• 14 Commenti

Anime: Novità dell’Autunno 2010 per le serie animate giapponesi

Ed ecco il panorama delle nuove serie giapponesi partite per la nuova stagione autunnale. SK le ha visionate e sperimentate solo per voi!

noimageavailable

Arakawa Under the Bridge x2

Seconda serie di Arakawa Under the Bridge.
Nella prima serie, Kou Ichinomiya, un giovane rampollo di una famiglia molto ricca e influente, finisce in debito nei confronti di Nino, una bellissima ragazza che vive come senzatetto sotto un ponte del fiume Arakawa. Per sdebitarsi con la ragazza, Kou finisce per diventarne il fidanzato e vivere sotto il ponte con lei, a causa della sua memoria corta.
In questa seconda serie, Kou e Nino continuano la loro vita spensierata sotto il ponte con tutti gli amici pazzi senzatetto e disadattati.

Cosa mi è piaciuto: la stessa atmosfera e lo stile della prima serie e che c’è qualche indizio sul passato di Nino!
Cosa non mi è piaciuto: nulla in particolare…

Voto: 7.5 – Per chi ama gli anime assurdi e demenziali e vuole farsi quattro risate, ovviamente a patto che abbia visto la prima serie.

Sicuramente continuerò a seguirlo.


Bakuman

Adattamento della famosa serie manga edita in italia da Planet Manga.
Mashiro Moritaka è un giovane senza troppe aspirazioni che da piccolo amava disegnare, purtroppo la morte dello zio mangaka, che lui adorava, l’ha colpito così tanto da fargli quasi perdere completamente la voglia di disegnare.
Il ragazzo è segretamente invaghito di una sua compagna di classe, Azuki Miho, e un bel giorno Takagi Akito, un altro suo compagno di classe e studente numero uno della scuola, scopre la cosa e lo avvicina per proporgli di diventare mangaka.
Entrambi si presentano a casa di Miho, dove Takagi le confessa che diventeranno dei mangaka e preso dall’impeto, Mashiro propone a Miho che una volta avuto successo e il loro manga verrà trasposto in animazione, riserveranno la parte della doppiatrice della protagonista a lei, che ha intenzione di diventare una seiyuu professionista, e una volta che questo sogno si sarà avverato le propone di sposarlo.

Questa è più o meno la base su cui la storia di Bakuman si fonda e sono riusciti a riassumerla perfettamente in un solo episodio!
Ero un po’ scettico nella trasposizione animata, ma devo dire che buca bene lo schermo e le voci dei protagonisti mi piace alquanto. Lollosa la sigla finta di “La Leggenda del Super Eroe” cantata da Hironobu Kageyama! XD
La sigla vera è oscena!
La ending è decisamente meglio della op!

Cosa mi è piaciuto: la sigla finta e i doppiatori!
Cosa non mi è piaciuto: la sigla vera!

Voto: 7.5 – Decisamente una serie da seguire, anche se non ho idea in 25 episodi fino a che punto riusciranno ad arrivare… forse ai capitoli intorno al 50? Spero non facciano episodi filler! XD
Consigliato a tutti!

Sicuramente continuerò a seguirlo.


Fortune Arterial

Kohei è abituato a cambiare città e amici a causa del lavoro dei genitori, ma ormai ha deciso di tornare sull’isola dove aveva già abitato in passato e di andare a vivere nel dormitorio scolastico.
Qui vorrebbe ritrovare se stesso, ma finisce per trovare Erika, la quale per qualche motivo sembra attratta da lui.
A fine epi Kohei finisce per scoprire che il fratello di Erika è un vampiro (ovviamente anche Erika)!

Serie simil harem… non sono dell’umore giusto per serie simili, inoltre il mettere in mezzo i vampiri mi ha dato davvero fastidio!
Le sigle sono orribili!

Cosa mi è piaciuto: nulla in particolare.
Cosa non mi è piaciuto: l’aria di già visto.

Voto: 4 - Non c’è niente di peggio di un harem coi vampiri! Consigliato agli amanti degli harem!

Non la seguirò! DROP!


