• 0 Commenti

Autoconclusivo

Autoconclusivo

ragazze/i! vi devo confessare che questa ff…. è… come dire…. strana…. parecchio strana… questa volta mi sono spinta un pò più in là… e diciamo che ho tirato fuori parecchia fantasia…. @_@ mi sento confusa…. cmq… è strana veramente… però anche questa ha un finale… adeguato! cioè… felice! visto? ne ho messe addirittura due dove finalmente sono felici! ma io… mi trovo meglio con quelle drammatiche! T_T MORTE! XDD no vabbè…

I personaggi di questa ff non sono miei ma dell’autore Masashi Kishimoto. Leggete, commentate… e fate finta di nn vedere gli errori… grazie…. XD

Come ogni mattina, da quando era diventato ninja, Naruto, si apprestava ad uscire di casa, per andare al campo di allenamento, era da oramai una settimana a quella parte, però che il ragazzo, faceva tappa, al campo vicino, nascondendosi dietro ad un albero, e questo, aveva destato sospetti, sul ragazzo, ma non solo lui, aveva un comportamento, strano, ma anche Sasuke, che, arrivava sempre dopo Naruto, e quelle volte in cui arrivava prima, spariva, e solo quando Naruto, si faceva vedere, veniva fuori anche lui. Kakashi e Sakura, non potevano fare a meno, di chiedersi il motivo del loro comportamento, anche se, ultimamente, la cosa non dispiaceva alla ragazza, che aveva iniziato, a provare una certa attrazione verso il sensei, che però scambiava solo per interesse. Così, come sempre, Naruto si fermò al campo d’allenamento precedente al suo -Sasuke! Ci sei?- il ragazzo si guardò intorno, quando all’improvviso, sentì qualcuno, afferrarlo per la manica, e strattonarlo, facendolo appoggiare ad un albero. -sei in ritardo Naruto- l’Uchiha, aveva lo sguardo arrabbiato e annoiato, così Naruto sentendosi in colpa rispose -m-mi dispiace Sasuke! Ma lo sai che sono abituato ad andare subito al 3! È logico che mi ci vuole del tempo prima di riuscire a svegliarmi prima!- Sasuke lo guardò negli occhi, poi sbuffò e disse -va beh! Per questa volta ti posso perdonare… ma meriti lo stesso una punizione!- così, avvicinò il suo corpo a quello dell’amico, gli mise una mano sotto la giacca, percorrendo i lineamenti perfetti, di quel corpo, e, avvicinando la bocca al collo, iniziò a baciarglielo sempre con più intensità. A quei contatti, Naruto non riuscì a trattenere un gemito, ma, appena gli sfuggì di bocca, disse -Sasuke… dobbiamo andare… il sensei ci sta aspettando… faremo tardi!- l’Uchiha con fare scocciato, si tolse e guardandolo male rispose -senti un po’.. non è che non vuoi stare con me? Guarda che basta dirlo!- Naruto iniziò ad agitarsi -no! Io voglio stare con te! Ma faremo veramente tardi! È vero che oggi è stata colpa mia che mi sono alzato tardi… però… non dobbiamo comunque trascurare gli allenamenti!- Sasuke si tolse e annuì -per una volta hai ragione pure tu…- il ragazzo trasse un sospiro -però….- all’improvviso lo scaraventò contro l’albero, e tirando giù il colletto, gli lasciò un segno. Naruto, rosso in volto e ancora un po’ scosso, si tirò su di scatto e si tocco il collo, dove sentì bagnato, si asciugò e chiese -che cosa hai fatto?- Sasuke, si asciugò la bocca, poi sorrise -ti ho lasciato un bel succhiotto! Così impari ad arrivare tardi!- Naruto arrossì violentemente. Poi chinando il capo disse -Sasuke… certo che… quando ti ci metti sei anche più infantile di me sai?- l’Uchiha arrossì e girò il capo come offeso. Naruto, notandolo si avvicinò e abbracciandolo si sedette su di lui, poi gli diede un bacio, e sorridendo disse -mi piace questo lato del tuo carattere!- l’Uchiha sorrise, poi lo scaraventò a terra -se fai così non riesco a trattenermi!- Naruto, inizialmente colto alla sprovvista, gli mise le braccia intorno al collo e sorrise -arriveremo tardi all’allenamento!- Sasuke lo guardò di sotterfugi -perché sei così contento?- il ragazzo, continuando a sorridere rispose -hi-mi-tsu!- poi gi mordicchiò l’orecchio, e si tolse velocemente, Sasuke era diventato bordò, intorno a lui, all’improvviso comparì un’aura omicida -NA-RU-TO! SE TI BECCO TI AMMAZZO!- il ragazzo iniziò a correre, divertito, sapeva fin troppo bene, che quello era il punto debole del ragazzo. Ignari di quello che stavano facendo, si diressero verso il campo dove, li aspettavano Sakura e Kakashi, che stavano parlando: -Kakashi-sensei…- l’uomo, senza distogliere lo sguardo dal libro rispose -dimmi Sakura- la ragazza, continuava a guardarlo -certo che ultimamente Naruto e Sasuke si comportano in modo strano… arrivano sempre in ritardo…- il sensei continuò a leggere il libro -già!- però Sakura non demorse, voleva a tutti i costi catturare la sua attenzione -però.. a me non dispiace restare da soli… noi due- Kakashi la guardò con la coda dell’occhio, e lei proseguì -magari un giorno di questi, io e lei, potremmo uscire….. insieme….- nel dirlo era diventata leggermente rossa, Kakashi, chiuse il libro e si avvicinò serio al viso della ragazza, che divenne più rosso -Sakura….- la ragazza deglutì -sì?- il jonin sorrise, soddisfatto -sarebbe a-dul-te-rio! Adulterio! Aspetta di crescere ancora qualche anno e poi se ne può riparlare!- dopodichè si rimise a leggere il libro, la ragazza, ci era rimasta molto male. Così, correndo e urlando arrivarono anche Naruto e Sasuke, Kakashi disse -finalmente! Quanto ancora volevate farci aspettare?- i due si guardarono, sorrisero e risposero -beh… ma adesso siamo arrivati no? Che problema c’è?- il jonin li guardò esasperato, poi disse -vabbè… allora… iniziamo l’allenamento! Io, allenarò Sakura nei genjutsu! Visto che è colto brava a controllare il chakra, mentre Sasuke tu allenarai Naruto nello scontro corpo a corpo!- Naruto, si voltò verso Sasuke, che, lo guardava con uno sguardo soddisfatto, poi guardò il maestro Kakashi sbiancando, all’improvviso Sakura si avvicinò, a Naruto e scoprendogli il collo chiese -che cos’è questo segno? Sembra un succhiotto…- Naruto arrossì -no, no,no,no,no! È solo un livido! Sì un livido!- la ragazza, notando l’agitazione del ragazzo sorrise -sicuro? È difficile farsi un livido proprio qui!- Naruto sbiancò -è….è vero! Sono caduto sullo spigolo del mobile e…- la ragazza lo guardò incredula, poi, Sasuke si avvicinò, e mettendo una mano sulle spalle del ragazzo guardò il segno e sorridendo disse -è sì! È proprio fatto bene!- Naruto arrossì, la ragazza guardò Sasuke, incerta, -cosa intendi?- Sasuke, con un sorriso ancora più largo in volto rispose -beh vedi… sono stato…..- venne interrotto da Naruto, che ormai viola urlò -AAAAAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH! Sasuke non dovevamo andare ad allenarci? Forza! Forza! Non perdiamo altro tempo! Cosa aspettiamo? L’allenamento! L’allenamento! È importante se vogliamo migliorare no?- Kakashi, Sakura e Sasuke guardarono il ragazzo, come se fosse impazzito, Sasuke mise il broncio -ma scusa Naruto…- di nuovo! Naruto iniziò ad urlare -AAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHH!- poi avvicinò il viso all’orecchio di Sasuke, e glielo morse. Il ragazzo esplose. -NA-RU-TOOOOOOOOOOOOOOOOO!- il ragazzo si mise a ridere, e rispose -allora… visto come sei impaziente di iniziare l’allenamento? Forza… andiamo di là! Così lasciamo in pace il maestro e Sakura!- da Sasuke, usciva un’aura omicida, Sakura chiese -sei sicuro che non… ti ucciderà? Ma cosa gli hai fatto?- Naruto sorrise -niente perché? È solo la sua aura combattiva! Non vede l’ora di allenarsi!- Kakashi li guardò esasperato -insomma… basta che iniziamo….- così Naruto iniziò a correre, non appena sentì l’Uchiha avvicinarsi. E, finalmente, iniziarono l’allenamento. Mentre Sakura e Kakashi, si allenavano veramente, quello di Naruto era più un fuggi, fuggi da Sasuke, che lo voleva veramente ammazzare, così, con uno scatto felino, l’Uchiha atterrò il ragazzo, Naruto istintivamente disse -è colpa tua! Non dovevi dire quelle cose!- Sasuke, lo guardò, poi si sdraiò su di lui esausto -perché dobbiamo tenerlo nascosto? Io non mi vergogno….- Naruto divenne triste e rispose -perché… Sasuke… se prima non mi faccio accettare dalla gente del villaggio…. Poi penseranno che sia io, che tu, siamo dei mostri… io perché lo sono… tu perché stai con me…- l’Uchiha lo guardò, pentendosi di essersi comportato da bambino -mi dispiace Naruto….- il ragazzo scosse la testa -non devi! Non è colpa tua!- vedendo che Sasuke, continuava ad sentirsi in colpa, lo sbattè per terra, poi gli tirò giù la maglietta, e gli fece un succhiotto -così siamo pari!- l’Uchiha sorrise e rispose -sei solo uno scemo! Come ho fatto ad innamorarmi proprio di te?- Naruto arrossì, si chinò verso di lui, e lo baciò a stampo, poi lo guardò negli occhi e lo baciò nuovamente, questa volta, intrufolandosi nella bocca, dell’Uchiha. Quando si staccò avevano entrambi il fiatone, Sasuke sorrise -ecco perché!- Naruto fece la linguaccia -solo perché bacio bene?- il ragazzo si tirò su, avvicinandosi nuovamente al volto del ragazzo -non sai fare solo quello bene sai?- Naruto divampò, poi alzandosi disse -alleniamoci avanti!- Sasuke rise e chiese -ti sei offeso o imbarazzato?- l’Uzumaki, non lo degnò neanche di uno sguardo, così Sasuke lo abbracciò e soffiandogli sul collo, disse -andiamo… lo sai che non è solo per quello no? Potrei restare tutto il giorno a dirti perché mi sono innamorato di te!- Naruto, sentendo il soffio del ragazzo sul collo gemette , poi si voltò abbracciandolo lo baciò e rispose -tu invece non hai nessun lato buono…. Però mi sono innamorato lo stesso!- involontariamente, si strusciò addosso al ragazzo che arrossendo, appoggiò la testa sulla spalla di Naruto, -se ti strusci così mi eccito…- l’Uzumaki allora, iniziò a strusciarsi sempre si più divertito, Sasuke gemette, e stava per baciarlo, quando Naruto si staccò e arrossendo disse -se adesso ti alleni come si deve… stasera facciamo tutto quello che vuoi tu!- Sasuke arrossì di colpo, poi sorrise -va bene ci sto! Ma prima!- all’improvviso sparì dalla visuale di Naruto, fino a comparirgli davanti, lo attaccò all’albero, e si intrufolò con la lingua nella sua bocca, dandogli un bacio appassionato, mise una gamba tra quelle del ragazzo sfregando sull’intimità, il ragazzo gemette, poi Sasuke si staccò, anche per riprendere fiato, -abbiamo… anf… risvegliato…anf, anf l’amichetto qua sotto eh?- Naruto lo guardò negli occhi, poi sorrise -anf dici così, però… anf anche il tuo non è rimasto a cuccia!- entrambi sorrisero, poi Sasuke chinò il capo -beh… non possiamo di certo lasciarli così ti pare?- Naruto arrossì, poi alzò la testa e rispose -in via del tutto eccezionale… faremo un allenamento diverso dal solito oggi… però… dopo ci dobbiamo allenare seriamente!- Sasuke arrossì poi sorrise, -allora… se dobbiamo allenarci, sarà meglio sbrigarsi!- prese il ragazzo e lo portò nel fitto della foresta. Arrivò l’ora di pranzo, e Kakashi e Sakura stavano già mangiando, la ragazza aveva portato il pranzo anche al sensei -però Sakura! Certo che sei proprio brava a cucinare eh?- la ragazza arrossì -beh sensei… grazie!- Kakashi vedendola in imbarazzo chiese -ma scusa… a te non piaceva Sasuke?- Sakura lo guardò un attimo, poi distolse lo sguardo e rispose -beh… prima sì…ma adesso è inutile! Avrà notato anche lei che non ho speranze giusto?- Kakashi annuì -ma adesso ti piace qualcun altro?- la ragazza arrossì -sì… però…- Kakashi finì la frase -è troppo grande e non mi considera adulta giusto?- Sakura annuì, il sensei sospirò, poi gli diede un bacio sulla guancia -tra qualche anno andrai bene!- Sakura arrossì e annuì contenta. Poco dopo, arrivarono Sasuke e Naruto, che si sorreggevano a vicenda, tutti e due sudati, e coperti di ferite. Sakura chiese -ma avete fatto un allenamento mortale? Come vi siete conciati?- Sasuke guardò Naruto e rispose -mi ha offeso! Quindi ho dovuto fargliela pagare! L’allenamento corpo a corpo lo abbiamo fatto! Ed è stato una figata! Ma dopo… ho dovuto prenderlo a pugni!- la ragazza chiese -e cosa ti avrebbe ferito così tanto da picchiarvi?- Naruto imbronciato rispose -è colpa sua! Che non tiene le mani a posto!- la ragazza spalancò gli occhi, mentre Kakashi sputò quello che stava mangiando. Sasuke arrossì e Naruto si tappò la bocca, poi l’Uchiha ribattè -non l’ho mica fatto a posta!- Naruto lo guardò di sotterfugi poi si staccò e si andò a sedere vicino al suo pranzo, Sasuke offeso dal suo comportamento si sedette dalla parte opposta. -comunque Naruto…. Non è stata mia intenzione, il ragazzo si alzò e si andò a sedere vicino al compagno, portandogli il pranzo, dopo averglielo dato rispose -ormai non ha più importanza! Però….- si avvicinò all’orecchio sussurrandogli -questa sera non verrai a casa mia!- Sasuke spalancò gli occhi e rosso in volto si alzò di scatto -no! Non puoi farmi questo! Io ne ho bisogno!- Sakura e Kakashi si girarono verso i due, Naruto rispose -mi dispiace!- Sasuke si sedette abbattuto, poi Naruto sorrise e arrossendo si avvicinò all’orecchio del ragazzo -verrò io a casa tua! Quindi preparati a soffrire!- Sasuke, in un primo momento spalancò gli occhi, poi sorrise e rispose -non vedo l’ora!- e si misero a ridere, Sakura chiese -ma ragazzi… è da un po’ di tempo che confabulate tra di voi! Si può sapere che cosa ci nascondete? Arrivate anche tardi agli allenamenti!- Sasuke si voltò e rispose -ma scusa qual è il problema? Così puoi rimanere sola con il sensei!- Naruto annuì -tanto lo sappiamo che ve la intendete! In fondo anche al sensei non dispiace!- Kakashi, sputò un’altra volta quello che stava mangiando, però questa volta arrossì, Sakura già rossa di suo, vedendo il maestro arrossire divenne bordò, poi si girò verso i due e scricchiolò le dita -io vi ammazzo!- Sasuke e Naruto si abbracciarono impauriti, però nel farlo, Sasuke toccò il basso ventre del ragazzo, Naruto, accortosi della sensazione, e vedendo Sasuke sorridere gli tirò un pugno. Poi staccandosi gridò -PERVERTITO!- Sasuke si alzò e iniziarono a litigare. Sakura, si risedette e sbuffando disse -non c’è neanche gusto… finisce sempre così!- Kakashi la guardò, poi riprendendo a mangiare rispose -ma in fondo cosa importa? L’importante è goderci gli attimi che si passano con le persone a cui vogliamo bene!- la ragazza arrossì e poi annuendo riprese anche lei a mangiare. Arrivò la sera, e come sempre la comitiva se ne tornò a casa, Kakashi accompagnò Sakura e poi la salutò dandogli di sfuggita un bacio sulle labbra, per ringraziarla, Naruto e Sasuke, si divisero. Circa un’ora dopo il biondino suonò al campanello dell’Uchiha che aprì la porta, -finalmente! Credevo non venissi più- il ragazzo sorrise, poi chiuse la porta alle sue spalle, si avvicinò a Sasuke e gli diede un bacio per salutarlo, poi bendò gli occhi all’Uchiha portandolo in camera, lo fece sedere sul letto, gli tolse la benda, poi tornò verso la porta, chiudendola alle proprie spalle, e con un sorriso beffardo, disse -questa notte non ti faccio dormire!- l’Uchiha sorrise -non vedo l’ora!- il biondino si diresse verso Sasuke, poi si chinò verso il suo viso e gli diede dei piccoli baci che scesero fino alla bocca, dove il bacio, divenne appassionato, e duraturo. Entrambi non si volevano staccare, ma lo dovettero fare per forza, se non volevano soffocare. Così Naruto disse -questo è solo un assaggio- Sasuke sorrise -allora fammi vedere il seguito- e lo trascinò a sé, cadendo entrambi sul letto, finendo uno, sopra l’altro.

-Sasuke… resteremo insieme per sempre?- l’Uchiha sorpreso, sorrise e rispose -per sempre.- a quelle parole Naruto sorrise e lo baciò, per poi, finire a fare altro.

Adesso, spostiamoci più avanti, quando Naruto, ha appena lottato contro Sasuke, nella valle della fine, ed è in ospedale, la storia naturalmente è cambiata, rispetto a quella originale, dove va a cercare Sasuke con Sakura e Jiraya.

Ospedale di Konoha:

-Naruto! Sono venuta a trovarti….- Sakura, aprì la porta della stanza del ragazzo, ma con molta sorpresa, notò che lui non c’era, era la prima volta, preoccupata, iniziò a correre per i corridoi chiamandolo, quando alla fine gli venne in mente. Iniziò a correre su per le scale, fino a ritrovarsi in terrazza, lì spalancò la porta, e lo vide, seduto per terra, con il capo chino, tirò un sospiro di sollievo -Naruto! Ti pare il modo di scomparire?- si stava avvicinando, quando sentì il ragazzo parlare -mi ha mentito…. Lo aveva promesso….- la ragazza si bloccò -cosa stai dicendo?- si avvicinò, e rimase stupefatta, Naruto stava piangendo, in mano il coprifronte di Sasuke, il ragazzo alzò lo sguardo verso Sakura -mi aveva promesso… che sarebbe sempre stato insieme a me! Invece se né andato! Sakura… se né andato!- la ragazza, si sedette vicino al biondino e abbracciandolo rispose -Naruto… io…. Non so cosa dirti….- rimasero a lungo in quella posizione, finché non arrivò Shizune, che iniziò ad urlare -NARUTO UZUMAKI! CHI TI HA DETTO CHE TI PUOI ALZARE?- all’improvviso smise di parlare, vedendo Sakura che la guardava male, così chiese -cosa è successo?- la ragazza scosse la testa, -Naruto… dobbiamo tornare in stanza….- il ragazzo per tutta risposta si strinse più forte all’amica, come a non volerla lasciare, Sakura alzò gli occhi verso Shizune, quando all’improvviso, una voce si aggiunse -Naruto… non fare il bambino! Devi tornare in stanza!- si voltarono,e videro la vecchia Tsunade andare verso di loro, sciolse la presa delle mani di Naruto su Sakura e lo prese in braccio, il ragazzo strinse più forte le mani sui vestiti dell’hokage, che disse -insomma… fai tanto il duro… ma sei solo un bambino di 12 anni….- il ragazzo riiniziò nuovamente a piangere, mentre l’hokage lo riportava in stanza, quando entrarono, videro Kakashi e Jiraya, l’ero sennin a quella scena chiese -insomma! Perché a me non mi hai mai portato in braccio? Tutte le fortuna a Naruto! Non è giusto!- Tsunade lo fulminò con lo sguardo, poi sedendosi sul letto disse -Naruto… dai… mettiti a letto!- il ragazzo scosse la testa, era la prima volta che vedevano quel comportamento infantile, (più del solito) e ne erano tutti, molto stupiti. Tsunade chiese -perché non ti vuoi staccare?- il ragazzino, affondò di più la testa nella spalla della donna e rispose -mi piace restare così, non ho mai provato questa sensazione, sembra di essere tra le braccia di una mamma!- la donna spalancò gli occhi, poi sorrise e gli diede un bacio sulla nuca -allora, solo per questa volta…. Ti permetto di restarmi in braccio!- fece cenno agli altri di uscire, e così fecero. Appena furono fuori Shizune disse -è la prima volta che vedo madamigella Tsunade fare così! Anche lei deve esserne rimasta felice, per quello che gli ha detto Naruto!- Jiraya invece, non perse l’occasione per prenderla in giro -certo che ne è felice! Naruto gli a dato della mamma! Quando in realtà dovrebbe essere una nonna!- all’improvviso gli arrivò un pugno, tutti si voltarono scioccati e videro, per l’appunto Tsunade che rispose -chi sarebbe la nonna?- Sakura chiese -e Naruto?- la donna rispose -dorme!- la ragazza tirò un sospiro di sollievo, Kakashi chiese -chissà cosa gli è preso! È stata la prima volta che l’ho visto in quelle condizioni!- Jiraya, che si stava rialzando rispose -è stata tutta una scusa per stare tra le braccia di una donna!- Tsunade lo colpì di nuovo -lui non è come te!- poi continuò -in fondo… è solo un bambino di 12 anni, che ha perso un amico…. E anche qualcosa di più!- il silenzio calò nell’atrio, poi sentirono la porta spalancarsi, e videro uscire Naruto, che tuffandosi tra le braccia della vecchia Tsunade chiese -lo so che sono capriccioso… ma… non potresti restare solo un altro po’? se no… non riesco a dormire….- la donna sorrise e rientrò nella stanza con il ragazzo. Dopo una settimana, Naruto fu dimesso dall’ospedale, tutti i suoi amici erano molto contenti, e lo aspettavano fuori dall’edificio, quando uscì, tutti si stupirono di vederlo con l’hokage, per mano, così Sakura disse -in questa settimana, Naruto ha provato la sensazione, di avere…. Come posso dire…. Una mamma!- i ragazzi erano incredule, le ragazze commosse. -adesso però stai attento a quel che fai mi raccomando! Non vorrai finire in ospedale un’altra volta vero?- chiese la donna, il biondino un po’ rosso per la vergogna rispose -no! Stai tranquilla obaa-chan!- la donna sorrise e fece per andarsene, quando Naruto la fermò, tirandola per la maglietta, lei si girò stupita, e lui ancora più rosso disse -ehm… grazie… per quello che hai fatto per me! È stato come essere con la propria mamma!- Tsunade sorrise -di niente!- fece per andarsene quando sentì che il ragazzo non aveva mollato la presa, quindi si girò e chiese -cosa c’è?- Naruto ormai bordò rispose -se.. se ti fa piacere…. Potresti venire ogni tanto a farmi compagnia? Cioè… è che… mi piacerebbe….- Tsunade spalancò gli occhi, poi sorrise e rispose -verrò! Però adesso vai! Che anche io devo lavorare! In fondo sono l’hokage no?- il ragazzo annuì soddisfatto, e corse verso gli amici. Kiba gli mise un braccio intorno alle spalle e chiese -allora… sei soddisfatto? Hai avuto una mamma per una settimana! Come ci si sente?- Naruto arrossì e guardò Sakura, che voltò il viso dall’altra parte, poi rispose -non è male! Per niente!- e se ne andarono ridendo e scherzando.

E adesso facciamo un altro, ma ultimo, salto temporale, dove finiamo nella serie Shipuuuden! Quando, Naruto, è tornato dal viaggio con Jiraya, ma anche qui, cambia la storia, perché Gaara, rimane vivo, vegeto e tranquillo, nel suo villaggio. ^___^

Era ormai una settimana, che Naruto era tornato al villaggio di Konoha, aveva fatto il test dei campanellini, aveva fregato Kakashi, e (diversamente) era anche diventato chunin. Così, una sera, al ritorno dalla cena da Ichiraku, Sakura, Kakashi e Naruto si apprestavano a tornare a casa, quando il ragazzo chiese -ma… Sakura… tu non abitavi da un’altra parte?- la ragazza arrossì tutto d’un botto e rispose -sì.. beh… ecco…. Vedi… io adesso…. Abito a casa del maestro Kakashi!- il ninja copia, intento a leggere il libro regalatogli da Naruto arrossì, il biondino ci rimase secco. Ebbe un infarto che durò i 3 secondi più lunghi della sua vita. E così finì la storia di Naruto Uzumaki, morto miseramente. No no, a parte gli scherzi, che ci rimase secco è vero… così chiese -m-ma… m-ma… ma da quando? Cioè… non riesco a capire!- la ragazza arrossì ancora di più e rispose -che c’è da capire scusa? Ormai ho 15 anni… so cosa farne della mia vita! Sono cresciuta e il maestro mi ha aspettato! Niente di più!- Naruto si pietrificò, così la ragazza, in imbarazzo chiese -beh… ma… anche tu avrai fatto le tue esperienze no? Cioè… insomma… avrai avuto la ragazza giusto?- Naruto spalancò gli occhi, tornò serio e rispose -no! Non ho avuto una RAGAZZA, e ho fatto solo un’esperienza! Che però è finita molto male.- Sakura divenne triste, -ma… però l’hai fatta… e dimmi… quando è stato? Durante il viaggio con il maestro Jiraya?- Naruto chinò il capo -no… qui a Konoha…quando c’era Sasuke….- la ragazza spalancò gli occhi, Kakashi distolse lo sguardo dal libro, così Sakura chiese -non…non me ne sono accorta… e quando è finita?- Naruto riprese a camminare -quando Sasuke se né andato!- i due rimasero a bocca aperta, la ragazza raggiunse Naruto -ma.. cosa intendi dire?- Naruto si fermò, chinò il capo, strinse i pugni -non lo hai capito? L’unica storia che ho avuto… è stata con Sasuke!- Sakura sbarrò gli occhi -ma tu non sei gay!- Naruto la guardò incredulo, poi gli urlò contro -MA COSA C’ENTRA SE SONO GAY O NO? SCEMA!- Sakura fece cenno di perdono e rispose -quindi… è per questo che quella mattina… quando eri in ospedale…- il ragazzo annuì, poi sorrise e disse -beh… ma adesso non pensiamoci più! Ok? È una storia vecchia! Mi rifarò una vita… e farò anche un esperienza normale!- poi guardò in giro e disse-si è fatto tardi adesso…. Scusatemi! Devo proprio andare! Ci vediamo!- e corse via. Sakura disse -mi… mi dispiace per lui… lo sapevo che c’era qualcosa di strano, nel fatto che arrivassero tardi…- Kakashi sbuffò e tornò a leggere il libro, Sakura si voltò verso di lui, e prendendogli la mano chiese -Kakashi-sensei…. – l’uomo continuò a leggere -mh?- Sakura sorrise -perché invece che leggere il libro… non lo metti in pratica?- l’uomo spalancò gli occhi, poi si voltò verso la ragazza -cosa intendi dire?- la ragazza gli lasciò la mano, poi sorrise -indovina!- fece qualche passetto in avanti e disse -ti aspetto a casa!- Kakashi ripose il libro nel taschino e iniziò a rincorrerla -hei! Aspettami un po’!- la ragazza gli fece la linguaccia, andando avanti.

Nel frattempo Naruto, era arrivato a casa e borbottava tra sé e sé -gay… che deficiente… io non sono gay…. Bsx… quello è accettabile… gay… pfui!- entrò in casa e mentre chiudeva la porta sorrise -però…il maestro Kakashi… e Sakura… chi se lo sarebbe mai aspettata una cosa del genere!- si tolse le scarpe, e ne notò un altro paglio, così si affacciò al salotto e con stupore vide Hinata seduta sul divano, -Hinata! Cosa ci fai qui?- la ragazza si spaventò e rispose -e-ecco… l’hokage-sama mi ha fatto entrare dicendo di aspettarti qui…- Naruto spalancò gli occhi e pensò poi sorrise e rispose -dovevi forse dirmi qualcosa?- la ragazza arrossì e rispose -beh… effettivamente sì…- si alzò in piedi e andò verso di lui, che la guardava smarrito, prese fiato e guardandolo negli occhi disse -Na-Naruto io…. Io… dai tempi dell’accademia… io… io… IO TI AMO!- il ragazzo che in un primo momento era curioso, adesso aveva gli occhi sbarrati dallo stupore! Appena si rese conto della situazione arrossì -e…eh? Tu… tu… dai tempi dell’accademia… mi… mi ami?- la ragazza annuì, Naruto iniziò a guardarsi in giro, poi vedendo che Hinata tremava, sorrise e rosso in viso rispose -ecco… vedi Hinata… tu mi piaci… non c’è che dire… mi piaci molto! Più delle ragazzi normali! Per te provo un affetto… sì… più forte dell’amicizia… ma… non ti saprei dire se è amore… insomma…- la ragazza chinò il capo -beh… non è che mi aspettassi una risposta positiva… però…- ‹mi ha fatto male lo stesso!> così, con le lacrime agli occhi sorrise e disse -beh… scusa per il disturbo! Io allora… vado!- fece per muoversi quando Naruto la trattenne e rosso in viso disse -io.. non ho detto di averti rifiutato!- la ragazza spalancò gli occhi -vedi… se per te va bene… devi solo darmi il tempo di innamorarmi di più! In fondo… un pochino lo sono già!- la ragazza gli saltò al collo felicissima, poi involontariamente gli diede un bacio, quando si accorse di cosa aveva fatto disse -scusa! Non… non mi rendevo conto di quello che facevo…- Naruto sorrise e tirandola a sé rispose -no! È una bella sensazione…- e la baciò di nuovo. Quando si staccarono si guardarono negli occhi, poi senza che nessuno disse niente, Naruto iniziò a spogliarla, portandola in camera da letto, lo stesso faceva lei, così, finirono per farlo. Nel pieno della notte, però, Naruto si svegliò, vedendo Hinata a fianco a lui, completamente addormentata sorrise, poi ripensò al fatto che sotto le coperte era nuda, e arrossì violentemente, così, scese piano dal letto senza fare rumore, si mise i boxer e si avviò nell’altra stanza. Andò verso il frigo, ne estrasse una bottiglietta d’acqua e la bevve. All’improvviso sentì un rumore, e uno spiffero di vento lo raggiunse, -guarda chi si ripresenta dopo 3 anni…- si voltò e vide Sasuke, tra le tende, l’Uchiha rispose -già! Ti sono mancato vero?- entrambi erano seri, quando all’improvviso Naruto iniziò a ridere -ma come sei vestito? Che vergogna!- Sasuke arrossì e appoggiandosi alla finestra rispose-invece tu non sei propriamente vestito…- anche Naruto si appoggiò al tavolo -sai com’è… adesso ho una ragazza….- Sasuke lo fissò -così mi hai tradito?- Naruto lo guardò male -ti avrei tradito se fossimo stati insieme… ti pare?- l’Uchiha rispose -io non ti ho mai detto che ti avrei lasciato….- il biondino lo guardò con aria di superficialità -a prescindere dal fatto che non so cosa ti faccia credere che ti avrei aspettato…. “rompere i legami” secondo te cosa significa?- Sasuke lo guardò un attimo poi si rannicchiò -caspita… per una volta hai ragione!- Naruto offeso disse -in che senso per una volta?- l’Uchiha si rialzò e riprese a parlare -quindi sono giunto troppo tardi?- Naruto gli voltò le spalle e rispose -esatto!- l’Uchiha sorrise e lo abbracciò da dietro, iniziando a percorrere con la mano, i lineamenti del corpo di Naruto, che arrossì, e si fece scappare un mugolio-invece secondo me…ti manco sai? Lei ti sa soddisfare come facevo io?- all’improvviso sentirono un rumore, e la porta della camera si aprì -Naruto? Con chi stai parlando?- il ragazzo si avvicinò a Hinata e alzandogli il viso rispose -con nessuno amore…- la ragazza arrossì poi si guardò in giro, e rimase a fissare la tavola, poi chiese -c’era prima quella tovaglia?- il ragazzo rispose -certo perché?- Hinata fece una faccia stranita e sospettosa -non è un po’ troppo lunga?- il ragazzo sbiancò, iniziando a sudare freddo, poi inventandosi una scusa rispose -e…sai com’è… ho paura dei mostri sotto il tavolo…- Sasuke, che era sotto il tavolo, a stento riuscì a trattenersi dal ridere, Hinata, guardò Naruto poi sorrise e rispose -ma che bambino che sei….- il ragazzo sorrise, poi gli tirò su il viso e guardandola negli occhi disse -sai che sei bellissima? A letto poi sei fantastica… non riesco a credere che tu fossi vergine…- la ragazza arrossì -se non fosse che ti fa male… ne approfitterei, ma non voglio fare la figura dell’animale… perciò prima che mi ecciti.. ti consiglio di andare a letto… io ti raggiungo subito!- la ragazza arrossì e tornò in camera, Naruto chiuse la porta e trasse un sospiro. Sasuke uscì da sotto il tavolo e con le lacrime agli occhi disse -i mostri sotto il tavolo? Non potevi inventarti una scusa migliore?- Naruto lo guardò male -indovina di chi è la colpa…. Sei un ninja no? E sei ancora a questi livelli nel nasconderti?- Sasuke lo guardò male, poi disse -senti un po’…- vide Naruto girarsi di scatto -senti Sasuke… non è che ti vestiresti in modo un po’ più sobrio?- l’Uchiha spalancò gli occhi, poi si guardò, aveva solo i pettorali scoperti… poi guardò Naruto e sorrise, gli ritornò dietro abbracciandolo e rispose -aaaaahhhhh… ho capitoooo… quindi volevi farti Hinata un’altra volta perché ti ho risvegliato l’amichetto?- poi con la mano scese fino a toccarlo e sorridendo sussurrò all’orecchio del ragazzo -sei cresciuto eh?- all’improvviso Naruto arrossì -dici così Sasuke… ma anche il tuo non dorme mica eh?- l’Uchiha sorrise imbarazzato, poi Naruto proseguì -invece tu sei cresciuto solo di statura a quanto sento….- Sasuke ci rimase male -hei… senti un po’…- poi Naruto si mise a ridere, e voltandosi, gli prese le mani -cos’è, ti ho offeso l’amichetto?- poi lo sbattè a terra, finendo sopra di lui, avvicinò il viso a quello di Sasuke e gli morse l’orecchio,Sasuke stava per urlare, quando Naruto lo baciò con foga, l’Uchiha spalancò gli occhi, quando il biondino si staccò, disse -tu guarda…. Mi sento un dio… ho il potere di farlo alzare e abbassare…. E senza fare niente di speciale…- Sasuke arrossì, Naruto continuò -anche se gli anni passano… i punti deboli rimangono… non ci avevo pensato, quando eravamo nella valle della fine… potevo metterti a cuccia con questo…- Sasuke, che cercava di liberarsi, involontariamente si strusciava sulla parte intima di Naruto che emise un gemito, poi gli mise le mani sopra la testa e disse -piantala! O non rispondo di me!- Sasuke sorrise -e cosa mi fai?- Naruto divertito lo lasciò andare togliendosi -niente!- Sasuke spalancò gli occhi -come scusa?- il biondino sorrise -hai capito bene! Non ti tocco!- l’Uchiha stava ribollendo dalla rabbia -cioè… lo hai fatto a posta giusto?- Naruto annuì terribilmente divertito, poi Sasuke alzandosi disse -anche tu sei conciato male però…- il biondino scosse la testa -mi dispiace deluderti… ma io.. ho la ragazza!- il moro lo fissò -ma se gli hai appena detto che non vuoi fare la figura dell’animale?- Naruto sorrise, Sasuke irritato fece per andarsene, quando Naruto lo prese da dietro e gli mise una mano davanti facendolo arrossire -se mi prometti di non fare rumore… potrei anche soddisfare le tue esigenze…- Sasuke ancora rosso rispose -non ne saresti capace…- Naruto sorrise -scommettiamo?- lo fece girare e lo baciò con foga,poi iniziò a spogliarlo, Sasuke emise un gemito e Naruto gli sussurrò all’orecchio -vedi? Le persone cambiano con il tempo sai?- Sasuke lo guardò divertito -bisogna vedere quanto sei migliorato!-.

Due ore più tardi…

Entrambi i ragazzi erano a terra con il fiatone, Naruto guardò Sasuke che, era conciato peggio di lui. -sai… mi ricredo… anche tu sei cresciuto…- Sasuke arrossì e rispose – beh… tu sei migliorato…- anche il biondino arrossì, poi si tirò su, rivestendosi -è incredibile… un giorno che sono insieme a lei e l’ho già tradita!- Sasuke sorrise -non puoi resistermi!- Naruto lo guardò male e rispose -no! Ti sbagli! È che mi hai fatto irritare!- anche il moro si alzò rivestendosi -vuoi dire arrapare!- Naruto sbuffò e prendendo una bottiglietta di acqua dal frigo gliela lanciò, Sasuke la prese al volo e Naruto rispose -senti… adesso sei soddisfatto no? Quindi vattene!- il moro lo guardò un attimo poi disse -tanto la tua ragazza non si è svegliata… d’altronde non abbiamo fatto, tutto questo rumore!- Naruto lo guardò male e indicò la casa devastata. Sasuke sorrise, e il biondo disse -l’unico motivo per cui non si è svegliata… è perché ho applicato un genjutsu!- Sasuke spalancò gli occhi -quindi.. quando è uscita… tu sapevi già che sarebbe finita a questo modo?- Naruto scosse la testa -assolutamente no! Piuttosto l’ho fatto perché credevo che litigassimo… non che avremmo fatto sesso!- il moro si accasciò sul divano -quindi possiamo fare un secondo round?- Naruto scosse la testa -non sono bravo nei genjutsu… quindi tra un po’ dovrebbe scadere! E poi… questa volta sono caduto in trappola… ma non succederà più! Adesso ho una ragazza! E non voglio farla soffrire!- Sasuke si tirò su e rispose -tanto mi dovrai sopportare… visto che torno al villaggio!- Naruto spalancò gli occhi -che cosa? Ma… che stai dicendo?- il moro sorrise divertito -che c’è? Non te lo ha detto la vecchia Tsunade?- Naruto scosse la testa ‹quella vecchia ciabatta…> -allora adesso sì che è un problema!- Sasuke si voltò verso di lui e chiese -cosa?- il biondo sorrise e imbarazzato rispose -beh… questa sera… prima di tornare a casa… ero con Sakura e il maestro Kakashi… ero sbalordito perché adesso stanno insieme…- Sasuke sbarrò gli occhi -stanno insieme? Davvero?- Naruto annuì -è sconvolgente vero?- poi si ricordò -ma.. non è di questo… praticamente gli ho detto che l’unica esperienza nel campo dell’amore che ho avuto… l’ho avuta con te!- Sasuke spalancò gli occhi, poi nervoso chiese -fammi capire… hai fatto tante storie… quando c’ero… per dirlo… e l’unica volta… in cui saresti dovuto stare zitto…. HAI SPIFFERATO TUTTO?- Naruto fece cenno di fare silenzio e sottovoce rispose -mica potevo immaginare che saresti tornato no? Sei tu che sei incoerente!- Sasuke a bassa voce gli urlò addosso -ma sei completamente scemo? Avresti dovuto saperlo che non avrei lasciato le cose in sospeso! Cavolo! Da quanto mi conosci? Sei proprio uno stupido!- all’improvviso dalla camera si sentì un rumore, così Naruto disse -senti… torna al villaggio dopodomani! Così domani sistemo la questione con il sensei e Sakura ok? E poi sei tu il deficiente! Potevi mandarmi un piccione viaggiatore e dirmelo!- Sasuke si innervosì e gli tirò un pugno -ma chi c***o usa i piccioni viaggiatori al giorno d’oggi? Brutto p|#|@! Vedi di sistemare la cosa entro dopodomani! Se no ti faccio un culo così!- Naruto arrossì e calmo come l’acqua rispose -Sasuke… detto in questa situazione è terribilmente volgare….- il moro arrossì e rispose -sì.. beh.. hai capito il senso comunque! Allora spicciati!- si mise sulla finestra e disse -ci vediamo!- Naruto lo trattenne -aspetta…- Sasuke si girò -cosa?- il biondino lo lasciò e rispose -niente…- così il moro sorrise, gli prese il viso con una mano e lo baciò -ci vediamo Naruto!- il ragazzo arrossì e affacciandosi alla finestra urlò -NON VOLEVO ESSERE BACIATO IMBECILLE!- il moro divertito gli fece la linguaccia e sparì. Naruto scocciato chiuse la finestra, mise a posto la stanza ed entrò in camera, Hinata, si svegliò e chiese -dove sei stato?- il ragazzo tuffandosi a letto rispose -avevo sete e ho bevuto 3 bottigliette d’acqua! Solo che poi mi scappava e ho passato circa mezz’ora in bagno! Poi mi sono seduto un attimo sul divano, ho aperto la finestra e mi ha devastato la stanza, così ho messo a posto!- il ragazzo spalancò gli occhi ‹mamma mia! Mi è uscita una bugia convincente e non ci ho nemmeno pensato! Che forza!> Hinata rispose -capito!- il ragazzo la guardò, sorrise e gli tolse i capelli dal viso, poi la abbracciò e iniziò a stritolarla -aaaaaaaaahhhhhhhhhh! Hinata quanto sei bella! Mi viene voglia di mangiarti tutta! Non è giusto! Mi fai eccitare così!- la ragazza arrossì e cercando di respirare rispose -ma se non ho fatto niente!- il ragazzo la fissò, era sopra di lui e gli poteva vedere il seno… distolse lo sguardo arrossendo, poi pensò un attimo e l’abbracciò più forte -questo è un problema!- Hinata arrossì e disse -Naruto…- il ragazzo la guardò -cosa c’è?- la ragazza arrossendo rispose -sei un animale!- il biondo si alzò di scatto e chiese -perché?- la ragazza tentò di coprirsi col lenzuolo e rispose -sei mezzo nudo davanti a me, e sento il tuo amichetto sotto di me, che si è svegliato! Credi che anche io non mi ecciti?- Naruto si guardò i boxer e rispose -hai ragione…- poi pensò ‹che io sia veramente un animale? È la terza volta…› poi guardò Hinata e la scaraventò sul letto, si mise sopra di lei e disse -ora però prenditi le tue responsabilità eh?- la ragazza arrossì e mettendo le braccia attorno al suo collo sorrise -va bene… ma solo per questa volta- Naruto arrossì e rispose -scherzi vero? Ci saranno molte altre volte! E…- mise un dito sulla bocca della ragazza per evitare di farla parlare -e…. così ti abitui più in fretta e non ti farà più male!- Hinata arrossì notevolmente -ma cosa ti metti a dire?- il ragazzo mise una mano tra le gambe della ragazza e poi tirandola su la leccò -dici così ma…. Sei più che eccitata… porcellina!- la ragazza divenne bordò, poi vide Naruto infilarsi sotto le coperte e agitata chiese -ma….ma… cosa stai facendo?- il ragazzo sorrise -hai detto che potevo!- fece la faccia offesa, la ragazza rispose -sì ma… prima non lo hai fatto… e io mi vergogno comunque… lo sai che è la prima volta che faccio queste cose!- Naruto ritornò su e la baciò appassionatamente, poi rispose -Non ti preoccupare…. Non fa male… è solo un piacere immenso…- Hinata arrossì e disse -sembra che parli per esperienza!- il biondo sorrise e iniziando a baciargli il collo scese sempre più giù, poi arrivò all’altezza dell’intimità della ragazza e rispose -questo è un segreto!- Hinata non fece in tempo a parlare che iniziò a gemere, poi Naruto finendo, si tolse i boxer, risalendo da sotto le coperte -allora? Ti ha forse fatto male?- la ragazza rossa rispose -n-no….- Naruto sorrise -è stato bello vero?- Hinata annuì. Poi il ragazzo la baciò -e adesso… sarà ancora più bello!- prima che la ragazza potesse dire qualcosa, Naruto la penetrò e iniziò a muoversi con un ritmo sempre più veloce ma delicato. Quando ebbero finito, si distese sul letto, si voltò vero Hinata e chiese -tutto bene?- lei annuì -è stato bello!- Naruto sorrise l’abbracciò e rispose -naturalmente!- e poi, si addormentarono.

La mattina seguente, quando i due si alzarono, decisero di avviarsi insieme verso i campi dell’allenamento, dove, ci sarebbe stata una specie di riunione di tutte le squadre, durante la strada però, Naruto, come al solito,decise di prendere qualcosa da mangiare, così si avviarono al negozio di dolci -ma Naruto… rischieremo di fare tardi!- il ragazzo tutto contento rispose -ma va…. Non ti devi preoccupare! Vedi che in un batter d’occhio saremo là! Però… prima la colazione!- così, lasciò la mano della ragazza ed entrò a comprare qualcosa, quando uscì, porse un sacchettino a Hinata che chiese -cos’è?- il biondino, tutto contento rispose -la tua colazione! Devi mangiare! Abbiamo sprecato molta energia questa notte!- la ragazza arrossì, gli prese la mano, e disse -mangerò quando saremo là! Andiamo!- così iniziarono a correre. Quando arrivarono, notarono che in effetti erano in anticipo, così Naruto la prese in braccio ed andarono sul ramo di un albero -adesso mangia!-. circa un’ora dopo, arrivarono anche i gruppi mancanti, compresi Sakura e Kakashi, che non appena videro il ragazzo, gli si avvicinarono, poi notarono anche Hinata, così la rosa chiese -hei Naruto! Come mai insieme ad Hinata?- il ragazzo, scese dall’albero e rispose -ah beh… siamo venuti insieme… sai com’è! Ha dormito a casa mia…- la ragazza divenne completamente rossa e disse -sì ma.. Naruto lo devi dire a tutto il villaggio scusa? Contieniti!- Sakura sbalordita chiese -non mi dirai che voi de… state insieme?- il biondino annuì, mentre la Hyuga divenne rossa, all’improvviso sentirono dei rumori e si girarono, videro Tsunade andare verso di loro, Naruto la guardò male, e l’hokage, notandolo chiese -cosa c’è? Ho fatto male a far entrare Hinata?- lui scosse la testa -però almeno avvisa!- Tsunade sorrise, poi richiamò l’attenzione di tutti -ascoltatemi! Ho un annuncio da fare! Come saprete, chi tradisce il villaggio, deve subire una punizione! Tuttavia, in via del tutto eccezionale, ho deciso di riammettere Sasuke Uchiha nel villaggio senza infliggergli una pena!- tutti i presenti si stupirono, Sakura e Kakashi guardarono Naruto che, inaspettatamente disse -ma scusa… perché in via del tutto eccezionale? In fondo è un traditore…- i presenti rimasero a bocca aperta, Sakura disse -ma Naruto… cosa stai dicendo?- il biondino rispose -la verità!- l’hokage sorrise e rispose -ho deciso di riammetterlo… perché ha portato due traditori di classe S del villaggio di Konoha, quali sono Itachi Uchiha e Orochimaru!- il ragazzo spalancò gli occhi, poi rispose -se mi aveste fatto uscire dal villaggio…. Li avrei portati anche io… non è successo niente di speciale!- una voce si aggiunse -dici così, ma non ci credo nemmeno un po’, che non sei stupito… semmai geloso!- da dietro un albero comparì Sasuke, che stavolta aveva una divisa del villaggio, il biondino lo guardò male, poi rispose -non ti devi vantare per così poco sai? C’è chi ha fatto molto meglio… e sicuramente io rientro in quella categoria!- l’Uchiha lo guardò divertito -non mi dici niente? Quando me ne sono andato volevi così tanto che ritornassi…- Sakura, Kakashi e Hinata lo guardarono, il ninja copia disse -ha ragione lui…- Naruto lo guardò male, poi tornando a fissare Sasuke rispose -prima era prima… adesso preferirei ammazzarti piuttosto!- Sasuke spalancò gli occhi, come anche gli altri, l’hokage si avvicinò al ragazzo e disse -si può sapere cosa ti prende? Non volevi che tornasse ad ogni costo? Credevo ti avrebbe fatto piacere!- il biondino la fissò, gli occhi erano diventati rossi, Tsunade indietreggiò appena -credevi male!- poi si fece avanti e si ritrovò faccia a faccia con Sasuke, ancora scioccato, appena vide gli occhi rossi del ragazzo chiese -vuoi combattere?- Naruto scosse la testa, poi sottovoce disse -brutto deficiente! Non dovevi tornare domani? Io non ho ancora chiarito niente con Sakura e il sensei!- l’Uchiha sbarrò gli occhi, poi innervosito rispose -se non perdessi tempo con la tua ragazza avresti risolto!- a quelle parole Naruto gli mise le mani intorno al collo -dici così solo perché sei geloso! Confessa!- anche Sasuke gli mise le mani intorno al collo e rispose -non sono geloso! Ma infastidito dalla tua linguaccia!- i due iniziarono a strozzarsi. I presenti li guardavano divertiti, poi senza fiato, lasciarono la presa, e il biondino disse -si può sapere perché non te ne sei rimasto dove stavi?- il moro rispose -perché altrimenti come mi diverto?- mentre Naruto era distratto, Sasuke si avvicinò pericolosamente al suo viso, accortosi il biondino gli mise una mano sulla faccia e alzando la voce disse -insomma contieniti!- il moro cercò di levarsela -dai…che male c’è?- poi bisbigliando disse -lo so che questa notte ti è piaciuto!- a quelle parole Naruto lasciò la presa e gli diede un calcio in mezzo alle gambe, per un attimo Sasuke rimase senza fiato, poi si accasciò a terra, i ragazzi presenti fecero una faccia dolorosa e istintivamente misero le mani davanti, le ragazze arrossirono, l’Uchiha dolorante chiese -perché…. Lo hai fatto?- Naruto rispose -perché sei un coglione!- a quelle parole, il moro, con le forze rimaste, trascinò a terra il biondo iniziando a tirargli pugni, da semplice litigio, era diventata una rissa, poi Kakashi e Tsunade si avvicinarono staccandoli e l’hokage disse -insomma… abbiamo capito che andate d’accordo…- i due risposero -MA DOVE?!- tutti erano estremamente divertiti, e ridevano di cuore, così anche Sakura, che si era dimenticata di quello che gli aveva detto Naruto su Sasuke e lui, e Hinata, ignara che quella notte il ragazzo gli avesse messo le corna proprio con l’Uchiha. Così, la giornata, andò avanti tranquillamente, tutti salutavano Sasuke, felici di riaverli al villaggio, Naruto iniziava a spazientirsi, quando ad un certo punto disse -Hinata… perché non ce ne andiamo da un’altra parte?- Sasuke appena sentì quelle parole si voltò di scatto e rispose -no! Sono appena tornato al villaggio e tu HAI il dovere di restare con me almeno oggi! Capito?- il biondino lo fissò incerto-scusa… ma perché dovrei avere il dovere di stare con te? Ogni 5 secondi ti fermano per salutarti, ci sono Kakashi e Sakura… puoi anche andare dagli altri sai?- l’Uchiha lo guardò male, quando si sentì una voce alle loro spalle -hei Naruto! Ti sei dimenticato che dovevamo andare…- si bloccò vedendo tutte quelle persone, il ragazzo si girò e salutò -Sai! Kiba! Ciao! No… non mi sono dimenticato… è che questo scemo vuole che io resti con lui… sapete com’è… attaccamento morboso il suo!- i due soffocarono le risate e Kiba rispose -dai fai venire anche lui no? Lo sai che le ragazze non sono ammesse no?- e guardò Hinata, la ragazza ripose-ho capito non c’è bisogno che continui a fissarmi sai?- Sai rispose -io non ti sto fissando!- la ragazza lo guardò stranita -non l’ho mai detto!- il ragazzo rispose -invece sì! Hai detto : non c’è bisogno che continui a fissarmi Sai?- la ragazza lo guardò male -ma quanto sei scemo da 1 a 10?- il ragazzo sorrise, poi Naruto si mise in mezzo e rispose -comunque… tornando al vero discorso…. Vengo subito! Sasuke è troppo impegnato per venire…- l’Uchiha lo guardò male -invece vengo!- i due iniziarono a lanciarsi delle occhiatacce, Hinata chiese -ma dove vai Naruto? Che cosa devi fare?- il ragazzo si voltò, le prese le mani e guardandola con uno sguardo dolce e sincero rispose -Hinata… tu sei il mio angelo… sei la mia vita… sei una ragazza fantastica… ma… questo proprio non te lo posso dire…. È un segreto…- la ragazza lo guardò male -che cosa fai di così stupido da non potermelo dire?- il ragazzo guardò i 2 dietro di lui e sorridendo rispose -è un segreto professionale vero?- i 2 sorrisero a loro volta e risposero -già!- intorno a loro improvvisamente sbocciarono dei fiori. La ragazza li guardò inorriditi e rispose -sì… ho capito… lasciamo perdere….- e se ne andò, Sakura guardò male i ragazzi -ma perché siete così stupidi?- e se ne andò, Kakashi guardò Naruto, Sai e Kiba, poi disse -andiamo?- la maschera incrinata faceva notare che il jonin stesse sorridendo, Sakura però era dietro di lui e disse -dove vuoi andare?- Kakashi iniziò a sudare freddo e rispose -devo tenere d’occhio i miei allievi… e comunque sono dei ragazzini…- la ragazza lo guardò male, poi se ne andò. I 4 iniziarono a ridere, poi Sasuke si intromise -allora dove dobbiamo andare e cosa dobbiamo fare- i 4 si guardarono, poi sorridendo risposero -seguici!- iniziarono a correre, Sasuke, notò che erano tutti notevolmente migliorati, poi vide Naruto che lo fissava, non appena si accorse che anche l’Uchiha lo guardava distolse lo sguardo e accellerò il passo, Sasuke sorrise e accellerò anche lui, Naruto la prese come una sfida e diventavano sempre più veloci Kiba disse -ma che cosa stanno facendo?- Sai scosse la testa, invece Kakashi rispose -lasciali fare… è inutile parlare con loro…-. Presto arrivarono al posto prestabilito, si trattava di una cascata termale, dove vicino c’era una baita, Sasuke chiese -è questo il posto?- Naruto annuì -ognuno di noi ha una baita personale, se guardi bene, era un posto abbandonato, lo abbiamo trovato casualmente e… è diventato nostro! Poi c’è quella baita sotto la cascata che è molto spaziosa… la usiamo per le partite a strip poker o cose del genere… insomma… ci invitiamo parecchia gente! Naturalmente tutti ragazzi- l’Uchiha annuì -ma a cosa vi serve?- il biondino scrollò le spalle -per tenere tutto quello che non vogliamo far vedere alle ragazze, Kakashi sensei porta i libri di Icha Icha Paradise e cose del genere… e lo stesso facciamo anche noi…- il moro guardò Naruto di sotterfugi, poi chiese -e tu cosa ci nascondi?- Naruto arrossì, Sasuke si voltò verso gli altri che scossero la testa -non lo sappiamo! La baita di Naruto si trova in cima alla cascata… lontana dalle nostre, ci siamo entrati solo una volta e sembrava normale… siccome non abbiamo voglia di salire fino a là… non ci importa… e poi anche noi non diciamo cosa nascondiamo… si sa solo di Kakashi.. ormai è diventata un’abitudine… vedessi che poster….- e si misero a ridere il jonin ribattè -sì perché anche voi non ne avete una copia ne? Solo a Naruto non piace questo libro…- i 2 arrossirono e il biondo annuì -anche io riesco a scrivere quelle cavolate… infatti sono io l’autore dell’edizione special!- Sai, Kiba e Kakashi spalancarono occhi e bocca increduli. Sasuke iniziò a ridere-te ne vanti?- all’improvviso sentì un’aura assassina, infatti girandosi vide i 3 ragazzi che lo guardavano male, poi andarono da Naruto con carta e penna e dissero -autografo!- il biondo sorrise. Ognuno poi entrò nella proprio dimora, Sasuke incuriosito seguì Naruto, senza farsi accorgere, ed entrò insieme a lui, appena fu dentro disse -sono proprio curioso!- Naruto si voltò di scatto -cosa fai qua? Vattene!- invece l’Uchiha stava già frugando nelle stanze, quando arrivò all’ultima l’aprì e rimase immobile, il biondo lo notò e arrossì violentemente -no! Ma perché l’hai aperta?- Sasuke rimase perplesso -ma… cosa…- Naruto si appoggiò sullo spigolo, rosso in volto, rispose -cosa credevi? Che avessi buttato tutto? In fondo…. Sei stato importante per me…- la stanza era tutta tappezzata di foto e alcuni poster di lui e Sasuke, prima che il ragazzo se ne andasse da Konoha. Sasuke si voltò verso Naruto biascicando un -grazie- poi si appoggiò a lui, il biondo iniziò a sbraitare -hei che fai? Non ci provare nemmeno!- non potè finire la frase che Sasuke gli aveva dato un bacio, staccandosi sorrise -veramente… grazie infinite….- Naruto sorrise -non devi… se l’ho fatto… è perché… non voglio dimenticarmi dei bei momenti che abbiamo passato insieme…- l’Uchiha spalancò gli occhi -cosa intendi dire?- Naruto arrossì e cogliendolo alla sprovvista gli diede un piccolo bacio -in realtà… io…- Sasuke era incerto su quello che Naruto aveva intenzione di dirgli -puoi dirmi tutto lo sai- a quelle parole Naruto arrossì violentemente e rispose -io ti amo ancora! Non riesco a dimenticarti… perché per me tu sei importante… però… Sasuke… io… a me piace anche Hinata! Perciò…- Sasuke lo zittì -ho capito sai? Cosa vuoi dirmi…. Senti… se non è un problema per te… facciamo che questo è il nostro rifugio segreto? Anche io ti amo ancora Naruto….- il ragazzo sorrise -dovremo rimanere per sempre amanti… non ti scoccia?- l’Uchiha scosse il capo -no… l’importante… è che io possa restare insieme a te… per sempre… tutto il resto non conta… vorrà dire che mi impegnerò anche io a rimettere in sesto il clan Uchiha…- Naruto sorrise -però dovrai amare veramente solo me!- Sasuke arrossì e baciandolo rispose -vale anche per te! Testa quadra-

E così i nostri due eroi, avranno una tresca per l’eternità…. Ma d’altronde… l’importante è essere felici no? ^____^

(Na: però mi dispiace per Hinata….ç_ç)(Hi:tranquillo Naruto… a me basta saperti felice^_^)(Na: *_* oh Hinata….vieni qui)(Sa:si vabbè però non restate così appiccicati! #_# )(Sak:non cambieranno mai… si sarà risolto qualcosa?)(Ka:non penso…)(Sak:allora… noi cosa facciamo? °////°)(Ka:mmmmh… io torno a leggere Icha Icha ^_^)(Sak:io ti ammazzo….#_#)(Sa:per me quelli non sono fatti l’uno per l’altra!-_-”)(Na:già….-_-”)(Hi:concordo….-_-”)

FINE

Autore: Tatsuha-eiri

Scritto da Tatsuha-eiri il nelle categorie: