• 9 Commenti

Imparare il Giapponese è possibile?

Impossibile, dite? Non necessariamente, pensateci, forse conoscete già qualche parola giapponese, come Kimono e Sakè (vino di riso). Alcuni affermano che si possa imparare il giapponese in quattro e quattr’otto anche solo studiando attentamente un libro di nozioni elementari.
Benché non sia proprio così facile, si può imparare in fretta quel tanto di giapponese necessario per trascorrere una piacevole vacanza in Giappone.
Ancora più complicate della stessa lingua giapponese sono varie idee sulle sue origini.

imparare-giapponese

Iniziamo dal principio. 2.500 anni fa, il giapponese aveva basilarmente la stessa grammatica che ha oggi. Ma alla fine del nono e del decimo secolo, cominciarono ad avvenire cambiamenti. Questo rese necessario conoscere una serie di parole per leggere e un’altra serie per parlare.

Pertanto, sino alla fine della seconda guerra mondiale, per leggere qualcosa di una certa importanza si dovevano conoscere da 3.000 a 5.000 caratteri cinesi e 2 sillabari di 50 caratteri ciascuno.Dal 1945, tuttavia, il numero di kanji “essenziali” è stato semplificato e ridotto all’osso a poco meno di 2.000 caratteri.

Forse ora siete ansiosi di provare a parlare giapponese.

Japan School

La pronuncia è abbastanza facile, poichè, basilarmente sono possibili solo 50 diversi suoni. Il problema maggiore deriva dalla grammatica. Ma per momento, rimaniamo nelle cose semplici.

Si è scoperto che il “Leptcha“, lingua parlata in una valle dell’Himalaya, è strettamente imparentato col giapponese. Come mai abbiamo citato più volte il cinese? Bè, semplicemente perchè tra il giappone e il cinese non esiste alcuna relazione, apparte i kanji che sono per lo più cinesi, e “presi in prestito” dal Giappone. Si pensa erroneamente che il giapponese abbia stretti legami con il cinese. Ma in realtà esistono notevoli differenze tra le 2 lingue. Il cinese è una lingua “Monosillaba”, formata da parole di una sola sillaba. Invece il giapponese è “Polisillabico”, avendo numerose parole di due o più sillabe. In cinese, il significato delle parole è determinato dal tono e dall’ordine delle parole, mentre in giapponese il siginificato è determinato dalle parole stesse e dalle desinenze.

Tanto per cominciare, vi sono 5 suoni vocalici identici a quelli italiani. E’ molto importante imparare il suono vocalico breve e quello lungo. Bisogna capire che l’ordine delle parole in giapponese differisce da quello della maggioranza delle altre lingue. Una caratteristica alquanto insolita della lingua giapponese sono le formule chiamate “Keigo”.

In ogni conversazione bisogna tener conto di tre cose principalmente:

  • Colui che parla
  • Colui al quale si parla
  • Colui del quale si parla

Oltre a queste cose, colui che parla deve tener conto delle rispettive posizioni, età, averi, famiglie, amici e gruppi sociali che si menzionano nella conversazione.

School Rumble

Strumenti utili per imparare un’altra lingua:

Motivazione. Dovete avere un incentivo, un motivo per raggiungere l’obiettivo. Di solito gli studenti migliori sono quelli fortemente motivati.
Umiltà. Non pretendete troppo da voi stessi. Sbagliare è inevitabile, soprattutto all’iniizio.

Pratica. Un programma regolare vi aiuterà passo passo a diventare più scorrevoli nella lingua. Cercate di esercitarvi ogni giorno se possibile, anche pochi minuti.

Concentrarsi: La concentrazione è la chiave dell’apprendimento. Un segreto è iniziare con periodi di studio relativamente brevi, e aumentare progressivamente con periodi sempre più lunghi.

Ripassare: In 24 ore possiamo dimenticare fino all’80% di quello che abbiamo studiato. Esiste un rimedio? Certo. se non quella di ripassare dopo ogni periodo di studio, e poi dopo un giorno, una settimana, un mese, miglioreremo in modo esponenziale ciò che ricordiamo, arrivando anche al 100%

Le ragioni che spingono molto a imparare il giapponese sono numerose. Per alcuni può essere solo un passatempo che aiuta ad allargare i propri orizzonti, abbracciando cultura e ambienti diversi. Altri invece vorranno imparare il giapponese per ragioni di lavoro.

I turisti renderanno molto più piacevole la loro visita in Giappone conoscendo un pò di giapponese. Ma per avere una conoscenza veramente buona del giapponese, bisognerebbe viverci nel paese per alcuni anni.

Io sono del presupposto che tutto sia possibile, bisogna trovare la motivazione in noi stessi per andare avanti. Quindi se lo desiderate veramente potrete riuscire ad imparare il giapponese. “Ganbatte Kudasai” (tenete duro!). ;)

Questo articolo è stato scritto da Ginto89. Leggi altri articoli di Ginto89 sul suo blog Giappone – Italia

Autore: Ginto89

Scritto da Ginto89 il nelle categorie: Giappone