• 8 Commenti

Un dolore che non mi lascia mai…

Un finale drammatico

….ad affliggerla ulteriormente c’era ..anche lo sguardo compassionevole di quella gente,lo stesso che vide 5 anni prima sempre nei suoi riguardi..

Accelerò il passo per fuggire,come sempre,da quelle persone a cui era estranea,arrivò dinanzi al palazzo del capo villaggio,e con la stessa impassibilità che l’aveva contraddistinta in quegli anni ,arrivò dinanzi alla porta,bussò e una volta fatte le cerimonie di saluto attese le notizie sulla missione

Gaara si trovava ,come l’hokage dietro una scrivania…solo che lui aveva uno sguardo fermo e deciso…vide la kunoichi e disse:Sakura…vedo che non sei cambiata…

Sakura non rispose…

Gaara a quel punto,visto che gli sembravo troppo dilungare quel discorso disse :la tua missione è quella di trovarmi delle erba che si trovano sull’isola di Kia…è detta anche comunemente l’isola delle illusioni…molti pensano che quell’isola sia più potente delle arti oculari…del mangekyou sharingan….cela numerosi segreti e tra questi la pianta di Lilium ..quell’erba…

Non finì si parlare perché lo interruppe Sakura dicendo:quel fiore è detto comunemente “arpia”nome che si addice ad una piante che nasconde due faccia

-una quella bianca e candida che fa cessare i flussi del sangue ,bloccandone le arterie e causando emorragie interne incessabili …questo processo porta al prosciugare completamente l’individuo che ne necessita..

-la seconda parte è uno dei segreti che sono celati nel mondo i dei ninja…non si conosce né l’effetto né la possibile cura…è un tabù irrisolto

Gaara rispose con un cenno della testa annuendo

Lei continuò sempre con fare professionale:non mi è dato modo di conoscere il perché…..quindi quanto tempo ho??..

Gaara guardò sorpreso e per la prima volta si scompose dinanzi a sakura dicendole in modo amichevole :..Sakura…..una volta la persona che rimpiangi ardentemente da 5 anni mi ha insegnato a credere nei legami.. perché tu non credi a quelle parole..lui manca a tutti noi..

Sakura si limitò a stare ferma

A quel punto Gaara le disse:vuoi andare da sola?la missione è rischiosa….

Lei fece cenno d’assenso

E il Kasekage continuo:hai tutto il tempo che ti serve …ma ti prego sii prudente …adesso puoi andare

Lei fece le solite cerimonie di saluto e si avviò…più si allontanava da quel luogo più stava bene…

Lasciata Suna si avviò sull’isola di Kia non aveva paura né della missione né di restare sola..anche se quello voleva dire affrontare direttamente il suo dolore

Raggiunse Kia solo dopo 7 ore di marcia ,quel numero lo odiava ,non lo accettava così arrivata alla riva lasciò il flusso di chakra nei piedi ,camminò sull’acqua fino all’isola e a farle compagnia c’era l’orizzonte imbrunito dal calare del sole che si stava spegnendo dando spazio alla luna e alle stelle…lei rivide in quella piccola falce di luce il sorriso splendido di Naruto…per lei lui era il sole ..e proprio come lui quel sole se ne stava andando lasciandola solo…

Quando il suo sguardo si posò sulle rive dell’isola ebbe una strana sensazione …ma la ignorò volutamente…

Cambio luogo:

nel frattempo nello studio di Tsunade ,la donna avverte una strana sensazione,un presagio maligno che le viene confermato dalla tazza da tè rotta nei bordi……ebbe dei brividi di paura pura e chiamò immediatamente shitsune e le chiese di inviare un messaggio urgente a Suna diretto al Kasekage…

la donna si affrettò ad esaudire l’immediato ordine…

e dopo 3 ore il messaggio con la risposta raggiunse la scrivania dell’hokage ..che stringeva tremante quel pezzo di carta..sperandone in una risposta buona…ma lei nel gioco d’azzardo vinceva solo nel pericolo..e quella terribile sensazione preannunciava quella temuta vittoria…aprì e vi lesse la terribile notizia..

le sue mani stringevano tremanti il foglio..la sua bocca assumeva una posa sconcertata i suoi occhi erano visibilmente terrorizzati ..

shizune si spaventò vedendola in quello stato di incoscienza..le chiese:tsunade-sama..cosa succede?..

tsunade non riusciva a rispondere

shizune con decisione prese il foglio e vi lesse:hokage ..la missione in cui è stata mandata Sakura ..e una missione di ricerca di alcune erbe rare essendo vostra allieva era la più abile a selezionare medicinali adatti…è sta mandata sull’isola di KIA …

shizune non capiva e insistette e tsunade rispose:è una catastrofe…shizune ..Kia è l’isola delle illusione è considerata la terra più pericolosa che sia mai esistita..per quanti segreti sono celati in quel luogo..tanti sono i morti che non vi hanno fatto mai ritorno…solo i 3 sennin tra cui io conosciamo la vera storia di Kia ..ma pur essendo tra i più forti non abbiamo mai avuto la presunzione o la forza di varcare quella terra ..il Kasekage non lo sapeva ed ha mandato …SAKURA lì..

shizune più le parole si facevano pesanti da accettare più si disperava…la 2 allieva del 5 hokage è morta…sakura è morta..

tsunade cercando di riprendersi un minimo fece trasalire da quello stato shiitssune e le ordinò:vammi a chiamare il 10 ,il team 8,team 9 e il capo della squadra degli ambu devo comunicare loro una notizia urgente ..lì aspetterò sul tetto..

dopo 20 minuti tutti i ninja che furono chiamati arrivarono sul tetto:Shikamaru,choji,Ino,Ten-Ten,Lee,Neji,Hinata;Kiba,Shino e Sai il quale capì subito che la situazione era grave..

tsunade costatando che fossero tutti arrivati cominciò un discorso dura da sopportare e dire:vi ho chiamati tutti qui..per comunicarvi io stessa una terribile notizia….Sakura 3 giorni fa è partita per il villaggio di Suna..il Kasekage le ha dato una missione speciale ..l’ha mandata sull’isola di Kia

udendo quel nome Sai trasalì e disse:Kia…

tsunade lo guardò e continuò:Kia è detta comunemente l’isola delle illusioni ..ma come la conosciamo noi sennin è l’isola della morte non è una comune terra e il Kasekage non sapendolo ha mandato Sakura lì…lei morirà…o a quest’ora sarà già morta…con quell’ultima frase il freddo che c’era su quel tetto si intensificò

ed Ino disse:cosa sta dicendo Hokage-sama??lei non può essere morta..

Shikamaru serio comprese le parole e lo stato d’animo dell’hokage e disse :Ino..basta..tsunade -sama lei non ci ha chiamati per andarla a salvare..giusto??

tsunade scoppio in lacrime …uno dei tre sennin si accasciò in lacrime a terra si copriva il volto e diceva:lei è la mia allieva..è sempre stata una figlia per me…ma non posso mandarvi al suicidio …non posso farlo..io stessa andrei ma le regole me lo vietano..quelle stesse regole che hanno ucciso prima Naruto ,adesso lei…

il gelo..non si fermava come le lacrime…e dopo due mesi dalla sua scomparsa l’hokage decise di fare le celebrazioni funebri poiché da quel luogo lei non avrebbe fatto mai ritorno…e forse ora sarebbe stata felice…

il funerale avvenne il 7 dicembre al cimitero di Konoha si radunò tutta la foglia ed anche un Kasekage afflitto…la sua tomba vuota fu disposta vicino a quella del suo unico legame…lei e Naruto sarebbero vissuti per sempre insieme e molte persone pregavano che lei vivesse nell’illusione di amarlo per sempre

e come a beffarsi del destino..una folata di petali di ciliegio vagò impetuosa su entrambi le lapidi come ad accarezzarle…lei non aveva mai avuto la forza di sfiorarla quella tomba ma ora lo aveva fatto..

da lontano..un uomo posto su un albero osservava tutta la commemorazione…dal suo viso scendevano silenziose piccole gocce salate …non sorrideva ,lui piangeva in modo impassibile poiché era stato divorato dall’odio…quell’odio che ora scivolava via vedendo le uniche persone più importanti della sua vita sottoterra …disse in quella gelida giornata:Addio mia amata Sakura …FORSE UN GIORNO M I AVRESTI PERDONATO…ma un vendicatore non merita perdono…

FINE

Autore: gabriella

Scritto da gabriella il nelle categorie: