• 5 Commenti

4 domande aperte a J-Pop sul futuro

l

Nonostante il comunicato di J-Pop (BD) sia chiarificatore sul lato Kodansha e mostri chiaramente un positivo atteggiamento nei confronti del lettore, almeno per la parte di supporto ai futuri editori (se ci saranno) dei loro ex titoli, certamente vista la situazione generale del parco titoli rimasti non è sufficiente, OGGI.

Nonostante quanto successo a GP non sia nulla di nuovo nel panorama manga, né in Italia né all’estero, tuttavia, forse principalmente per le modalità di come è uscita la notizia, lascia un certo senso di incompiuto, e mettendoci nella parte dei lettori – quali siamo – unendo un minimo di esperienza riteniamo doveroso da parte nostra porre alcune domande in merito ai legittimi dubbi.

Sono domande aperte, un editoriale, a voi la scelta se rispondere o lasciarle all’eco.

Per questo abbiamo deciso di scrivere questo articolo, queste “domande aperte a J-Pop” e ci siamo ripromessi di rigirarle, invero senza pretese di sorta, sia all’editore e al direttore editoriale Jacopo Costa Buranelli, sia ci permettiamo ad AnimeClick visto che hanno dichiarato di aver ottenuto un’intervista esclusiva certamente molto attesa (anche se do per scontato che i loro argomenti siano almeno in parte sullo stesso ordine quindi non me ne vogliate se mi sono permesso di scrivervi), poiché riteniamo che questi siano i punti principali da cui togliere fumo.

Obiettivamente J-Pop (BD) sta subendo un bel danno d’immagine e credibilità quindi, giunti a questo punto, visto che non ci sarebbe nulla da perdere, riteniamo che sia imprescindibile che venga fatta chiarezza a 360°, visto che Kodansha non è il solo problema… anzi direi che non è nemmeno il principale problema.
Avrebbe senso traccheggiare e dover riaffrontare la bufera 2 volte? Su dai…

Quando una pianta che pur produce ottimi frutti ha tanti rami secchi, si rischia che anche quelli buoni non riescano a germogliare e quindi ogni contadino che si rispetti sa che l’unica cosa da fare è potare.
E guardate, J-Pop, chiunque con un po’ di anni sulle spalle e un po’ di realismo da almeno 1 anno riteneva inevitabile e necessario che voi interrompeste tutti i manga in crisi per ripartire da zero con almeno quello che oggettivamente meritava / vendeva, ben consci che J-Pop ha probabilmente il miglior catalogo per i più grandicelli e produce le migliori edizioni.
Sperando che il fastidio di oggi, la perdita di 19 serie come minimo, possa risolvere il problema per tutte le altre, e quindi sia il male necessario, vogliamo chiedervi:


DOMANDA NUMERO 1

Se non fosse fuoriuscita la comunicazione agli editori, certamente rincuorati per il loro magazzino, quando J-Pop aveva in programma di annunciare l’interruzione di tutti i manga Kodansha?


DOMANDA NUMERO 2

Visto che il selloff finisce il 30 giugno 2016 facendo due calcoli i diritti non rinnovati sono stati interrotti – scaduti – tra il 31 dicembre 2015 e gennaio 2016, anche perché nel vostro sito quasi tutti sono ancora acquistabili oggi.
Posto che voi stessi avete scritto che per molti mesi avete tentato di strappare un accordo a Kodansha riuscendoci solo con Sankarea e He’s my Vampire (usciti a febbraio quindi dopo la rottura NB), dando per scontato che eravate a conoscenza della scadenza del rinnovo, a novembre obiettivamente doveva essere davvero ai minimi storici la vostra fiducia nel risolvere in bene la questione…
quindi perché avete fatto uscire un volume novità di SYM e ristampato o ridistribuito a gennaio Noragami quando era oramai certo che sarebbero stati interrotti nemmeno 30 giorni dopo?


