• 0 Commenti

Ghost Sweeper Mikami the movie

GS MIKAMI è certamente uno di quei manga che ha segnato profondamente il panorama fumettistico giapponese degli ultimi anni: le avventure dell’avvenente rossa Reiko Mikami e della sua strampalata Agenzia Acchiappafantasmi continuano senza sosta in patria, e non sembrano vedere una conclusione imminente.

Takashi Shina è uno dei mangaka più popolari e, grazie alla sua creazione, ha portato una ventata di freschezza e originalità in un genere, quello della commedia, che pareva essersi spento e impoverito dopo la grande Opera di Rumiko Takahashi.

Paradossalmente, MIKAMI è stato un flop clamoroso qui in Italia. Partito con pubblicazione mensile dalla STAR COMICS, il manga ha avuto scarso successo, costringendo in breve tempo la casa editrice a sospenderlo a tempo indeterminato. Ora finalmente, dopo lunghi mesi d’oblio, la STAR rilancia Mikami&co. in pubblicazione trimestrale temporanea: se avrà successo, diventerà fissa; altrimenti sarà un addio definitivo al pubblico italiano.

Ecco quindi, nella speranza di dare un contributo positivo al ritorno di questo divertentissimo manga nelle edicole e fumetterie nostrane, anche il sottoscritto (innamorato pazzo di GS MIKAMI) si impegnerà al massimo con questa recensione. Infatti, pochi fan (o detrattori) di MIKAMI sanno che nel 1994 la TOEI ANIMATION, grande casa d’animazione nipponica, produsse una serie televisiva dedicata proprio agli scanzonati personaggi di Takashi Shina. Il lavoro ebbe un grande successo tanto da spingere la TOEI a produrre un film animato di 60 minuti circa (quindi uno special, ma realizzato per le sale cinematografiche) con le migliori tecniche d’animazione. Il film, intitolato “La Resurrezione di Nosferatu”, è arrivato l’anno scorso in Italia grazie a quegli angeli/demoni della DYNAMIC.

La storia in breve: durante il feudalesimo nipponico, il malvagio vampiro Nosferatu viene sconfitto dal prode samurai Akechi Mitsuhide ed imprigionato in un santuario scintoista. Ma, quasi 500 anni più tardi, il demone viene accidentalmente risvegliato da una goccia di sangue di Mikami e, insieme al fedele Ranmaru, si mette nuovamente all’opera per conquistare il mondo. Il municipio di Tokyo viene trasformato in un castello mentre un’orda di zombie assetati di sangue invade la città: il mondo è nelle mani dei GHOST SWEEPER… SI SALVI CHI PUO’!!!

Vera e propria trasposizione animata di un episodio del manga, il film è appassionante e alterna abilmente le molte gag comiche (spesso e volentieri irresistibili) con scene d’azione più serie (ad esempio, il duello finale tra Mikami e Nosferatu).

Dal punto di vista tecnico, niente da dire: si tratta di un’opera per il grande schermo a tutti gli effetti.

Le animazioni hanno una fluidità eccezionale e risultano curatissime, specie nelle scene movimentate (da gustare il formidabile e spassosissimo inizio nel parco cittadino). Buoni i disegni, in special modo quelli dei personaggi, estremamente fedeli agli originali di Takashi Shina (anche se, personalmente, trovo il tratto meno preciso rispetto al manga).

A quest’ottima realizzazione, non corrisponde tuttavia una regia altrettanto efficace: dopo una buona dose di originalità all’inizio, e salvo qualche spunto geniale (il bellissimo combattimento tra Mikami e Ranmaru, scandito come una classica sfida di samurai – avvincente !!!), quest’ultima si rifugia nella “solita media”, finendo per appiattire la frizzante narrazione.

Stesso discorso per le musiche, piuttosto insignificanti (belle però le due canzoni a inizio e fine pellicola).

Ottimo il doppiaggio diretto da Patrizia Salmoiraghi (voce strepitosa della stessa Mikami): mai sentito un gruppo di doppiatori così affiatati e ben calati nei personaggi !!! Oltre alla Salmoiraghi, menzione d’onore anche per Claudio Moneta (il perfido Ranmaru) e Lara Parmiani (una dolcissima Okinu). Senza dimenticare la grande Emanuela Pacotto (Lina Inverse in SLAYERS), irresistibile nel ruolo di Meiko Rokudo.

In definitiva, GS MIKAMI – The Movie è un ottimo prodotto sia tecnicamente che narrativamente. Farà certamente la felicità dei fan del manga omonimo (moi aussi), ma non me la sento di consigliarne l’acquisto immediato a tutti. Il costo è pesante (39 900 L !!!! DYNAMIC ti ucciderei…) e, pur essendo un buon prodotto adattissimo per una tranquilla serata di relax, difficilmente può essere considerato un capolavoro indimenticabile. Il mio consiglio è di provare il manga (PLEASE, SAVE MIKAMI !!!) e decidere poi se dare una chance a questa video oppure no…

Io sono andato in sollucchero, l’ho visto già 240 volte senza esserne ancora stanco, lo rivedrei appassionatamente per altre 300 volte… Ma la mia opinione è irrilevante; il giudizio finale spetta solo a voi. Per i fan della sexy-rossa, invece, non ci sono scuse: compratelo o vi mando a casa Yokoshima!!!

Recensione di SIMONE PELIZZA

Ghost Sweeper Mikami the movie, 3.0 out of 5 based on 1 rating

Autore: Pufferbacco

Scritto da Pufferbacco il nelle categorie: