• 1 Commenti

BGeek 2019 – Tiriamo le somme

Come avevo già preannunciato, questa domenica l’ho passata al BGeek, ed ecco il riassunto della mia giornata.

La giornata è iniziata con la partenza di mattina (non troppo presto per i miei standard settimanali) e giungendo più o meno ai cancelli alle 10:30, dove a me ed ai miei tre compagni di avventura (Andrea, Fabio e Serena) si è palesata una coda per l’entrata che ricordava abbastanza fedelmente il Serpentone del mondo dell’aldilà di Dragon Ball… per cui siamo inseriti in fondo per raggiungere Re Kaioh! XD
Chi mi conosce, sa quanto io ami fare la fila, perché amalgama le persone, le unisce nel comune odio contro la Direzione, infatti devo ammettere che era difficile riuscire a cannare le entrate disponibili per una determinata mole di pubblico… e ci sono riusciti (mi sembra l’Ente Fiera)! XD

Dopo un bel po’ di tempo non bene identificato, passato in chiacchiere amabili, siamo entrati e ci siamo separati, subito alla ricerca dei propri feticci e dei motivi per cui eravamo venuti in fiera. Il mio motivo principale, oltre che passare una bella giornata con i miei amici e ad incontrarne altri che vedo una volta ogni morte di Goku, era appropriarmi di un volume di Junichi Hayama Brush Work e farmelo autografare dal sensei, e sono egregiamente riuscito a completare in fretta questo achievement, oltre che eliminare un buco nella collezione di Devilman Saga grazie al mio amico Nicola de Il Pianeta dei Saiyan, una fumetteria di Trani.

A questo punto si era già liberi, quindi che fare? Come ammazzare il tempo? Niente paura, ci sono un sacco di giochini interessanti a La Tana dei Goblin che aspettavano di essere provati, senza contare i tanti cosplay da poter fotografare in giro per la fiera in attesa della classica gara cosplay. Oltre all’enorme mole di cosplay di My Hero Accademia, c’erano davvero tanti cosplay di serie più o meno recenti, tra i quali una cosplayer di Hyakkimaru protagonista del recente riadattamento animato di un classico di Tezuka, Dororo, o Diamond del fiabesco Houseki no Kuni.

Dopo uno spuntino all’ora di pranzo e tanta acqua fresca a irrorare la gola secca dalla calura praticamente estiva, ci fiondiamo a vedere la gara cosplay per goderci le esibizioni, più o meno colorite dei vari partecipanti, tutti bravissimi e chi più, chi meno, pieni di talento e ingegno.

Dopo la gara abbiamo continuato a girare, per ammirare le mostre di vignette originali appese alle pareti nel padiglione dedicato al BGeek, forse un attimo infrattate rispetto al resto dei giochi da tavolo o videogiochi.

Un altro punto debole quest’anno sono stati i bagni, abbastanza sporchi (almeno io sono entrato in un bagno di cui un gabinetto era intasato fino all’orlo, e nell’altro c’era un sacco di “liquido non ben specificato” per terra. Al contrario, ottima la gestione dei rifiuti. All’interno del padiglione si trovavano diversi cestini, inoltre diversi addetti alla pulizia e raccolta rifiuti giravano di tanto in tanto a raccogliere cartacce e rifiuti che la gente meno educata aveva smollato per terra.

In definitiva, sono abbastanza soddisfatto di questa edizione, anche se non siamo ancora ai livelli di fiere più datate e rodate come il Comicon di Napoli o Lucca Comics. Tanti appuntamenti tra incontri con autori, cosplayer famosi e conferenze su tanti argomenti tra i più disparati.

C’è ancora tanta strada da fare per riuscire a ingrandirsi ulteriormente, ma sono certo che il BGeek abbia la stoffa per farcela! ^_-

Autore: Shinji Kakaroth

Scritto da Shinji Kakaroth il nelle categorie: Convention