DOMANDA NUMERO 3

Da quello che si capisce il limite di vendita di giugno vale anche per Sankarea e He’s my Vampire.
Visto che erano serie quasi complete in Italia (complete in Giappone) avete cercato di fare tutto il possibile per concluderle, ottima cosa.
Perché non avete fatto lo stesso con Detonation Island, ad esempio, di cui mancavano solo 2 numeri?
I diritti in un certo momento li avevate visto che avete fatto uscire dei volumi, quindi perché non fare lo stesso sforzo e finirla prima della conclusione del contratto?
Possibile perché non avevate contrattualizzato solo gli ultimi 2 albi? O forse è perché economicamente Sankarea vendeva molto di più di Detonation Island e quindi ne è valsa la pena?
Detonation Island 16 è uscito a maggio 2014, praticamente avete avuto 1 anno e mezzo per far uscire 2 volumi, e ricordo che lo avevate calendarizzato!


DOMANDA NUMERO 4

E’ palese che i lettori oggi pretendano chiarezza su tutte le vostre testate ferme da oltre un anno.
Quindi vi elenchiamo qui le serie che si teme facciano la stessa fine pur non essendo Kodansha, sperando di non scordarne nessuna.

Vi chiediamo di rispondere a ognuna con un semplice. Continua, non continua, non è certo se continua.

Ad esempio non si capisce se lavoriate ancora con Daiwon visto che le serie di questo editore sono ferme quasi tutte dal 2012.

EDIT

Facciamo notare che alcune di queste serie erano già segnalate da voi, pubblicamente, come con problemi contrattuali ad aprile 2014. Serie mai riprese.

Da notare anche lo strano caso di Noragami, nel 2014 dato con problemi di rinnovo, poi uscito per un po’ e quindi evidentemente avevate rinnovato, addirittura ristampato a gennaio 2016 e poi interrotto a febbraio 2016 con motivazione apparente di mancato rinnovo… ma vi quadra il discorso?


(ND la lista è stata fatta su MangaDB – thx Death Mask)

  • Ciel: 16 volumi su 23, fermo da luglio 2012
  • Demon King: 37 volumi su 55, fermo da luglio 2012
  • Immortal Regis: 5 volumi su 6, fermo da settembre 2012
  • Raiders: 8 volumi su 9, fermo da marzo 2012
  • Witch Hunter: 12 volumi su 17, fermo da aprile 2012
  • Hell Blade: 4 volumi su 5, fermo da maggio 2014


  • Cyber Blue Lost Number Children fermo da dicembre 2012
  • Drifters fermo da novembre 2012
  • Dolls fermo da settembre 2012
  • Hetalia Axis Powers fermo da novembre 2013
  • L’Impero delle Otome fermo da gennaio 2013
  • L’Isola dei Tokkou fermo da agosto 2014
  • La Scomparsa di Yuki Nagato fermo da maggio 2012
  • Loveless fermo da novembre 2013
  • Me and My Witch fermo da luglio 2014
  • Moonlight Act fermo da maggio 2013
  • Nina Stardust fermo da marzo 2013
  • Vampire Hunter D fermo da dicembre 2013
  • Wild Adpter fermo da febbraio 2011
  • Wolfsmund fermo da agosto 2012
  • Wombs fermo da luglio 2014
  • L’impero delle Otome fermo da gennaio 2013
  • After School Charisma fermo da ottobre 2014
  • Eppur la città di muove fermo da ottobre 2012
  • Five fermo da maggio 2014
  • Gisèle Alain fermo da agosto 2014
  • Kanuchi fermo da ottobre 2011
  • Legea 13 fermo da gennaio 2013
  • Lindbergh fermo da settembre 2012
  • MiXiM 11 fermo da settembre 2011
  • OZ fermo da settembre 2013
  • Pangaea fermo da settembre 2013
  • Rain fermo da aprile 2013
  • Sogno D’amore fermo da sebbraio 2014
  • Toraneko Foklore fermo da agosto 2013
  • Death Edge fermo da agosto 2013
  • Xenon 199x R fermo da aprie 2014




Grazie

Autore: Pufferbacco

Scritto da Pufferbacco il nelle categorie: Editoriali, Intervista, Nanoda News