• 6 Commenti

ETNA COMICS 2012: reportage

Dal nostro inviato speciale Gualtiero ‘Shito’ Cannarsi.

La seconda, attesissima edizione di EtnaComics si è conclusa già da qualche giorno, ma mi sento ancora immerso nella sua fantastica atmosfera. Wow! Chi l’avrebbe detto che l’entusiasmo della fiera catanese sarebbe riuscito a contagiare così profondamente anche un vecchiaccio come me? Certo, le premesse c’erano tutte… vi ricordate il mio report sulla primissima edizione, lo scorso anno?

Un esordio così faceva davvero ben sperare per le edizioni successive, ma bisogna proprio dire che lo staff degli organizzatori è riuscito a superare tutte le aspettative!

Da un lato, lo spirito genuino e festoso di tutti i partecipanti era esattamente lo stesso dell’anno precedente, con frotte di ragazzi più e meno giovani, famiglie persino, che affollavano l’aera fieristica catanese carichi di allegria ed entusiamo. Già questo basterebbe a rendere una fiera di fumetto un successo: il pubblico è il primo ingrediente! Ma dall’altro lato, il lato organizzativo, beh… rispetto alla già soddisfacente prima edizione, l’offerta della manifestazione si era invece moltiplicata per due, o forse anche più!

Mi spiego meglio: innanzitutto, gli spazi fieristici erano più del doppio dell’anno precedente, il che già vuol dire molto. Ma quello che significa ancora di più e come questi spazi sono stati usati! Non si è trattato semplicemente di un allargamento delle aree espositive, ma dell’inserimento di tantissimi ambiti inediti ricchi di iniziative entusiasmanti.

Primo fra tutti, e chiaramente il più interessante tanto per me quanto per i lettori di Nanodà, è stato il Japan Center, grande novità di quest’anno. No, non si trattava di un’area che raccogliesse semplicemente i venditori di materiale giapponese. Tutt’altro! Era un intero piccolo palazzo, su più livelli, dove hanno trovato spazio una sala giochi (alla giapponese), con contest e piccoli eventi, un’area Vocaloid, un’area karaoke (con canzoni giapponesi!), uno spazio dedicato al Giappone tradizionale (con sessioni di calligrafia giapponese, cucina giapponese e altro), un’area dedicata allo Studio Ghibli, un fantastico Maid & Butler Café, e ancora allestimenti, diorami davvero splendidi, e tante tante trovate!

Per un appasionato di manga e anime c’era davvero da far girare la testa. Soprattutto, chi come me è stato in Giappone più e più volte, non avrà potuto non notare (e apprezzare!) l’evidente intento di riproporre in Italia proprio quelle atmosfere, quelle sensazioni tipiche di questi hobby per come sono vissuti nella loro patria. Il risultato è stato fantastico: uno spaccato di Giappone ‘da animefan’ trasportato nel nostro paese! Una cosa davvero unica, che non avevo mai visto da nessun’altra parte nel mondo, e a riprova di questa chiarissima intenzione, fuori dal Japan Center i visitatori potevano anche trovare il chiosco delle ‘Crepes Giapponesi’, altra chicchissima -davvero molto golosa- che solo chi ha amato i dettagli delle metropoli nipponiche avrebbe potuto pensare di proporre in una fiera di fumetto. Fantastico!

Naturalmente, le attività proposte da EtnaComics2012 non si esaurivano al Japan Center. La lista di ospiti era veramente sterminata, e spaziava da disegnatori italiani e stranieri ma di caratura sempre internazionale sino a ospiti giapponesi di livello universitario (tra cui il professor Tamaki Saito, maggior esperto al mondo sul fenomeno degli ‘hikikomori’, che ha tenuto una conferenza sul tema, collegandolo a quello degli otaku).

Ci sono state anche vere e proprie ‘sessioni’ di sceneggiatura di fumetto, o doppiaggio di anime. Senza contare la ludoteca, con giochi e videogiochi aperti a tutti, o il cosplay, o l’area palco, con una scaletta fittissima di concerti e presentazioni in anteprima, e il costante supporto di Radio Animati. Cos’altro aggiungere?

E’ presto detto: con più di 40.000 visitatori, quest’anno EtnaComics ha davvero saputo deliziare davvero un grandissimo numero di appassionati… ma per tutti gli altri che se la sono persa, l’appuntamento è chiaramente per il prossimo anno, nella splendida Catania, la città che si è già confermata come la sede dell’evento più interessante, frizzante, divertente per tutti gli appassionati di anime e manga: EtnaComics!

Autore: Shito

Scritto da Shito il nelle categorie: Nanoda News