• 0 Commenti

Trasformers Armada

Tranformers! More than meets the eye…
Per quanti anni nei pomeriggi degli anni ’80 abbiamo ascoltato questo ritornello?
Quanto tempo abbiamo passato di fronte al video ascoltando quella sigla, per poi tornare dopo mezz’ora a giocare con gli stupendi modellini trasformabili che ora giacciono conservati scrupolosamente nelle nostre soffitte?

I Transformers sono una serie che è vera e propria storia dell’animazione, personaggi che hanno saputo scavarsi un posto nei nostri ricordi e nei nostri cuori. Avevamo già affrontato le sorti di questi personaggi che possiamo definire nippo/americani (anche se molto più americani) parlando sulle nostre pagine virtuali dello stupendo capitolo di Tranformers GENERATION 1 partorito dalla matita del geniale Pat Lee.

Dopo questa bellissima edizione cartacea, ora i Tranformers ritornano in una sorta di nuova storia parallela. La macchina produttrice di Cartoon Network sforna infatti una nuova produzione sempre nippo/americana (molto america e poco nippo) ispirata al mondo dei nostri paladini.

Dico, ispirata, perché in realtà il target di Armada si mostra commercialmente differente, dando vita ad una serie destinata ad un pubblico abbastanza giovane (chi ha detto Pokemon Friendly? ^__^).

Gli episodi caratterizzati dalle tipiche battaglie e dai caratteri così coinvolgenti e originali dei Transformers a noi conosciuti (Commander serio e pacato, Tigre paccone, Maggiolino divertente, Astrum infido e traditore, Mistero perfezionista, Memor intelligente e pericoloso, Megatron cattivissimo) vengono ora sostituiti da una storia differente: vengono introdotti i Minicons, una nuova specie di robot che si attacca alle altre due razze predominanti, tipo parassita, modificandone le potenzilità. Dopo la guerra avvenuta nello spazio, i Minicons finiscono sulla Terra, dove si svolgeranno le vicende di questa nuova serie.

Ma le tendenze del nuovo mercato dell’animazione “giovane” fanno in modo che protagonisti siano ora tre ragazzini Rad (il protagonista), Carlos (la spalla), e Alex (la ragazza del gruppo) che si trovano improvvisamente nella nuova guerra tra titani. Tranformers Armada, come dicevo è figlio delle nuove tendenze dell’animazione per un pubblico giovane, figlio di quel filone a cui appartengono i Pokemon e Beyblade, coadiuvato da quella che nel frattempo è stata la storia evolutiva della saga, cioè le serie di Beast Wars e Beast Machines, di grande successo negli States.

VERSIONE DVD
L’edizione DVD italiana proposta dalla Cinehollywood si concentra sul minimo indispensabile per una semplice visione della serie. I DVD presentano un authoring che, non limitando la qualità audio/video, riduce al minimo le dotazioni multimediali/speciali presenti nelle possibilità dei DVD Video.

Primo aspetto che testimonia quanto detto sono sicuramente i menù, caratterizzati in tutti i volumi da una sola schermata fissa che permette l’accesso agli episodi e al trailer del videogioco ispirato alla serie e prodotto dalla Atari.

Altro elemento da segnalare è la particolare scelta tecnica in fase di authoring non permette assolutamente nessuna operazione da telecomando durante la visione degli episodi. Non potrete effettuare avanzamento veloce, ritorno e salto capitoli (per altro non presenti). L’unica operazione, fortunatamente, possibile è il ritorno al menù.

Dopo le poche attenzioni riposte nell’authoring parliamo, invece, del lato positivo di questo DVD legato a Video e Audio.

La traccia video gode, infatti, di un ottimo encoding, forte, di un bitrate medio molto elevato (7.75 Mb/s di media) permesso dall’inserimento di soli 3 episodi su un DVD5. La traccia audio presenta un trattamento senza pretese, con un a codifica standard in 2.0 che permette di apprezzare dialoghi e colonna sonora in modo chiaro e cristallino, vista anche la qualità prettamente “da serie televisiva” dell’audio di questa serie. Da segnalare la mancanza di traccia audio in lingua originale.

Insomma, l’avrete capito, l’edizione italiana di Transformers Armada è un’edizione che si pone in una fascia DVD di tipo economico e destinata ad un pubblico prettamente giovane. Le scelte, in effetti, non sono sbagliate e data la natura della serie e il pubblico italiano a cui è indirizzata non condannano più di tanto la mancanza di elementi di spicco, in fondo il video è ottimo e l’audio fa il suo dovere. Il prezzo in oltre è molto basso: €14.90 per i DVD e €9.90 per le VHS.

Tenete presente che, da annuncio, gli episodi pubblicati sui DVD e sulle VHS saranno differenti. La Cinehollywood ha, tra l’altro, già annunciato la disponibilità nella distribuzione, con la possibilità di reperire i propri prodotti in tutte le grandi catene di elettroniza di consumo, computer shop e persino da Blockbuster.

Non perdonabile, comunque, la leggerezza e la scarsa attenzione con cui è stato effettuato l’authoring, nella produzione dei DVD Video alcune attenzioni (come la suddivisione in capitoli) sono necessarie anche se il prodotto è di fascia economica. Ribadiamo che manca l’audio originale.

by Stefano Poggioli

Trasformers Armada, 4.3 out of 5 based on 3 ratings

Autore: jetblack

Scritto da jetblack il nelle categorie: