• 1 Commenti

Domande frequenti sul Giappone – Atto secondo

Oggi mi vesto nuovamente da Detective Conan (ehm…) e continuo l’indagine sui miti e sulle cuoriosità che ruotano intorno al Giappone.
Divertiamoci insieme e diamo la caccia ad un po’ di curiosità!

questions-about-Japan-2

Ho già parlato di tante curiosità giapponesi nell’articolo precedente; continuiamo un po’ con le domande. Se vi viene in mente qualche curiosità che volete soddisfare, chiedetemi pure!

D: Esistono davvero i “buttadentro?” quelle figure che spingono le persone dentro i treni nelle ore di punta?
R: Beh, a dire la verità non li ho visti personalmente, ma una mia amica è stata loro “vittima” XD

D: I treni sono sempre in orario?
R: Si! Lo stesso vale per la metro e per i trasporti pubblici. Sono rimasto colpito dall’efficienza dei servizi di trasporto giapponesi. Inoltre, c’è da dire che i Giapponesi sono molto cortesi anche durante i viaggi. Guardate qui sotto:

Courtesity Seats

Questi sono i simboli dei Courtesity Seats. Se, durante il viaggio, non ci sono posti a sedere disponibili, i giapponesi si alzano per dare la precedenza alle donne incinte, alle donne con bambini piccoli, a coloro che hanno difficoltà a camminare ed agli anziani. Se andate in Giappone ricordate di fare lo stesso, la vostra cortesia sarà molto apprezzata.

D: In auto si tiene la destra o la sinistra?
R: La destra, il contrario di quello che facciamo noi in Italia

D: E’ vero che le auto giapponesi consumano di meno?
R: No, sono come le nostre. C’è da dire che moltissimi giapponesi posseggono auto con il cambio automatico, soprattutto nelle grandi metropoli. Questo permette di risparmiare notevolmente sul carburante, dovendo muoversi nel traffico cittadino.

D: Cambiamo argomento! Come funziona il loro sistema scolastico? E’ come il nostro?
R: Il percorso scolastico di un giapponese può essere riassunto secondo un semplice schema:
da 3 a 6 anni: Scuola materna
da 6-7 a 11-12 anni: Scuola Elementare
da 12-13 a 17-18 anni: Scuola Secondaria
da 18-19 a 23-24 anni: Università o scuole professionali.
C’è da dire che, alcuni istituti, tra i 12 e i 18 anni hanno diviso il percorso scolastico in “Medie Inferiori” dai 12 ai 15 anni e, successivamente, in “Medie superiori” tra i 15 e i 18 anni.
Le scuole sono molto rigide e gli esami di ammissione molto pretenziosi. Si utilizza la divisa scolastica obbligatoria e gli orari scolastici possono impegnare anche più di 7 ore al giorno!

D: Quindi, dopo la scuola, lavoreranno come matti con ritmi incredibili!
R: Beh… il lavoro non spaventa i giapponesi! Normalmente, si lavora dalle 8 alle 9 ore al giorno però i ritmi di lavoro sono molto serrati.

Onsen

D: Esistono davvero i bagni termali? Come nei cartoni animati?
R: Certo! Ci sono i famosi Onsen, possono essere pubblici o privati, all’aperto o coperti. Negli Onsen non è previsto indossare nulla, nemmeno il costume da bagno.

D: Quindi sono tutti nudi! E’ vero che i giapponesi ce l’hanno piccolino?
R: Che razza di domanda… XD Comunque, mediamente… si!!

Alla prossima!

Autore: Ryuichi

Scritto da Ryuichi il nelle categorie: Giappone