N) Potrebbe presentarci e raccontarci il nuovo manga di Adachi, Katsu!, che è entrato a far parte della vostra linea editoriale?

FB) Katsu! è l’ultimo manga lungo completo realizzato da Adachi, nonché, secondo molti, uno dei migliori. L’aspetto sportivo, questa volta, è riservato al pugilato, sport da cui Adachi sembra particolarmente affascinato, avendolo già mostrato sia in touch che in Slow Step, senza però mai averlo approfondito come stavolta. La componente sportiva, però, non prende mai il sopravvento sull’intreccio e sulla componente sentimentale, ma anzi, vi si fonde alla perfezione regalandoci uno dei cast di personaggi migliori mai presentati dal maestro. Molti accostano questo manga a Rough, solo che nel frattempo Adachi ha acquisito maggiore maturità narrativa e consapevolezza dei propri mezzi… nonché maggiore “cattiveria”, spingendo i suoi protagonisti al centro di una serie di equivoci, coincidenze e situazioni paradossali che assicurano gag e divertimento al massimo. Scusate se è poco.

N) Perché FlashBook ha puntato e investito su questo titolo?

FB) Semplicemente perché crediamo in Adachi a occhi chiusi, ci piace da matti lavorare sui suoi titoli e, come già detto, riteniamo i suoi fumetti particolarmente adatti alle nostre edizioni e alla nostra filosofia editoriale e viceversa. Come se non bastasse, consideriamo Katsu! uno dei manga più riusciti della sua carriera… Può bastare?

N) Che edizione è stata programmata per questo titolo? (nota: copertina, approfondimenti, lettura e fedeltà all’edizione originale, carta, cadenza mensile, reperibilità ecc.)

FB) Sarà bimestrale, disponibile nei mesi pari e alternato a Cross Game che uscirà invece nei mesi dispari. Il formato sarà il nostro classico 12,5 x 18 cm, con carta morbida il più possibile simile a quella dei tankobon giapponesi e la copertina è molto molto simile all’originale (giusto con quel paio di aggiustamenti e personalizzazioni necessarie per farla approvare dall’editore originale).
La cura editoriale sarà la stessa di Cross Game e Bokura ga ita, quindi senso di lettura originale, mantenimento dei suffissi giapponesi, grande attenzione a traduzioni e adattamenti in modo da rendere al meglio in lingua italiana il testo originale mantenendone al tempo stesso tutti i riferimenti e le sfumature culturali, e postfazione finale per spiegarli meglio al lettore digiuno di lingua giapponese. In più, avremo una serie di articoli esplicativi sul pugilato a cura di Stefano Slomma, gestore del sito www.mondoboxe.it, uno dei punti di riferimento per gli appassionati della noble art.

Infine, la distribuzione sarà quella classica nelle librerie specializzate.

N) FlashBook è da sempre sinonimo di qualità… qual è lo staff che è coinvolto in questo progetto?

FB) La considerazione e l’importanza riservata a questo titolo sono testimoniate anche dallo staff che ci lavora: abbiamo infatti coinvolto molti dei nostri migliori collaboratori. L’editor della serie sono come al solito io, che controllo ogni passaggio della lavorazione per garantire la qualità del risultato finale; la copertina è realizzata dal nostro bravissimo grafico William Ventura; traduzione e adattamento testi sono opera di Manuel Majoli, grandissimo conoscitore della lingua e cultura giapponese quanto della tradizione fumettistica italiana e del linguaggio specifico del fumetto; l’adattamento grafico delle onomatopee è affidato alla mano sapiente di Livio Tallini, l’ultima “new entry” del nostro staff, che ha davvero lasciato tutti sbalorditi per la sua bravura; gli editoriali sono a cura mia, di Manuel e di Stefano Slomma, di cui ho parlato prima; infine lettering e impaginazione sono realizzate internamente da Saetti Fotolito. Insomma, qualità ai massimi livelli! ;)

Ringrazimenti a FlashBook e Cristian Posocco per averci concesso l’intervista.

Autore: Pufferbacco

Scritto da Pufferbacco il nelle categorie: Editoriali