• 51 Commenti

Corso di giapponese gratuito di Nanoda.com Lezione 11 “Ga” per unire due frasi

E dopo tanta attesa ritornano le lezioni del corso di giapponese di nanoda, oggi andremo a vedere come si utilizza la particella GA per unire determinati tipi di frasi.

corso-giapponese-new-11

Introduzione

Nella lezione precedente abbiamo visto l’uso della particella は e が come segna soggetto, marcato e non marcato. Abbiamo visto anche quando si usa が e quando は. Ricorda che が si utilizza quando nel discorso o nella frase appare un elemento nuovo. 
Ti ricordo l’esempio fatto nella lezione precedente:

corso di giapponese

Se non ti ricordi questo uso ti consiglio di leggere la lezione precedente prima di iniziare a leggere questa nuova lezione. Oggi vedremo che la particella が viene utilizzata anche con un altro scopo, ossia per unire due frasi.

が per unire due frasi

Come ti ho appena detto la particella が viene utilizzata anche per congiungere due frasi indipendenti. Ma fai attenzione, la particella が può essere utilizzata solo quando tra le due frasi da congiungere è presente un contrasto. Si costruisce utilizzando il modello:
Frase 1 + が + Frase 2
In italiano questo tipo di costruzione corrisponde a due frasi unite con le congiunzioni: ma, mentre, invece. Vediamo subito un esempio:

corso di giapponese

Mori è venuto, ma/mentre/invece, sua moglie no.

Separando le due frasi abbiamo 森さんは来た e 奥さんは来なかった Queste due frasi da sole hanno già un senso compiuto ed unendole con il が si crea un contrasto. Il parlante utilizzando il が in questo modo vuole esprimere la sensazione negativa della frase che segue il が.
Facciamo un altro esempio:

corso di giapponese

Marco e venuto a lezione ma Luca non è venuto.

Anche in questo caso la concezione negativa della non presenza di Luca alla lezione è data dalla particella が.
Alle volte il contesto nel quale si parla rende la seconda parte della frase quasi ovvia, quindi la seconda frase viene elisa e si aggiunge solo il が alla fine della frase.
Questo tipo di costruzione Frase 1 + が è frequentemente utilizzata per le richieste gentili. Esempio:

corso di giapponese

Vorrei dell’acqua… (Saresti così gentile da darmene un po’?)

Ricorda che puoi usare が per unire due frasi quando in italiano inseriresti in una frase ma, invece, però. NON puoi utilizzarlo per esempio per dire: “Oggi mi sono alzato e sono andato a scuola”. Questo tipo di congiunzione tra frasi si realizza in un altro modo.
Ecco qualche altro esempio:

corso di giapponese

Sono andato allo studio del medico, ma non c’era.

corso di giapponese

C’è la luna ma non si vedono le stelle.

Un’ altra cosa che voglio farti notare è la doppia presenza della particella segna soggetto は quando nella frase sono presenti due elementi di contrasto, le particelle segna soggetto sono sempre indicate da questa particella, che rafforza ancora di più il contrasto delle due frasi congiunte.

Vediamo un altro esempio di frase con doppio soggetto は di contrasto:

corso di giapponese

Lui ama Linda ma detesta Maria.

Anche in questo caso i soggetti delle due frasi sono indicati dalla particella は.
Ti troverai spesso davanti all’indecisione se usare は o が in una frase. Questo è normalissimo poiché queste due particelle rappresentano uno degli scogli di questa lingua. Alle volte è difficile usare la particella giusta anche per chi lo studia da molto tempo, quindi non ti scoraggiare e continua con i tuoi studi.

In Breve

Oggi abbiamo visto come unire due frasi di senso compiuto mediante la particella が ma solo quando ci troviamo di fronte a due frasi con un contrasto. I soggetti delle due frasi da unire devono essere marcati mediante la particella segna soggetto は per marcare ancora di più questo contrasto. Le frasi unite con が si traducono spesso in italiano con le congiunzioni ma, mentre, invece.

Nella prossima lezione

Nella prossima lezione lasceremo un po’ in disparte le particelle e andremo a vedere i deittici spaziali con il sistema こ・そ・あ・ど

Scarica la lezione in PDF

scarica lezione di giapponese

Link alle altre lezioni del corso di giapponese


Lezione 1 Hiragana e Katakana A-Gyo e Ka-Gyo

Lezione 2 Hiragana e Katakana Sa-Gyo e Ta-Gyo

Lezione 3 Hiragana e Katakana Na-Gyo e Ha-Gyo
Lezione 4 Hiragana e Katakana Ma-Gyo e Ya-Gyo
Lezione 5 Hiragana e Katakana Ra-Gyo e Wa-Gyo
Lezione 6 Suoni purei, semi puri, impuri e contratti
Lezione 7 Varianti stilistiche Hiragana
Lezione 8 Grammatica e pronomi personali
Lezione 9 Kanji
Lezione 10 Particella segna soggetto
Lezione 11 GA per unire due frasi

Autore: Yuki Sakuma

Scritto da Yuki Sakuma il nelle categorie: Corso di giapponese