• 1 Commenti

Idol giapponesi ospiti di Ochacaffè al Napoli Comicon

L’associazione culturale Italo-Giapponese Ochacaffè e il portale Web J-Music Italia sono lieti di comunicare al pubblico italiano che le Bakusute Sotokanda Icchome, il gruppo di idol di oltre 100 membri nato dal Maid Cafè Akibahara Backstage Pass nel quartiere noto anche per essere la sede del teatro delle AKB48, saranno ospiti del festival Napoli Comicon, a fianco di altri nomi di altissimo livello come i K-ble Jungle, gli Asterplace e Mika Kobayashi.

Dall’Akibahara Backstage pass è nato nel Maggio 2012 un gruppo idol con il nome Bakusute Sotokanda Icchome (バクステ外神田一丁目), prodotte da Tsunku padre dell’Hello! Project.

Le ragazze esordiscono nel mondo musicale l’1 Agosto 2012 con il singolo “Produce” pubblicato dalla casa discografia indie  Crowntokuma giungendo nell’ottima posizione 17°.

Il 2013 è l’anno di svolta per le Bakusute Sotokanda Icchome, dopo un altro singolo indie, l’8 Maggio rilasciano con la casa discografia major Warner Music Japan il loro terzo singolo “Byte Fighter” che vende ben 20.000 copie. A distanza di pochi mesi escono nel 2013 i singoli “Bishoujo Mokushiroku”  e “Oh my destiny”.

Il 29 Gennaio 2014 le ragazze pubblicano il loro primo album con il titolo  “(1) The Produce“ che raccoglie le title track dei singoli indie e major fin’adesso pubblicati per un totale di 12 tracce in quattro edizioni.

Alcuni Link: Sito Ufficiale, Facebook, Twitter


Ma approfondiamo un po’ l’idea di idol in Giappone

Ne esistono di maschili e femminili, la tendenza è esplosa negli ultimi anni grazie al successi di gruppi quali AKB48 e Morning Musume per i gruppi tutto al femminile e Arashi, KAT-TUN e NEWS per i gruppi tutto al maschile.

Gli idol sono ragazzi e ragazzi che vengono scelti molto giovani dalle loro agenzie e fatti debuttare all’età media di 13-14 anni. Il lavoro di idol non si ferma al canto, ma dopo anni di addestramento imparano a ballare, a recitare in film e drama (i telefilm giapponesi) e oltre a questo partecipano in numerosi spot, in programmi televisivi, come ospiti o conduttori, e in eventi dove possono incontrare i propri fan. ERIKO di K-ble Jungle ha iniziato la propria carriera nello stesso modo, dopo aver studiato musica classica… per poi diventare invece cantautrice J-Pop.

Gli idol in Giappone si possono dividere in quattro grandi famiglie: per le ragazze l’Hello!Project (Morning musume., Buono!, °C-ute, Berryz Kobou, Bakusute Sotokanda Icchome…), la 48 Family (AKB48, SKE48, NMB48, Nogizaka48…) e  l’iDOL Street ( SUPER☆GiRLS,  Cheeky Parade, GEM…) e per i ragazzi Johnny’s Entertainment (Kanjani8, Arashi, KAT-TUN, Kis-my-ft2…).

L’origine del fenomeno idol si ha a partire dagli anni ’70 grazie ai programmi televisivi quali  Star tanjou! e Miss Seventeen da cui sono nate le Pink Lady e Momo Yamaguchi, una delle cantanti giapponesi di maggior successo negli anni ’70. Nello stesso periodo diventa popolare anche Seiko Matsuda, tutt’ora ancora attiva dopo oltre 40 anni di  successi, e le Onyanko Club il primo vero gruppo di idol che racchiude 52 ragazze con vari sotto-gruppi.

Negli anni ’80 si assiste al boom degli idol, l’affermazione di nuovi gruppi e solisti come Hikaru Genji che sono passati alla storia oltre per far parte della Johnny’s Entertainment per le loro esibizioni sui pattini, la conferma di Seiko Matsuda che in questo periodo trova come rivale Akina Nakamori.

Gli anni ’90 sono gli anni delle Morning musume. e del loro travolgente successo. Particolarità delle Morning musume è il ricambio generazionale dei componenti, il gruppo ogni anno ha delle nuove selezioni a cui seguono le cerimonie di graduazione (il momento in cui la idol diventata troppo grande per essere idol, lascia il gruppo e continua la sua carriera come attrice o cantante solista), con questa formula il gruppo ha una formazione sempre nuova e sicuramente i fan troveranno la loro idol preferita anche tra le nuove arrivate.

Gli anni ’00 sono gli anni di una nuova idea di idol, incarnata dalle AKB48 e i gruppi adesso collegati. Con le AKB48, le idol diminuiscono la distanza tra fan e idol e sono innumerevoli gli eventi in cui un semplice giapponese può avere l’occasione di stringere la mano alla proprio idol preferita. Le AKB48 si esibiscono ogni sera nel loro teatro ad Akibahara sempre gremito di gente, e ogni suo singolo riesce a vendere più di un milione di copie cifra che neanche l’artista occidentale più famoso riesce da anni ad ottenere sul mercato fisico.

Ed oggi? Molti gruppi nascono ogni mese in Giappone cercando di strappare il primato alle AKB48,  ci sono gruppi legati agli anime come μ’s (si legge Muse) che sono un gruppo di ragazze nate dal manga / anime  Love Live! School Idol Project, le E-girls facenti parte della famiglia EXILE, un marchio di garanzia e buona musica per tutti gli appassionati.

Tra tutti questi nomi, una nuova idea di Tsunku dell’Hello! Project rimescola le carte in tavola con la nascita del locale Akibahara Backstage Pass situato ad Akibahara che porta le Bakustage Sotokanda Icchome ancora più vicine al fan giapponese facendole lavorare come cameriere e intrattenendo il pubblico anche come cantanti e performer.

www.cultura-giappone.it www.jmusicitalia.com

 

Ecco anche alcuni video:

Bakusute Sotokanda Icchome – Produce:

 

Yoropiku Pikuyoro!

 

Byte Fighter

 

Bishoujo Mokushiroku

 

Oh my destiny

Autore: ochacaffe

Scritto da ochacaffe il nelle categorie: Convention