• 0 Commenti

Hatsune Miku diventa inglese

Chi nel mondo Otaku non conosce Hatsune Miku, la cantante protagonista del software Vocaloid?

Se siete tra quei pochi che non la conoscono, Hatsune Miku è un personaggio di fantasia diventato famoso in Giappone per le sue canzoni. In realtà, questo personaggio non è famoso per le sue vicende in un manga o in un anime, ma si tratta di una voce di un sintetizzatore vocale chiamato appunto Vocaloid, un programma che permette di creare delle canzoni attraverso delle voci registrate in sillabe. Si tratta di un piano-roll, quindi basta scrivere con la tastiera la sillaba da cantare, dargli la nota e decidere la lunghezza e il tempo, crea intere canzoni cantate dai cantanti virtuali dello specifico software vocaloid acquistato. Miku è la prima vocaloid, ed ovviamente la più famosa sia per i record realizzati sulle vendite nei siti più famosi (tra cui amazon.jp e e-bay.jp), sia per le innumerevoli canzoni che hanno avuto successo su iTunes e i tantissimi video che interpreta su NicoNicoDouga.

Dal 2007, la voce della vocaloid è stata giapponese, dato che la sua doppiatrice è Saki Fujita. Ed è da allora che il software di Yamaha Music ha avuto una crescita continua di voci da parte di molte aziende, tra cui anche diversi cantanti famosi come Gackt. Ma dopo tanti anni, Crypton Future Media (casa produttrice della vocaloid e dei suoi concerti) ha deciso di fare un passo avanti per la vocaloid e per le nuove tecnologie. La Vocaloid giapponese verrà aggiornata e rilasciata il 26 Settembre con le sue voci riaggiornate e di alta qualità per i nuovi sistemi operativi, che per la prima volta potrà essere accessibile su MAC.

Ma non è tutto: per l’anniversario della vocaloid, il 31 Agosto, è stato rilasciato Hatsune Miku English, ovvero la voce della vocaloid in inglese e in vendita online dal sito Piapro, accompagnata dal software Piapro Studio.

Già nel web è possibile ascoltare la voce della vocaloid in inglese con molte cover e originali.


Autore: $IKKI$

Scritto da $IKKI$ il nelle categorie: Informatica, Nanoda News