Kuragehime

Tsukimi Kurashita è ammaliata dalle meduse. Da piccola la madre gliene fece vedere alcune bellissime in un acquario, e da allora la ragazza ne è rimasta innamorata, diventando una vera e propria otaku delle meduse. A 18 anni vive a Tokyo in un dormitorio pieno di tante disadattate, esattamente come lei. Una amante di bambole tradizionali giapponesi, una gerontofila, una otaku di treni e una otaku del Romanzo dei Tre Regni. Un giorno va a trovare una medusa in un negozio di animali, ma scopre che nella stessa vasca è stata messa un’altra specie di medusa che non puo’ convivere con la prima. Cercando di superare la sua omofobia, spiega balbettando le sue ragioni, ma il commesso la caccia a calci. A questo punto entra in scena una bellissima ragazza dall’aspetto curato che l’aiuta e sfrutta il suo fascino per farsi dare la medusa.

La storia è carina, fuori di testa e sui generis. Non vi racconto il finale perché potrei rovinarvi la sorpresa (anche se personalmente il doppiaggio lascia intendere qualcosa), ma è una serie davvero divertente per le reazioni che la protagonista ha durante tutto l’episodio. La sigla è qualcosa di assurdamente bello, con un sacco di scene che fanno riferimenti a vecchi film!

Cosa mi è piaciuto: la sigla iniziale è stupenda! XD
Cosa non mi è piaciuto: le coinquiline otaku non mi sono sembrate un granché…

Voto: 7 - Davvero una serie divertente! Straconsigliata a tutti quelli che amano le commedie strane!

Sicuramente continuerò a seguirla!


Hyakka Ryouran: Samurai Girls

In un Giappone retrò del 21° secolo, Yagyuu Muneakira si trasferisce in una nuova scuola, dove incontrerà la giovane Yukimura Sanada, che gli parlerà delle malefatte del comitato studentesco e dello shogunato.
Mentre stanno scappando, dal cielo scende una ragazza tra le braccia del protagonista.

Animazione e regia davvero belle, nonostante le botte d’inchiostro sulle parti intime delle ragazze (ma immagino uscirà una versione non censurata notturna o dvd/brd)!
Il chardes l’ho apprezzato diverse altre volte, la sigla iniziale pompante e figa, la finale caruccia.

Cosa mi è piaciuto: le scene d’azione.
Cosa non mi è piaciuto: la camerierina M.

Voto: 6 – Suvvia, nessuna infamia e nessuna lode… come ovviamente nessuna pretesa… da seguire con scanzonatezza e scazzo e la fine alla Suzumiya!

Probabilmente continuerò a seguirla.


Iron Man

Tony Stark, aka Iron Man, decide di ritirarsi dalla carica di Iron Man e si reca in Giappone, dove sta tenendo un progetto per un Reattore Arc per dare energia pulita e gratuita al Giappone. Allo stesso tempo per salvaguardare i suoi interessi ha creato Iron Man Dio, dei prototipi di produzione in serie che sostituiranno Iron Man.
Purtroppo non tutto va come deve e finisce per attirare l’attenzione di un gruppo chiamato Zodiac.

Mah… non m’è dispiaciuto, ma neanche m’è sembrato chissà che… avrei preferito fosse più simile al primo trailer… A dirla tutta, m’ha ricordato un botto il film con la sua regia… be’ non ho altre pietre di paragone, visto che la serie animata vecchia non ci somiglia per niente e il comic non l’ho mai letto!

Le sigle sono in puro stile USA, solo musiche rockettate senza cantato!

Cosa mi è piaciuto: l’aria che ricorda molto la regia del film.
Cosa non mi è piaciuto: il chardes non mi ha colpito granché… e tutti i cambi di scena a scomparsa della prima parte dell’episodio… al quarto m’è venuto il mal di stomaco!

Voto: 6 – Non è un parere da nerd, ma non sembra male!

Probabilmente continuerò a seguirla.


MM!

Sado Taro ha un piccolo problema, è un masochista. Per curare il suo masochismo, chiede aiuto su consiglio di un amico al Secondo Club di Volontariato della sua scuola. Ad accoglierlo ci sarà una senpai bassina e bionda che sebbene si presenterà come una ragazza dolce e calma, ben presto dimostrerà la sua vera indole crudele e rozza!
L’idea della ragazza è far sperimentare a Taro un dolore così atroce da far svegliare il suo senso di sopravvivenza e far sparire così il desiderio di essere picchiato!
Riuscirà Taro, aiutato da Mio senpai e da Yuno, a perdere il suo masochismo?

LOL! Il tizio si chiama Sado, nonostante sia un M!
Il primo episodio non è nulla di che, tutto molto prevedibile, ma fa ridere per l’assurdità dell’argomento e di come viene esposto al pubblico. E’ anche presente la tematica seria dell’accettazione di una persona diversa, ma sono certo che l’episodio non m’avrebbe fatto ridere ugualmente se il protagonista non fosse doppiato da Jun Fukuyama, di cui ormai dovreste sapere che sono grande fan!

Belle le due sigle, la ending con tanto di balletto!
LOL! L’inizio della sigla che percula Toradora!

Cosa mi è piaciuto: l’interpretazione di Jun Fukuyama.
Cosa non mi è piaciuto: che se va avanti così, oltre a diventare prevedibile diventerà anche noiosetto, con sempre gli stessi ricicli di gag e situazioni.

Voto: 6.2 – Una commedia-demenziale guardabile per farsi due risate senza troppe pretese.

Probabilmente continuerò a seguirla.


Ore no Imouto ga Konnani Kawaii Wake ga Nai

Kyousuke Kousaka è uno studente delle superiori con un problemino… sua sorella minore, Kirino, è odiosa e insopportabile, come è giusto che sia una sorella, e raramente ci scambia due chiacchiere!
Un giorno per caso viene a conoscenza della mania della sorella che credeva perfetta… è una otaku di una certa serie di galgame ed erogame (giochi spesso erotici in cui il giocatore interpreta quasi sempre un ragazzo che deve riuscire a portarsi a letto una o più ragazze del gioco) incentrati sulle sorelle minori!
Kirino una volta fatto apertamente outing col fratello, decide di metterlo al corrente e condividere con lui la sua mania, usandolo come valvola di sfogo, visto che è costretta a tenere il segreto con tutti per non rovinare l’immagine che gli altri hanno di lei!

Mah, personalmente non ho trovato questo episodio così interessante, a parte la carineria del chardes. Le basi di questa serie non mi sembra così interessante! Mah, vedremo…
Una sigla viene mandata sul finire dell’episodio in sottofondo, quindi non posso parlarne bene o male e non so se sia la op o la ed…

Cosa mi è piaciuto: le pantofole della sorella sono CARINISSIME!
Cosa non mi è piaciuto: la solita tsundere… ce ne sono troppe nel panorama animato jappo!
DANNATI OTAKU SIETE TUTTI MASOCHISTI?

Voto: 5.5 – Oltre al chardes carino non la trovo poi così divertente come serie… c’è di meglio, quindi non ho idea se la dropperò a breve o la seguirò fino alla fine.
Consigliato agli appassionati di personaggi tsundere o di commedie strane.

Forse continuerò a seguirla.


Otome Yokai Zakuro

Nell’era Meiji, tre giovani ufficiali dell’esercito nipponico vengono incaricati di entrare a far parte della neonata sezione affari spirituali.
I tre bishonen saranno affiancati da alcune mezze-youkai. Kei Agemaki, figlio di un generale noto, ha purtroppo terrore assoluto degli spiriti e affini e per questo viene preso in giro da Zakuro, la sua partner.

Sempre le stesse cose… ormai basta qualche scusa e qualche differenza qui e là per trasformare un plot usurato in qualcosa di diverso… purtroppo di serie così ne ho abbastanza piene le tasche… manco fosse Ouran! XD
Carina la ed e la op!

Cosa mi è piaciuto: che Tamak… ehm… Kei se la fa addosso e inventa un sacco di puttanate per far finta di non aver paura.
Cosa non mi è piaciuto: che praticamente non c’è e non ci sarà trama! Già dalla Op e Ed fanno capire i vari TORAUMA della protagonista e altri!

Voto: 5.8 - Consigliato agli amanti dei nekomimi.

Forse continuerò a seguirla.


Panty and Stocking with Garterbelt

Panty è una biondona divoratrice di uomini e insaziabile a letto, Stocking una saccaromane con tendenze goth. Che hanno in comune queste due? LA MISSIONE!
Infatti loro due sono angeli mandati dal cielo ad epurare il male di questo mondo… a dire il vero sarebbero degli angeli che per non decadere sono costretti a distruggere il male e accumulare monete del cielo, ma fa lo stesso!

La struttura degli epi sarà simile a questo primo… due storie autoconclusive di mezzo epi ciascuno. E’ tutto molto veloce, quindi le presentazioni filano via che è una bellezza!
Il primo episodio m’ha fatto ridere, certe animazioni sono venute fuori proprio bene per questo “genere” di animazione!
Sigla iniziale decisamente carina!

Cosa mi è piaciuto: la scena quando si trasformano con un’animazione normale! SBAV!!!
Cosa non mi è piaciuto: il demone di merda! CHE PUZZAAAAAAAAAAAAAA!

Voto: 7 – Che risate! Le superchicche p0rn0!

Sicuramente continuerò a seguirlo!


Shinrei Tantei Yakumo

Haruka frequenta il secondo anno dell’università e dopo una strana serie di eventi che avvengono in seguito ad una visita fatta con degli amici al vecchio complesso scolastico, si rivolge a Yakumo, responsabile di un Club sul paranormale e di cui si vocifera abbia dei poteri. Il ragazzo infatti ha un occhio particolare col quale riesce a vedere e comunicare con i defunti.

Mah… la trama sa di già sentito/visto, lo svolgimento non è un granché… le sigle fanno schifo. Con buona probabilità non lo seguirò fino alla fine.

Cosa mi è piaciuto: nulla in particolare!
Cosa non mi è piaciuto: le sigle, per non parlare del nemico, che sembra un buffone!

Voto: 5.3 – Una serie Thriller/Horror cosìcosì…

Forse continuerò a seguirlo.


Shinryaku! Ika Musume

Una ragazza-seppia, appunto Ika-musume, decide di invadere la Terra, per vendicarsi dello scempio che gli uomini fanno dell’oceano, come prima tappa della conquista sceglie un bar-ristorante sulla spiaggia, ma purtroppo le due sorelle Aizawa e il loro fratellino Takeru, si riveleranno essere degli ossi fin troppo duri per un essere invertebrato!

Il primo episodio è fatto di una serie di gag che hanno come fondamento la conquista di Ika-musume e l’attività del barettino tipo “Se non riesci a gestire 30 persone in un ristorante come puoi pensare di sottomettere sei miliardi e mezzo di persone?”, frase con la quale Eiko, la secondogenita, finisce per asservire Ika-musume come part-timer!

La sigla fa già morir dal ridere anticipatamente.
La finale è la tipica finale lenta con un video saltabile a pie’ pari!

Cosa mi è piaciuto: le battute e il nero di seppia (quando ne mangerò in futuro, mi verrà sempre in mente questa serie, che da nuovo “colore” alla pietanza)!
Cosa non mi è piaciuto: la sigla finale.

Voto: 7.3 – Una serie demenziale divertente da seguire. Consigliato agli amanti di serie come Yotsuba&!

Continuerò a seguirlo.


Sora No Otoshimono Forte

Seconda serie di Sora no Otoshimono…
Tomoki, dopo aver salvato Nymph dall’autodistruzione, torna alla vita di tutti i giorni (si fa per dire, farsi randellare gli zebedei da 4-5 bit esplosivi non lo chiamerei “normale”) ma l’angiolessa dei suoi sogni lo ammonisce di stare attento, infatti un’altra angiolessa biondona (Astraea) sta scendendo dai cieli sotto gli ordini dei tirannici angeloni spocchiosi.
Riuscirà Tomoki a farci morir dal ridere con le sue perversioni? Direi che è sulla buona strada!

La sigla è una versione sicuramente parodica della prima serie (dico così perché spero sia una trollata e che dal prox epi ci sia una sigla nuova)!
La ed… c’era una ed? MAH!

Cosa mi è piaciuto: che il clima non è cambiato!
Cosa non mi è piaciuto: che mo metteranno una terza angiolessa per fare angst e poi finiranno per fare moe!

Voto: 6.5 – Come sempre qualcosa di demenziale e leggero
per chi sa cosa vuole! XD

Continuerò a seguirlo!


Soredemo Machi wa Mawatteiru

In un distretto periferico Arashiyama, una tipica ragazza dalla testa vuota, lavora in un piccolo caffé che da poco è diventato un Maid Caffé.
Il posto è frequentato da Sanada, un compagno di classe di Arashiyama, che è innamorato della giovane. Presto la ragazza racconta del caffé anche alle sue amiche, Toshiko e Harue, che la vanno a trovare, spazzando così ogni aspettativa riguardo al caffé che è in realtà un normalissimo bar con la proprietaria e Arashiyama vestite da cameriere! XD

La regia shaft mi ha fatto morire! Certo, questa serie ricorda un botto Natsu no Arashi! per il fatto che è ambientata in un bar, per la protagonista che ha la stessa doppiatrice di uno dei protagonisti e per la regia! Cmq come serie è divertente! Ci sono certe parti, all’inizio e alla fine, che fanno il verso a serie come Bartender!

Le sigle bellissime, sia per regia che per musiche. Una band fatta di basso, batteria, violino e fisarmonica proprio non me l’aspetterei come ending!

Cosa mi è piaciuto: le sigle e le gag.
Cosa non mi è piaciuto: il chardes non mi ispira molto.

Voto: 7 – Serie divertente con tante gag stupide e personaggi fuori!
Consigliato agli amanti delle serie comico-demenziali!

Sicuramente continuerò a seguirlo!


Star Driver: Kagayaki no Takuto

Nuova serie robotica della BONES.
Sull’isola Croce del Sud, Wako salva la vita a Takuto, un giovane venuto dall’entroterra A NUOTO per studiare all’istituto superiore dell’isola. Qui troverà un gruppo di fanatici, la Brigata Stella Splendente, il cui scopo è spezzare i sigilli portati dalle miko dell’isola e far muovere i Saibuddy, delle enormi marionette robotiche, nella dimensione reale, per non si sa bene quale motivo… conquista del mondo forse?
Takuto, assieme al suo Saibuddy, Tauburn, sconfiggerà il primo cattivone del gruppo e salverà Wako, ergendosi a difesa della giovinezza e dei più deboli!

Il primo episodio è proprio caruccio. Ci viene presentata una buona parte del cast e ci sono diverse belle gag!
Dopo averlo visto concordo col mio parere precedente, sembra una via di mezzo tra Diebuster, Gurren Lagann e Utena!
Sigla iniziale carina, sigla finale pure! Bella la canzone cantata da Sakana-chan/Pesciolina prima della fine dell’epi.

Cosa mi è piaciuto: la sboronia del protagonista!
“IT’S A PINCER! IT’S A PINCHI! IT’S A PUNCH!”
Cosa non mi è piaciuto: nulla in particolare.

Voto: 7.5 – Bella serie, bel chardes, se ci mettiamo che ci sono pure i mecha, anche se molti continuano ad aver da ridire sul mechades, è una serie da seguire!
Per gli appassionati degli anime robotici e sboronici!

Sicuramente continuerò a seguirlo.


Super Robot Wars OG – The Inspector

La serie inizia su un universo alternativo (per quanto abbia capito) con un combattimento tra Kyosuke ed Axel, con sconfitta di Kyosuke e salto dimensionale di Axel. Per continuare mostrandoci i membri dell’ATX Team contro un gruppo di reduci dei Divine Crusaders. Un po’ di politica, un po’ di mazzate ed ecco che appare a fine episodio qualcosa dal nulla… chi sarà mai?

Tornano per tutti gli amanti dei robotici e della serie di videogiochi tattici CULT del panorama nipponico, i protagonisti Original di Super Robot Wars.
Questa serie sembra incentrata sulle vicende dell’ATX Team, ovvero Excellen, Kyosuke e Bullet (che fine ha fatto Sanger?).
In questo primo epi oltre alle mazzate c’è già un abbozzo di politica e questo fa sempre bene per destare un po’ di interesse poliedrico.

Non c’è niente di meglio di una sigla dei JAM Project per farti venire la voglia di seguire un anime robotico! TI DA LA GRINTA IN PIU’!
La ending fa credere che si tratti di una trasposizione del videogioco alla Dead or Alive Beach!

Cosa mi è piaciuto: i robot, la figaggine dei piloti che ho tanto amato e usato durante i giochi!
Cosa non mi è piaciuto: il comandante cagasotto e calcolatore della Shirogane!

Voto: 7 – Per tutti i fan della serie di videogame e delle serie robotiche in generale.

Sicuramente continuerò a seguirlo.


Tegami Banchi Reverse/Letter Bee Reverse

Seconda serie di Tegami Banchi/Letter Bee, che riprende da dove s’era fermata la prima serie. Lag reincontra Gauche che però non ha alcun ricordo del suo passato e si fa chiamare Noir e porta avanti la professione di ladro per una società anti-governativa. Dopo essere tornato all’alveare, Lag decide di continuare la sua ricerca e cercare di far tornare a Gauche i ricordi.

Mah, sono molto scettico su questa seconda serie… Mi sembra che il manga non sia concluso, poi già la prima serie non mi è piaciuta così tanto, non so se seguire questa seconda serie giusto per la curiosità di vedere dove vogliono andare a parare… Poi Lag è insopportabile, episodi interi di pianti e lagne!

La sigla finale è meglio di quella iniziale!

Cosa mi è piaciuto: la trama di Gauche senza memoria sfruttato dal tizio col cilindro.
Cosa non mi è piaciuto: tutto il resto!

Voto: 5.5 – Nulla di nuovo, sempre le stesse cose, ma forse con un po’ più di trama in più. Consigliato alle fangirl, e a chi sicuramente avrà già apprezzato la pria serie.

Non so se continuerò a seguirlo.


The World God Only Knows

Keima Katsuragi è un bel ragazzo dall’aria affascinante. Il suo grosso problema è che è un otaku ed un amante dei Galgame (giochi in cui cerchi di conquistare una o più ragazze) e si vanta d’aver conquistato diecimila ragazze! XD Sulla rete si fa persino chiamare Dio delle Conquiste. Un giorno gli arriva una mail strana che lo sfida a conquistare una certa ragazza… irritato dalla sfida, Keima accetta, ma non sa che ben presto si pentirà della sua arroganza.
Infatti ha firmato un patto con un demone… per liberarsi dovrà liberare degli spiriti fuggiti dall’inferno e insediatisi nei cuori di alcune ragazze. Unico modo per scacciare gli spiriti vaganti è prendere il loro posto nel cuore delle ragazze, in caso contrario l’anello fissato dal patto attorno al collo di Keima gli taglierà la testa! Come compagna d’avventura e garante ci sarà una simpatica demonessa Elucia.

Le premesse di questa serie fanno ridere e preferisco avere un protagonista otaku che gioca ai galgame e deve cercare di portare le sue conoscenze nel mondo reale, piuttosto che la tipa tsundere di “mia sorella non puo’ essere così carina” di cui ho parlato più su.
La sigla per video m’ha ricordato un botto la op di Eden of the East.

Cosa mi è piaciuto: Il protagonista e gli stereotipi dei galgame, che pretende e la demonessa gli offre per ingraziarselo!
Cosa non mi è piaciuto: mhm… niente in particolare…

Voto: 7.8 – La commedia demenziale di stagione! Consigliato a tutti!

Sicuramente continuerò a seguirlo.


To Aru Majutsu no Index II

Dopo l’uscita dello spin-off (deludente), ecco la seconda serie di Index.
Toma vive in una città scolastica in Giappone dove sono raccolti quasi solo studenti con poteri che vengono suddivisi il livelli. Lui non ha alcun potere psichico, per cui viene considerato un Level 0, eppure nasconde un terribile mistero, infatti il suo braccio destro è capace di cancellare qualsiasi potere o magia, l’Imagine Breaker.
In questo primo episodio lo rincontriamo sempre in compagnia di Index, che viene rapita dal tizio di turno per poi essere salvata a fine episodio.

Come inizio potevano fare di meglio… bellissima la scena con Mikoto!
Non vedo l’ora di vedere altre scene TomaXMikoto! ^^
La sigla iniziale è ganzissima figa anche la sigla finale! Troppo kawaii la coppia Index e Sphinx!

Cosa mi è piaciuto: La parte di Mikoto che cerca disperatamente di dare il suo numero di cell a Toma e lui che come al solito la ignora!
Cosa non mi è piaciuto: il plot di questo primo episodio… ormai è diventata routine che Index venga rapita… e dal preview sembra che venga rapita anche al prossimo!

Voto: 7 – Quanto m’era mancato quel “Quando scienza e magia s’incontrano, la storia ha inizio!“!
Consigliato a chi ha già visto e apprezzato la prima serie!

Sicuramente continuerò a seguirlo.


Togainu no Chi

In un futuro post-apocalittico, Akira si guadagna da vivere lottando sotto lo pseudonimo di Lost in un gioco di combattimenti chiamato Bl@ster. Un giorno viene accusato dell’omicidio di un partecipante del Bl@ster e mandato in galera. Qui gli viene chiaramente fatto capire che, anche se innocente, finirà all’ergastolo. Per non dover passare il resto dei suoi giorni in carcere, decide di accettare la proposta di una signora che lo viene a trovare, offrendogli una missione a Toshima, un’area senza legge da cui parte una sostanza stupefacente molto diffusa. Il suo compito sarà sconfiggere tizi e accumulare medagliette, per poi battersi e uccidere Il Re, il campione dell’Igura.

Tipica storia alla Iena Plisky… c’è una zona distrutta dove vige violenza, droga e morte, fregano un tizio e lo mandano a fare pulizia! Nulla di originale! -__-
Belle sia la op (dei Granrodeo) che la ed.

Cosa mi è piaciuto: La op e la ed! XD
Cosa non mi è piaciuto: troppi bishonen! XD

Voto: 5 – Troppi maschioni bishonen per i miei gusti! Consigliato a chi ama le serie violente o alle fangirl!

DROP!


Yosuga no Sora

Haruka e Sora Kasugano sono due fratelli gemelli (maschio e femmina) che hanno appena perso i genitori in un incidente e si sono trasferiti nella vecchia casa di campagna.
Sora aveva dei problemi di salute e non sembra volersi ambientare nella sua nuova vita, mentre Haru comincia a frequentare la scuola e a conoscere diversa gente. La sorella però ha un recondito desiderio incestuoso nei confronti del fratello.

Allora, partiamo dal presupposto che questa è una classica serie harem, aggiungiamoci diverse scene esplicite (masturbazione, incesto e scene di nudo non censurato) e cosa ne viene fuori?
Nulla… già, la solita serie che punta a far leva sui sentimenti, creando un clima di dubbio sulle relazioni passate e quelle future, impepando il tutto con gag sporadiche. La cosa più bella dell’episodio mi sa che è la sigla finale! XD

Cosa mi è piaciuto: l’angolino demenziale della cameriera a fine epi e la sigla finale.
Cosa non mi è piaciuto: tutto! XD

Voto: 5 – Nulla di nuovo, sempre le stesse situazioni estreme per far pena e per attirare l’attenzione.
Consigliato agli amanti del genere harem/ecchi/romantico.

ATTARIIIIIIIIIIIIIIIII!!!!
Abbiamo il mio primo DROP di stagione! XD

Non sono in vena di serie harem simili, sicuramente non lo seguirò!


Autore: Shinji Kakaroth

Scritto da Shinji Kakaroth il nelle categorie: Nanoda News