• 3 Commenti

I dipinti 3D di Riusuke Fukahori

Una notizia molto interessante arriva dal Giappone nel mondo dell’arte, di cui ne avevamo già parlato nel forum.

Il protagonista di tale notizia è Riusuke Fukahori, che sfida il mondo dell’arte ormai accessibile a tutti grazie al mondo della tecnologia che permette di realizzare opere complesse digitali in poco tempo. L’artista però ha deciso di fondere l’illusione della computer grafica e del 3D con l’arte tradizionale della pittura. Si sa che da sempre gli artisti cercano di rappresentare la realtà studiando le sfumature, le ombre, le luci, le posizioni ecc.

Vedendo un’immagine come quella sulla sinistra, si può pensare che si tratti di un semplice recipiente d’acqua con dei pesci rossi.
Ma in realtà si tratta di un dipinto fatto dentro il recipiente stesso!

Al primo impatto, l’immagine presenta tutti i particolari che si vedono nella realtà: i pesci, l’acqua, le ombre, le pinne, le erbe aquatiche e le bolle!

Tranquilli! Non si tratta di un’avanzatissima tecnica di pittura combinata solo dai colori e studiata appositamente per essere vista a una certa prospettiva(come spesso accade nella street art) il dipinto è davvero in 3D!

Com’è possibile? In realtà “l’acqua” è resina acrilica trasparente.
Si riempie il fondo del recipiente di resina, e appena si asciuga questo primo strato, l’artista dipinge sopra di esso gli elementi che stanno più vicino al fondo del recipiente (come i pesci più sottostanti, alcune pinne ecc). dopodiché, viene passato sopra al dipinto un secondo strato e si passa al livello successivo, fino a creare tanti livelli di pitture (un po’ come la logica dei livelli nel celebre programma di grafica “Adobe Photoshop”). la peculiarità di tali divisioni permette di sfruttare la luce, che essendo un acrilico trasparente, crea un’ombra sui livelli, dando origine alla pittura 3D.

In questo video di presentazione dei lavori dell’artista (chiamato “Goldfish Salvation”) è possibile vedere i procedimenti e le tecniche di pittura. Come si può vedere, data la tecnica, l’artista predilige molto i soggetti acquatici come pesci, tartarughe e polipi (dato che la resina acrilica dà un effetto acqua) ed è chiamato comunemente “l’artista degli acquari illusori”.

Potete anche cercare molte sue opere su google immagini digitando “Riusuke Fukahori”, lo splendore di alcune opere è indescrivibile.

Autore: Shi Amano

Scritto da Shi Amano il nelle categorie: Giappone